1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gandoo17

    gandoo17 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno,

    vorrei avere qualche informazione riguardo la collazione.

    1) Chi la deve dimostrare?
    2) Fa parte di un'eventuale eredità?

    Il caso specifico è il seguente :

    Mio nonno ( defunto) mentre era in vita lascia un terreno di grande valore ( circa 350.000) a uno zio.
    In un testamento ( non valido) afferma che lo zio avrebbe dovuto pagare il terreno, lo zio afferma di avere saldato il debito pagando al nonno quanto dovuto.


    Le domande :

    a) Detto questo, è lo zio a dover dimostrare la cosa?
    b)Deve presentare ricevuta?
    c) Essendo passato molto tempo ( 25 anni) , gli altri eredi possono pretendere che lo zio presenti prova del pagamento?
    d) Nel caso in cui la persona non possa presentare alcuna prova, questo bene entra a far parte dell'eredità?
    se si, il valore che si deve attribuire a questo bene, è quello che ha attualmente oppure quello che aveva 25 anni fa?

    grazie mille.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non può esservi collazione, dato che presupposto necessario è che vi sia stata una donazione. L'art. 782 c.c. prescrive che la donazione deve essere fatta per atto pubblico (quindi, notaio e due testimoni), sotto pena di nullità.
    Lo zio, eventualmente, potrà aver usucapito quel terreno.
     
  3. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Hai una idea un po' astrusa della "collazione".
    Non è un "oggetto" ma un diritto che di deve esercitare.

    Tralasciando le spiegazioni teniche...sulla base di quanto hai confusamente descritto (o è un testamento o era una vendita...il primo non "dimostra" ne avvalora la seconda)...a voi spetta agire in modo che venga riconosciuto quella che chiami impropriamente "collazione" rivolgendovi ad un Giudice che valuterà la questione chiedendo prova a vostro zio che sia effettivamente stata una compravendita e non una "simulazione" o peggio un tentativo di truffa (testamento fasullo che cita una compravendita mai avvenuta).
     
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Stavolta in simultanea col "micione".
     
  5. gandoo17

    gandoo17 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa

    Provo a riformulare meglio ciò che cercavo di spiegare.

    Il nonno ha intestato il terreno allo zio.

    Questo terreno può far parte dei beni che rientrano nell'eredità? Oppure dato che oramai è di sua proprietà non ne fa parte?

    Scusate se non sono chiaro nelle spiegazioni.
     
  6. gandoo17

    gandoo17 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa

    Forse ,anzi sicuramente mi sono spiegato male.

    So che la collazione è un diritto, e non un oggetto.
    Infatti quello che volevo chiedere è se il terreno di cui parlo, può essere l'oggetto della collazione.

    Provo a spiegare meglio :

    1) Il testamento non è fasullo, è reale, scritto dal pugno del de cuius ma non ha valore perchè mancano alcune parti fondamentali per far si che il testamento abbia valore ( Data, anno , firma )

    2) Il terreno era intestato al nonno, ora è intestato allo zio

    3) Lo zio dichiara di aver pagato il terreno

    4) Nessuno sa se il pagamento sia avvenuto o meno

    5) Il de cuius nel suo testamento ( Privo di valore) dichiara che il terreno è stato ceduto ma mai pagato dallo zio

    Spero ora di essermi spiegato meglio..

    Grazie e scusa per la poca chiarezza
     
  7. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Quantomeno una contraddizione in termini: quello che descrivi è un pezzo di carta che non può chiamarsi testamento.

    Chi e come certifica che sia stato firmato dal de-cuius?
    Da chi era conservato?
    Da qando la "dipartita"?
    Da quando lo zio risulta intestatario?

    Non esiste una "compravendita" senza un pagamento finanziario o in scambio (servizio).
    Quella che descrivi appare più un escamotage per "tagliare" fuori gli eredi dalla loro "legittima".

    Noto che sei autore anche di altra domanda sempre in tema...ma con soggetti diversi.

    La questione va esaminata nel suo complesso e con tutti i documenti e le testimonianze a disposizione.
    Altrimenti ti si risponde in modo "parziale" e poi nella realtà potrebbe essere tutto smentito/sbagliato.

    Se non si dimostra la compravendita (lecita...quasi irrilevante che il prezzo non sia ancora stato pagato) e/o non intervengano questioni di usucapione (anche qui) la cosa diventa una "donazione" e in quanto tale potrà essere chiesta "collazione".
     
    Ultima modifica: 30 Marzo 2016
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    In forza di quale atto?
     
  9. gandoo17

    gandoo17 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Purtroppo so solo che è intestato a lui, ma non so in forza di quale atto sia avvenuto il passaggio.

    So che non fa parte dell'eredità , perchè il terreno non rientra nei beni che vanno a comporre i beni inseriti nella successione..

    Cercherò di capire tramite quale atto sia avvenuto il passaggio.
     
  10. gandoo17

    gandoo17 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
     
  11. gandoo17

    gandoo17 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ho risposto nel quote :)

    Grazie mille a tutti, e perdonate la mia ignoranza e imprecisione.
     
  12. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    la variazione d'intestazione deve essere la conseguenza di un atto pubblico che sia compravendita o donazione, gli estremi di questo atto si possono rilevare da una visura catastale storica. Se questo atto esiste ed è una compravendita nelal qual è stato dichiarato il pagamento dal venditore 25 anni or sono , difficilmente sarà possibile discutere
     
  13. gandoo17

    gandoo17 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ti ringrazio per la risposta.

    La visura catastale può essere richiesta da chiunque? Nel caso in cui venga richiesta la visura catastale, il proprietario del fondo ad oggetto della visura viene informato?
    Rimane traccia della visura stessa?

    Grazie ancora.
     
  14. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Corri, corri...Visura catastale storica...costa una decina di euro. Quasi certamente
    sarà riportato che il passaggio è avvenuto
    per cessione onerosa con atto del
    Notaio ..........omissis.....; Se lo studio è stato chiuso, troverai l'atto presso il collegio
    notarile della provincia di riferimento...Quasi certamente nello spazio del
    pagamento troverai più o meno la seguente frase: "Il pagamento avverrà in solido
    e privatamente con un piano frazionato nel tempo come convenuto riservatamente fra le parti..." Pagamento poi mai avvenuto...Solo così si spiega
    la frase riportata nel fac-simile di testamento. A questo punto i casi sono due:
    Se lo zio ha pagato tutto o in parte non dovrebbe avere difficoltà a provarlo;
    Se non l'ha fatto, evidentemente non lo potrà provare e si rifugerà nella solita
    riservatezza...
    In entrambi i casi poco potrai fare per portare il malloppo sul tavolo spartitorio
    della divisione ereditaria. Auguri comunque. Quiproquo.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  15. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    la visura la può fare il proprietario o chiunque può avere tittolo sull'immobile, puoi anche farla tu in quanto erede fino a prova contraria, vedo che sei di Varese, il catasto è in via Frattini, c'è un modello da compilare dove dichiari i tuoi dati e chiedi la visura, rimane traccia della tua richiesta all'ufficio ma non credo che questo possa creare conseguenze
     
  16. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non è così.
    Le informazioni catastali, con l'eccezione della consultazione delle planimetrie, riservata esclusivamente agli aventi diritto sull’immobile o ai loro delegati, sono pubbliche e dunque l’accesso è consentito a tutti, nel rispetto della normativa vigente anche in tema di riutilizzazione commerciale dei dati catastali e ipotecari.
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  17. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    si, comunque devi compilare il modulo coi dati e dire perchè ti serve
     
  18. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. Non è richiesta l'indicazione del motivo.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina