1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gigi10

    gigi10 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti,

    una domanda: mi hanno detto che un'eventuale clausola messa in un contratto di affitto che preveda il divieto di tenere animali nell'appartamento, e' da considerarsi nulla alla luce di qualche normativa recente.
    Lo potete confermare?
    Eventualmente, sapete dirmi quali sono i riferimenti da consultare?

    Grazie in anticipo
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Mai più divieti alla presenza di animali domestici in condominio. È questa una delle principali novità contenute nella legge di riforma della vita condominiale (la 220/12) approvata definitivamente lo scorso novembre e in vigore a partire dal 18 giugno scorso.
    Il vietato vietare animali è contenuto nell’articolo 16 del testo di legge che integra l’articolo 1138 del codice civile con la disposizione: “Le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici”.

    La nuova norma è valida anche per i vecchi regolamenti o solo per i nuovi?

    È stata inserita nell’articolo 1138 del codice civile, ossia nell’articolo che disciplina i regolamenti assembleari, quelli che possono essere fatti a maggioranza. In sostanza si è voluto incardinare in una norma scritta un principio assodato nella giurisprudenza: a casa mia, nella mia proprietà privata, ci posso tenere l’animale che voglio e nessuna delibera assembleare me lo può impedire. Diverso il caso del regolamento del costruttore firmato e accettato al momento dell’acquisto, in quel caso ci può essere un divieto su cui la riforma non può agire. Vero è che, una volta affermato così esplicitamente un principio, in sede di controversia il giudice non potrà non tenerne conto.


    Azioni
     
    A Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  3. gigi10

    gigi10 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie anche per il tempismo,

    il mio caso però e' diverso: sto parlando di un appartamento di cui io sono proprietario che sto affittando, e che vorrei mettere nel contratto di affitto, da sottoscrivere da parte del conduttore, che non deve tenere animali, neanche in futuro.
    E' una clasuola nulla?
    Non direi che si applica quanto hai posatato, qui siamo nell'ambito di un contratto bilaterale.

    Grazie ancora
     
  4. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E' una clausola nulla anche se è stata firmata dal conduttore.
     
    A Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  5. gigi10

    gigi10 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie anche a te,
    posso chiderti sulla base di quale norma o interpretazione?
    Continuo a non vedere un legame diretto con quanto citato da Jerry48, e non capisco cosa possa rendere nulla una clausola espressamente concordata tra le parti, e che, nel mio caso, costutisce un presupposto per l'accordo per ragioni che non vi sto a specificare in quanto ininfluenti.

    Grazie ancora
     
  6. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    La clausola di divieto di detenzione degli animali era valida, solo se esistente prima dell'entrata in vigore della riforma del Condominio.
    La clausola inserita in un nuovo contratto è nulla, come riferito da alberto bianchi.
     
  7. gigi10

    gigi10 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Jerry48,
    scusa l'insistenza, ma non stiamo parlando di condominio (tra l'altro l'appartamento non e' nemmeno in un condominio, ma in un edificio con un unico proprietario), ma di un contratto di affitto tra due parti.

    Vedo nel tuo post che si parla espressamente di "regolamento condominiale".
    Sicuramente in caso di andata in giudizio può essere un elemento tenuto in considerazione, ma non vedo da dove possa arrivare questa sicuerezza sulla nullità della clausola, almeno da quanto riportato finora.

    Grazie per la pazienza
     
  8. gigi10

    gigi10 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Scusate ancora,
    non e' per avere avere ragione a tutti i costi, ma per la discussione e nel caso possa servire ad altri.
    Ho provato adesso a cercare in rete ed ho trovato quanto segue.
    Le fonti non sono citate, ma sembra un commento puntuale.

    Saluti

    Animali e condominio: cosa dice la legge
    Una importante novità riguardante il possesso di animali è contenuta in una disposizione del Codice civile, recentemente riformato sul punto, che ha in sostanza liberalizzato l’ingresso degli animali domestici nei condomini. Oggi, il Codice civile stabilisce che i regolamenti condominiali non possono vietare di possedere o detenere animali domestici. I giudici affermano difatti che il cane e il gatto vanno considerati come esseri senzienti e facenti parte del nucleo familiare.
    Sempre il Codice civile afferma che vietare ad un condomino la detenzione di un animale domestico nel proprio appartamento, equivale a menomare i suoi diritti personali e individuali. Un regolamento condominiale non può, quindi, stabilire limiti ai diritti ed ai poteri dei condomini sulla loro proprietà esclusiva. L’unico caso in cui un condomino può vedersi vietata la detenzione di un animale domestico si verifica quando tale divieto è previsto dal contratto di locazione dell’appartamento (il divieto in questo caso ha natura contrattuale).
     
    A Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  9. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Nel rilevare come su tale norma si sia aperta già nel corso della precedente seduta una diatriba interpretativa Giovanardi ha quindi invitato a valutare "l'opportunità di una revisione della norma o quanto meno l'approvazione di un ordine del giorno che chiarisca la portata reale di essa".

    A smentirlo su questa presunta difficoltà interpretativa ci ha pensato però il sottosegretario alla Giustizia Mazzamuto che è intervenuto giudicando "infondate le preoccupazioni testè palesate, in quanto tale norma deve considerarsi applicabile solo ai regolamenti condominiali e non anche ai regolamenti contrattuali, la cui trascrizione peraltro ne assicura l'opponibilità ai terzi".
     
  10. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Jerry48 e Gigi10,
    se esistono tali dichiarazioni da parte di un rappresentante del governo, e per giunta del ministero della giustizia, evidentemente la clausola limitativa nel caso specifico viene ritenuta valida..
    Tutto è bene ciò che finisce bene.
    Buona serata.
     
  11. gigi10

    gigi10 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie ancora a tutti.
    Saluti
     
  12. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ad di là della diatriba giuridica...mi sovviene in soccorso di Gigi10 che nel contratto locativo abitativo è possibile indicare il numero massimo delle persone, naturalmente sempre con l'unica eccezione (una nuova gravidanza), oltre a vari altri divieti di varia natura. Per cui mi sembra più che lecito il divieto sugli animali...io stesso come inquilino ho dovuto sottostare a tale divieto inserito debitamente nel mio contratto. Quirpoquo.
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    L'alternativa è non affittare o imporre al conduttore una polizza assicurativa a favore del proprietario per assicurare il suo bene dai danni e dall' usura conseguente con la detenzione degli animali, che faranno parte del nucleo familiare, ma che a volte possono creare danni. Alludo alle porte incise dalle zampate degli animali che le aprono, per bravura con il beneplacito dei loro padroni, o nel tentativo di aprirle, quando i loro padroni non vogliono farli partecipare ad incontri con persone estranee. Ma anche i gatti che si arrampicano sulle porte e sui parati non sono da meno. Non dimentichiamo poi il famoso "schizzo marcante" dei gatti maschi: mi ricordo di alcuni condomini le cui scale olezzavano di questo caratteristico odore, che per me è alquanto sgradevole, quindi una puzza, per altri (sopratutto i politici che emanano queste leggi) sarà un profumo.
     
  14. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Molti complimenti per la tua centratissima riflessione. Vorrei aggiungere che vi sono milioni di famiglie che pur favorevoli alla convivenza con gli animali domestici, vi rinunziano proprio per le "malefatte" indicate da Luigi Criscuolo...e se lo fanno da proprietari dovrebbero farlo anche da inquilini.
    Alla prossima. Quiproquo.
     
  15. bender71

    bender71 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    oramai in Italia contano più gli animali che gli esseri umani!!!! non sono contrario agli animali (li ho avuti x anni) ma penso solo che anke loro abbiano il diritto di vivere all'aperto con spazi ampi e quindi chi vuole tenere un animale (special modo i cani) deve stare in campagna!!!!
     
  16. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ho una amica inglese, ex collega d'ufficio, che abita in una borgata di Roma considerata di lusso che si chiama Casalpalocco. In effetti si tratta di insediamenti immersi nel verde dove con una certa distanza tra loro ci sono dei raggruppamenti di ville a due piani fuori terra, ciascuna delle quali possiede un giardino privato di discreta estensione ed un campo da tennis in comune immerso in un piccolo parco di uso esclusivo dei frontisti. Nell'80% delle abitazioni c'é almeno un cane. Essendo il padrino di battesimo di tutti e tre i suoi figli sovente (una volta al mese) vado a trovare questa famiglia . Il problema è che una volta parcheggiata la mia autovettura nella piazzettina dove si affacciano tutte le ville scatta una bagarre di abbai così tutti sentono che è arrivato qualcuno. Anche il cane della mia amica abbaia e quando sente suonare il campanello si avventa contro il cancello; meno male che l'atteggiamento aggressivo si placa quando sente scattare la serratura e sopratutto si accorge che qualcuno della famiglia, nel frattempo affacciatosi sul giardino, mi saluta cordialmente. Qualche volta rimango a cena e quando esco per andare a riprendere la mia vettura si ripete la stessa procedura di abbai. Io guardo l'orologio, a volte sono le 23 a volte le 24 e mi domando ma come fanno a vivere costoro che nel momento in cui di solito si prende il primo sonno sono svegliati da questi concerti canini?
     
  17. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Però, un ottimo antifurto !
     
  18. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    mica tanto perché cani o non cani più della metà sono già stati visitati dai ladri.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina