1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. frank68

    frank68 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve.
    Avrei bisogno dell'aiuto degli esperti del forum per una questione ereditaria.
    Dopo la morte di mio padre (senza testamento) sono venuto a conoscenza che lui possedeva in comproprietà con altri due fratelli, dei terreni agricoli. A me e mia sorella, quindi, spetterebbe 1/6 ciascuno della quota che era di nostro padre. Dopo aver fatto una visura ho scoperto che per la maggior parte si tratta di fazzoletti di terreno di poche decine di metri quadri e reddito dominicale di qualche centesimo che confinano con un terreno più grande di circa 2000 mq. che invece ha il reddito dominicale più alto, 9 euro.
    Il punto è questo: premesso che non ci sono rapporti ne' con mia sorella ne' con i miei due zii, vorrei disfarmi della mia quota nella maniera più indolore possibile. Essendo disoccupato ormai da diversi anni, mi sto arrangiando con lavori saltuari, quindi non ho la possibilità di affrontare spese relative a tasse presenti e future, denuncia di successione, notai, avvocati etc., soprattutto perché a quanto ho potuto capire questi terreni hanno uno scarso valore economico visto che fino ad ora non sono riusciti a venderli (forse anche a causa dell'eccessivo frazionamento), per cui tenermi questa quota, a parte l'incomodo di rapporti parentali non piacevoli, mi darebbe solo ulteriori grattacapi.
    Cosa fare? Rinunciare all'eredità? Ho chiesto ad un patronato e mi hanno detto che non è più possibile, perché nel frattempo ho chiesto all'Inps di assegnarmi la quota del rateo di tredicesima della pensione di mio padre, quindi avrei tacitamente accettato l'eredità. Inoltre dovrei rinunciare anche a nome di mia figlia minore, chiedendo l'assenso del giudice tutelare al quale dovrei spiegare in maniera convincente il perché di tale rinuncia per evitare un rigetto della richiesta.
    Andrebbe bene una dichiarazione scritta fatta ai miei parenti dove affermo di non avere interesse alla mia quota e che quindi sono liberi di farsela assegnare da un giudice?
    Grazie in anticipo per le vostre risposte e scusate se sono stato prolisso.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. Sei diventato erede.
     
  3. frank68

    frank68 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie mille Nemesis per la risposta.
    Devo quindi presumere che la richiesta di rateo mi abbia precluso la possibilità di disinteressarmi della mia quota?
     
  4. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ho cercato di indicare il sito, ma non ce l'ho fatta, per cui l'ho copiato. Scusate la dimensione, ma non vorrei nascondere niente.

    Tecniche Aziendali Ass. e Calcolo snc
    Da: "Notaio Paolo Tonalini" <notaio@tonalini.it>
    A: <notizie@tonalini.it>
    Data invio: domenica 12 ottobre 2014 17.03
    Oggetto: [notizie.notaio.tonalini] La rinuncia alla proprietà immobiliare
    Pagina 1 di 2
    13/10/2014
    La rinuncia alla proprietà immobiliare
    La proprietà di un immobile rappresenta di solito un valore a cui non si vuole certo rinunciare, se
    non per venderla o per favorire qualcuno con una donazione.
    L’ipotesi di una rinuncia pura e semplice alla proprietà è quindi rimasta a lungo confinata tra le
    curiosità dei libri giuridici.
    Oggi, però, si possono verificare in concreto alcune situazioni nelle quali la proprietà di un
    immobile non porta alcun vantaggio, ma porta con sé diverse spese, sotto forma di imposte e tasse di
    varia natura, e di costi da sostenere per la manutenzione, oltre alle responsabilità che ne possono
    derivare nei confronti dei terzi. Pensiamo, per esempio, alla proprietà di un fabbricato fatiscente e
    decrepito, la cui ristrutturazione (o anche la semplice “messa in sicurezza”) comporterebbe spese
    rilevanti, ma che potrebbe causare danni a altre persone, di cui il proprietario sarebbe responsabile.
    Oppure a un terreno agricolo incolto in zona montana, che nessuno avrebbe interesse a coltivare, ma
    che è comunque soggetto alle imposte a carico della proprietà.
    Spesso, in questi casi, risulta impossibile trovare un acquirente, o qualcuno che accetti di riceverlo
    gratuitamente, attraverso una donazione.
    La situazione si complica ulteriormente se non si tratta di una proprietà esclusiva, ma di una quota di
    comproprietà, per la difficoltà di trovare un accordo con gli altri comproprietari, e in certi casi
    addirittura di rintracciare gli altri comproprietari, quando si tratta di proprietà che sono state
    frazionate da molto tempo, a seguito di diversi passaggi successori.
    In tutti questi casi, la soluzione al problema può essere la rinuncia al diritto di proprietà, attuata con
    un atto notarile. Con questo atto il proprietario si spoglia di ogni suo diritto sull’immobile, e da quel
    momento non ha più niente a che fare con esso, né sotto il profilo fiscale né sotto quello della
    responsabilità.
    Normalmente la rinuncia alla proprietà libera il rinunziante dalle spese successive all’atto notarile,
    ma la rinuncia alla quota di comproprietà su un bene immobile produce anche un effetto liberatorio
    per le spese di conservazione e godimento della cosa comune, e per le spese deliberate dalla
    maggioranza, precedenti all’atto di rinuncia (art. 1104 del codice civile).
    In seguito alla rinuncia da parte del proprietario, l’immobile ha una sorte diversa, se si tratta di una
    quota di comproprietà oppure della proprietà esclusiva.
    In caso di rinuncia a una quota di comproprietà, si ritiene infatti che si accrescano
    proporzionalmente le quote degli altri comproprietari. Per esempio, se io rinuncio alla quota di un
    terzo, gli altri due comproprietari, che avevano un terzo ciascuno, avranno ora un mezzo ciascuno.
    Ciò avviene automaticamente in seguito alla semplice rinuncia, quindi senza bisogno di
    un’accettazione da parte degli altri comproprietari.
    In caso di rinuncia alla proprietà dell’intero bene, invece, la legge stabilisce che la proprietà sia
    acquisita dallo Stato, in base alla regola generale secondo cui gli immobili che non sono di proprietà
    di alcuno passano allo Stato (art. 827 del codice civile). Anche in questo l’acquisto da parte dello
    Stato avviene automaticamente, in seguito alla semplice rinuncia, senza bisogno di un’accettazione.
    Recentemente, però, l’acquisto di alcuni immobili da parte dello Stato in conseguenza della rinuncia
    è stato messo in discussione da parte del Demanio, quindi la situazione appare ancora controversa.
    La facoltà di rinuncia vale anche per i diritti reali limitati: è dunque possibile rinunciare al diritto di
    usufrutto (e in questo caso il diritto si consolida a favore del nudo proprietario), al diritto di
    superficie o alla proprietà superficiaria (a favore del proprietario del suolo), al diritto di servitù (che
    si estingue).
    Ricordiamo anche che nell’ambito della servitù esiste una norma particolare, che consente al
    proprietario del fondo servente di rinunciare alla proprietà a favore del proprietario del fondo
    dominante, quando le spese necessarie per l’uso o la conservazione della servitù sono poste a suo
    carico dal titolo o dalla legge (art. 1070 del codice civile). E’ il cosiddetto “abbandono del fondo
    servente”.
    Nell’ambito del condominio, invece, esiste una norma (art. 1118, secondo comma, del codice civile)
    che vieta al condomino di rinunziare al suo diritto sulle parti comuni (che sono quelle indicate
    dall’art. 1117 del codice civile).
    La rinuncia alla proprietà, essendo normalmente eseguita senza ricevere alcun corrispettivo, è
    soggetta all’imposta di donazione (art. 1, secondo comma, del d.lgs. 31 ottobre 1990, n. 346). Il
    costo dell’atto di rinuncia è pertanto simile a quello di un atto di donazione.
    Se la rinuncia avvenisse invece a titolo oneroso, cioè dietro corrispettivo, si applicherebbe l’imposta
    di registro con le aliquote previste per la compravendita immobiliare (art. 1 della tariffa, parte prima,
    allegata al d.P.R. 26 aprile 1986, n. 131).
    Notaio Paolo Tonalini
    Via Dallagiovanna 16 - 27049 STRADELLA (PV)
    Tel. 0385-48564 - Fax 0385-43443
    Viale Cesare Battisti 17 - 27100 PAVIA
    Tel. 0382-530207 - Fax 0382-306455
    notaio@tonalini.it
    www.tonalini.it
    Questo messaggio e' inviato esclusivamente agli iscritti alla Newsletter del Notaio Paolo Tonalini.
    Per maggiori informazioni potete consultare il sito internet www.tonalini.it
    Per contattare lo Studio Notarile Tonalini potete scrivere a notaio@tonalini.it
    Per cancellarvi dalla lista, scrivete a: notizie-unsubscribe@tonalini.it
    Potete seguirci anche su Facebook (www.facebook.com/notaiotonalini) e Twitter (@notaiotonalini)
    Nessun virus nel messaggio.
    Controllato da AVG - www.avg.com
    Versione: 2014.0.4765 / Database dei virus: 4040/8379 - Data di rilascio: 13/10/2014
    Pagina 2 di 2
    13/10/2014
     
    A nonnabelarda piace questo elemento.
  5. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Grazie Gianco. Veramente interessante.
     
  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se fosse un atto senza costi :)
     
  7. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    A volte è meglio spendere e liberarsi di una piccola quota di proprietà che non rende nulla e causa solo problemi. Dalle mie parti si dice "via il dente, via il dolore".
     
  8. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    L'unica alternativa per sottrarsi alle gabelle sarebbe quella di scomparire. Ma questo porterebbe altri problemi per chi rimane. Pertanto è consigliabile di affrontare il male minore.
     
  9. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Rinunci alla proprietà con una scrittura privata. Non è necessario l'atto pubblico bensì l' atto scritto
    Cassazione 23691/2009
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Certamente sì. Ma occorre la sottoscrizione autenticata. La scrittura va quindi trascritta, ed effettuata la voltura catastale.
    Con tutti i relativi costi. La rinuncia di un bene o di un diritto è considerata un trasferimento e pertanto è soggetta anche all'imposta sulle donazioni.
     
  11. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Quanto agli effetti civilistici dell'atto di rinuncia alla proprietà, la legge non richiede alcuna autentica di firma apposta sulla scrittura privata; la stessa infatti comporta il trasferimento del bene per legge, nè vale in contrario la considerazione dell'obbligo di trascrizione dell'atto (che nulla rileva ai fini del trasferimento del diritto) ai fini pubblicitari poichè quanto si trascrive è gia produttivo di effetti propri dell'atto (rinuncia della proprietà).
    La Cassazione, a più riprese ed anche di recente con la massima n. 3819/15, ha ribadito che quanto alla rinuncia della proprietà:
    - non vi è donazione (solo indiretta) = alcun obbligo all'atto pubblico
    - è idonea, per il trasferimeno del diritto, la semplice scrittura privata non autenticata (il caso specifico dibbatuto: scrittura privata priva di autenticazione delle firme- autentificazione che dovette essere svolta dal Tribunale in sede processuale).
    Quindi ai fini civilistici, ben ci si potrà privare di un bene con la sola scrittura privata non autenticata; non essendo più proprietari non si potrà essere soggetti d'imposta; andranno pagate solo le tasse di successione (se dovute)

    Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 16 dicembre 2014 – 25 febbraio 2015, n. 3819
    "1. - Con scrittura privata in data 4 agosto 1968, M.A. ved. P. - proprietaria, per la metà, di un fabbricato sito in (omissis) , in catasto al foglio 23 particella 111 sub 1, rinunciava alla sua suddetta quota in favore dei propri figli F. , S. , E. , Au. e Ma. , comproprietari dell'altra metà.
    Con la stessa scrittura:
    - P.F. , S. , E. ed Au. rinunciavano alle loro quote di comproprietà di un fondo rustico sito in località (omissis) in favore di Pe.Ma.;
    - Pe.Ma. rinunciava alla sua quota di comproprietà, nella consistenza derivante dalla rinuncia della madre, sulla suddetta casa di via (omissis) ;
    - P.F. , S. , E. ed Au. si obbligavano a "far abitare, a titolo gratuito, in vita natural durante, la loro madre M.A. in una stanza della casa" suddetta;
    - tutte le parti si impegnavano "a tradurre la... scrittura in atto pubblico a richiesta di uno di essi";
    - veniva stabilita una penale di L. 2.000.000 per il caso di inadempimento;
    - si stabiliva che "qualora al Sig. Pe.Ma. dovesse derivare un diritto in forza di successione sulla casa di via (omissis) ..., questo o i suoi aventi diritto dovranno rinunziarvi, previo equo corrispettivo, in favore di tutti coloro che già dispongono di una quota della predetta casa".
    Con successiva scrittura privata del 9 novembre 1968, i germani P.F. , S. , E. ed Au. , rimasti i soli comproprietari della suddetta casa, procedevano alla divisione della stessa, attribuendosene ognuno una parte.
    2. - Con ricorso depositato il 18 dicembre 1993, P.M. ed A. , aventi causa di P.F. , chiedevano ed ottenevano dalla Pretura circondariale di Rieti - ai sensi della legge 10 maggio 1976, n. 346, che consente l'usucapione quindicennale dei fondi rustici con annessi fabbricati siti in comuni montani - il riconoscimento del loro avvenuto acquisto della proprietà del suindicato fabbricato qualificato come "rurale", ma non di fondi rustici.
    Con atto di citazione notificato il 25 gennaio e il 1 febbraio 1997, P.S. ed E. convenivano in giudizio, davanti al Pretore di Rieti, P.A. e P.M. e - assumendo di essere venute a conoscenza, a seguito di visura catastale eseguita in data 19 giugno 1996, del decreto pretorile suddetto che non era loro opponibile e che faceva sorgere il loro interesse all'esperimento dell'azione intrapresa - chiedevano l'accertamento giudiziale dell'autenticità delle sottoscrizioni di P.F. ed Pe.Au. in calce all'atto di divisione del 9 novembre 1968 e della sottoscrizione di Pe.Ma. in calce all'atto di rinuncia del 4 agosto 1968 nonché la dichiarazione di loro esclusiva proprietà delle porzioni di fabbricato loro rispettivamente assegnate con l'atto di divisione.
    I convenuti si costituivano, resistendo. Eccepivano la nullità: dell'atto di rinuncia di M.A. alla propria quota di comproprietà del fabbricato in favore dei figli, trattandosi di donazione non effettuata con atto pubblico; della rinuncia di Pe.Ma. alla sua quota, trattandosi di cessione della quota a lui pervenuta in donazione dalla madre ma non ancora accettata; infine, della clausola con la quale lo stesso Pe.Ma. aveva rinunciato, per sé e per i suoi aventi causa, in favore degli assegnatari delle rimanenti quote del fabbricato, ai diritti che potessero derivargli sul fabbricato stesso a seguito di eventuale successione, trattandosi di patto successorio vietato dall'art. 458 cod. civ. Deducevano, infine, l'opponibilità del decreto pretorile alle attrici, le quali non potevano considerarsi terzi.
    Integrato il contraddittorio nei confronti di A.C. , di Pe.Gi. e di P.G. , eredi di Pe.Au. , e di Pe.Ma. , tutti rimasti contumaci, con sentenza non definitiva n. 328 del 2001 il Tribunale di Rieti, divenuto competente a seguito della soppressione del Pretore, dichiarava la nullità della clausola n. 7 della scrittura privata del 4 agosto 1968, con la quale Pe.Ma. aveva rinunciato ad eventuali diritti successori sulla casa di via S. Maria degli Angeli, mentre rigettava le altre eccezioni sollevate dai convenuti e, con separata ordinanza, rimetteva la causa sul ruolo per l'espletamento di consulenza tecnica d'ufficio ai fini dell'accertamento dell'autenticità delle firme di P.F. , Au. e Ma. .
    Nel prosieguo della causa, espletata consulenza tecnico-grafica, il Tribunale, con sentenza definitiva n. 46/2003, dichiarava autentiche le sottoscrizioni apposte sulla scrittura privata del 9 novembre 1968, intercorsa tra M.A. , P.F. , P.S. , P.E. e Pe.Au. .
    3. - Avverso tali sentenze hanno proposto appello P.A. e P.M. .
    Si sono costituite P.E. e P.S. , chiedendo il rigetto dell'impugnazione.
    Il processo, interrotto per il decesso di P.S. , è stato riassunto nei confronti dei di lei eredi M.C. e M.M.G. , i quali sono rimasti contumaci.
    La Corte d'appello di Roma, con sentenza resa pubblica mediante deposito in cancelleria l'11 febbraio 2009, ha rigettato il gravame.
    3.1. - La Corte territoriale ha rilevato che la rinuncia di uno dei comproprietari effettuata, come nel caso di specie, a favore di tutti gli altri comproprietari non richiede l'atto pubblico (trattandosi di donazione indiretta, ossia di liberalità realizzata ponendo in essere un negozio tipico diverso da quello previsto dall'art. 782 cod. civ.), ma soltanto la forma scritta (venendo in considerazione la rinuncia alla quota di un bene immobile).
    La Corte d'appello ha poi confermato il giudizio di marginalità del patto successorio vietato nel contesto dell'operazione economico-sociale posta in essere con le scritture.
    Infine, la Corte ha sottolineato che l'inopponibilità del decreto pretorile a P.E. e S. si evince, a contrario, dal disposto dell'ultimo comma dell'art. 3 della legge n. 346 del 1976.
    4. - Per la cassazione della sentenza della Corte d'appello P.A. e P.M. hanno proposto ricorso, con atto notificato il 7 ottobre 2009, sulla base di quattro motivi.
    Hanno resistito, con controricorso, P.E. , M.C. e M.M.G. .
    Gli altri intimati non hanno svolto attività difensiva in questa sede.

    Considerato in diritto

    1. - Con il primo motivo (violazione e falsa applicazione degli artt. 809, 1362, 1363 e 1367 cod. civ.) i ricorrenti deducono che la rinuncia operata da M.A. nella scrittura privata del 4 agosto 1968 costituirebbe una donazione diretta di cui agli artt. 782 e ss. cod. civ. Essi chiedono conclusivamente che sia affermato il principio di diritto secondo cui "la rinuncia ad un diritto reale immobiliare in favore di soggetti nominativamente individuati, se effettuata a titolo di liberalità, ovvero senza corrispettivo e senza che essa concretizzi adempimento di una obbligazione, sia pure di natura morale, configura la fattispecie della donazione reale traslativa, in quanto la sua causa tipica è data dall'animus donandi e, in conseguenza, deve avere a pena di nullità la forma dell'atto pubblico. Per l'effetto, anche la rinuncia donationis causa al diritto di comproprietà su un bene immobile in favore degli altri comproprietari, a tal uopo specificamente designati, poiché persegue una funzione direttamente attributiva e non già meramente abdicativa del diritto reale, è soggetta alla disciplina della donazione diretta ex art. 769 e segg. cod. civ. e deve perciò risultare a pena di nullità da atto pubblico".
    1.1. - La censura - scrutinabile nei limiti del quesito che la accompagna - è infondata.
    Costituisce donazione indiretta la rinunzia alla quota di comproprietà, fatta in modo da avvantaggiare in via riflessa tutti gli altri comproprietari. In tal caso si è infatti di fronte ad una rinunzia abdicativa alla quota di comproprietà, perché l'acquisto del vantaggio accrescitivo da parte degli altri comunisti si verifica solo in modo indiretto attraverso l'eliminazione dello stato di compressione in cui l'interesse degli altri contitolari si trovava a causa dell'appartenenza del diritto in comunione anche ad un altro soggetto; e poiché per la realizzazione del fine di liberalità viene utilizzato un negozio, la rinunzia alla quota da parte del comunista, diverso dal contratto di donazione, non è necessaria la forma dell'atto pubblico richiesta per quest'ultimo.
    Di tale principio ha fatto corretta applicazione la Corte del merito, dopo avere sottolineato che la rinuncia alla quota di un mezzo sulla proprietà della casa è stata compiuta da M.A. puramente e semplicemente in favore di tutti gli altri comproprietari, con una estensione automatica in proporzione delle loro quote di comproprietà, mediante l'utilizzazione di un negozio tipico, appunto la rinunzia di uno dei comproprietari ai sensi dell'art. 1104 cod. civ..
    2. - Con il secondo motivo si lamenta violazione e falsa applicazione dell'art. 1419, primo comma, cod. civ., sul rilievo che l'intera stipulazione sarebbe inficiata dalla nullità del patto successorio presente nella clausola n. 7, con cui Pe.Ma. ed i suoi aventi causa hanno rinunciato, in favore di F. , S. , E. ed Au. , ai diritti di proprietà sulla casa patriarcale di (OMISSIS) che gli sarebbero potuti derivare in via successoria. La clausola n. 7 sarebbe stata predisposta allo scopo unitario di conseguire la divisione inter vivos dell'asse ereditario e costituirebbe il presupposto indefettibile della scrittura privata in data 4 agosto 1968 nonché del consequenziale atto di divisione del 9 novembre 1968. I ricorrenti chiedono che sia affermato il principio secondo cui il patto successorio inserito nel testo di una scrittura privata contenente una pluralità di rinunce e ulteriori convenzioni tra le parti contraenti aventi ad oggetto diritti reali immobiliari, a sua volta collegata ad un successivo negozio giuridico tra i medesimi sottoscrittori avente ad oggetto la divisione dei cennati diritti reali immobiliari, è in rapporto di interdipendenza ed inscindibilità tanto con le clausole inserite nella prima stipulazione, quanto con il successivo negozio giuridico. Sicché, in quanto predisposto in vista di uno scopo unitario, tale patto successorio ha natura essenziale nell'economia dell'accordo negoziale e la sua intrinseca nullità (sancita dall'art. 458 cod. civ.) inficia ex art. 1419, primo comma, cod. civ. la validità dell'intera stipulazione che lo contiene nonché del successivo negozio giuridico ad esso collegato.
    2.1. - Il motivo è infondato.
    L'insegnamento consolidato di questa Corte regolatrice è nel senso che l'indagine diretta a stabilire, ai fini della conservazione del negozio, se la pattuizione nulla debba ritenersi essenziale, va condotta con criterio oggettivo, in funzione del permanere o meno dell'utilità del contratto in relazione agli interessi che si intendono attraverso di esso perseguire, quali risultano individuati attraverso l'interpretazione del negozio (Sez. III, 21 maggio 2007, n. 11673; Sez. III, 30 settembre 2009, n. 20948; Sez. II, 11 luglio 2012, n. 11749). Pertanto l'applicabilità del principio di conservazione (utile per inutile non vitiatur) deve escludersi solo quando la clausola o il patto nullo si riferiscano ad un elemento essenziale del negozio, oppure si trovino con le altre pattuizioni in tale rapporto di interdipendenza che queste non possono sussistere in modo autonomo (Sez. III, 17 aprile 1980, n. 2546; Sez. I, 22 marzo 1983, n. 2012), nel senso che il contratto non si sarebbe concluso senza quella clausola nulla o quel patto nullo (Sez. II, 4 dicembre 2003, n. 18535; Sez. I, 20 maggio 2005, n. 10690). Simile indagine, integrando un giudizio di fatto esclusivamente rimesso al giudice del merito, è incensurabile in sede di legittimità se sorretta da motivazione immune da vizi logici e di diritto (Sez. I, 1 aprile 1977, n. 1230; Sez. I, 4 settembre 1980, n. 5100; Sez. II, 1 marzo 1995, n. 2340).
    Ciò premesso, la denunziata violazione dell'art. 1419 cod. civ. non sussiste, avendo i giudici d'appello escluso, condividendo la valutazione espressa dal Tribunale, la ravvisabilità di un rapporto di interdipendenza tra il patto successorio nullo (ex art. 458 cod. civ.) e la parte residua dei negozi racchiusi nelle scritture private in questione, sul rilievo, fondato su un'attenta e compiuta considerazione dei termini della scrittura: (a) della formulazione estremamente vaga ed ipotetica della convenzione, collegata a diritti successori discendenti dalle disposizioni mortis causa di un eventuale testatore; (b) della marginalità del patto successorio vietato nel contesto di tutta l'operazione economico-sociale posta in essere con le suddette scritture (posto che la convenzione consacrata nella clausola non si pone come passaggio obbligato ed indefettibile, essendo intesa ad assicurare ai condividenti un vantaggio soltanto eventuale, futuro ed aggiuntivo, rappresentato dalla ipotetica possibilità di conseguire, semmai se ne fossero verificate le condizioni, un accrescimento della loro quota in virtù della rinuncia manifestata da Pe.Ma. ); (c) della non pertinenza della prospettazione fornita dagli appellanti, secondo i quali "la loro nonna aveva voluto beneficiare della proprietà della casa solo gli altri figli, escludendo anche da benefici futuri il figlio Mario in considerazione del cespite a questo pervenuto in conseguenza della rinuncia dei propri fratelli alle loro quote del fondo in località (omissis) " (e ciò in quanto "la rinuncia ad eventuali diritti eredi tari da parte di Pe.Ma. , o di suoi eventuali aventi causa, non sarebbe, comunque, dovuta avvenire a titolo gratuito, ma previo equo corrispettivo").
    3. - Il terzo motivo è relativo alla opponibilità del decreto di riconoscimento della proprietà a P.S. e a E. . Deducono i ricorrenti che costoro hanno avuto contezza dell'esistenza del procedimento a seguito degli adempimenti e delle comunicazioni prescritte dalla legge ed avrebbero potuto proporre opposizione ex art. 3, terzo comma, della legge n. 346 del 1976 ovvero, successivamente alla emissione del decreto pretorile, nelle forme e nei termini di cui al sesto comma dello stesso art. 3. P.E. e S. non potrebbero qualificarsi come soggetti terzi rispetto al riconoscimento della proprietà che P.A. e M. avrebbero promosso in buona fede.
    3.1. - Il motivo è inammissibile, perché le deduzioni riguardo alla conoscenza del decreto pretorile in capo a P.E. e S. si fondano su mere affermazioni non suffragate da alcun puntuale richiamo a documenti verificabili.
    4. - Con il quarto mezzo si censura insufficiente motivazione. La motivazione della Corte d'appello presenterebbe gravi lacune in ordine al processo logico-giuridico in forza del quale è stato rigettato il gravame. La Corte territoriale avrebbe "ellitticamente richiamato le asserite corrette e condivisibili argomentazioni del giudice di prime cure senza fornire una spiegazione ragionevole delle scelte influenti nel contesto della decisione e senza entrare nel merito degli istituti di diritto sostanziale sottesi alla presente vicenda giudiziaria".
    4.1. - La censura è inammissibile perché, difettando del quesito di sintesi, non rispetta la prescrizione di cui all'art. 366 bis cod. proc. civ..
    Alla stregua della letterale formulazione del citato art. 366-bis cod. proc. civ. - introdotto, con decorrenza dal 2 marzo 2006, dall'art. 6 del d.gs. 2 febbraio 2006, n. 40, e abrogato con decorrenza dal 4 luglio 2009 dall'art. 47 della legge 18 giugno 2009, n. 69, ma applicabile ai ricorsi proposti avverso le sentenze pubblicate tra il 3 marzo 2006 e il 4 luglio 2009 (cfr. art. 58, comma 5, della legge n. 69 del 2009) - questa Corte è ferma nel ritenere che, a seguito della novella del 2006, nel caso previsto dall'art. 360, n. 5, cod. proc. civ., allorché, cioè, il ricorrente denunci la sentenza impugnata lamentando un vizio della motivazione, l'illustrazione di ciascun motivo deve contenere, a pena di inammissibilità, la chiara indicazione del fatto controverso in relazione al quale la motivazione si assume omessa o contraddittoria, ovvero le ragioni per le quali la dedotta insufficienza della motivazione la renda inidonea a giustificare la decisione (Cass., Sez. Un., 18 ottobre 2012, n. 17838).
    Ciò importa, in particolare, che la relativa censura deve contenere un momento di sintesi (omologo al quesito di diritto) che ne circoscriva puntualmente i limiti, in maniera da non ingenerare incertezze in sede di formulazione del ricorso e di valutazione della sua ammissibilità (cfr., ad esempio, Cass., sez. un., 1 ottobre 2007, n. 20603).
    Al riguardo, ancora è incontroverso che non è sufficiente che l'indicazione del fatto controverso e delle ragioni della non adeguatezza della motivazione sia esposta nel corpo del motivo o che possa comprendersi dalla lettura di questo, occorrendo a tal fine una parte, del motivo stesso, che si presenti a ciò specificamente e riassuntivamente destinata.
    Nella specie il quarto motivo del ricorso, formulato ex art. 360, n. 5, cod. proc. civ., è totalmente privo di tale momento di sintesi, iniziale o finale, costituente un quid pluris rispetto all'illustrazione del motivo.
    5. – Il. ricorso è rigettato.
    Le spese del giudizio di cassazione, liquidate come da dispositivo, seguono la soccombenza.

    P.Q.M.

    La Corte rigetta il ricorso e condanna, i ricorrenti, in solido tra loro, al rimborso delle spese processuali sostenute dai controricorrenti, che liquida in complessivi Euro 3.200, di cui Euro 3.000 per compensi, oltre a spese generali e ad accessori di legge.
     
  12. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @Ollj , tutto giusto quello che scrive, ma il problema è pratico e che si basa soprattutto sulla volontà (meglio della convenienza, in certi casi) da parte del "beneficiario della regalia" a regolarizzare la posizione catastale a causa dei costi che oltrepassano di gran lunga lo stesso valore dell'immobile (meglio porzione o fazzoletto, nel caso di terreni). HO un caso pratico, quello di mia sorella che in occasione della Dichiarazione dei Redditi si è "scoperta" comproprietaria di due terreni in zona collinare, di cui uno per 4/1000 e l'altro per 1/240. Non conosco la superficie di ognuna, ma penso che non sarebbe sufficiente per far da base alla costruzione di una cuccia per un Chihuahua.
    Io stesso, ma conoscevo la situazione, mi ritrovo comproprietario di 15 porzioni di terreno, mai dichiarati nel Mod. Unico o 730, provenienti dalla Dichiarazione di Successione, dopo la morte di mia madre,. Quattro anni dopo, anno 2000, tra gli eredi venne fatta una scrittura privata per l'assegnazione dei beni. Per il catasto però continuarono a risultare come proprietà indivise, ad eccezione del terreno a me assegnato unitamente ad altri due fratelli, che riuscimmo a vendere con regolare rogito ed espletamento delle pratiche catastali. Da quel momento mi sono sempre ritenuto, con la consapevolezza degli altri coeredi, non più comproprietario di alcun terreno. Nel compilare il Modf. 730 Precompilato mi sono ritrovato di nuovo "comproprietario" per 1/7 di 15 particelle di terreni che nella realtà non mi appartengono. Inoltre alcune di queste, da parte degli altri coeredi, sono state vendute, con scrittura privata, a dei contadini e allevatori di bestiame che non hanno alcuna intenzione di sobbarcarsi l'onere della regolarizzazione catastale a causa dell'eccessivo costo rispetto al valore dei terreni. Aspetteranno i tempi per l'usucapione.
    Intanto dichiaro 15 terreni che non mi appartengono.
     
    Ultima modifica: 15 Maggio 2016
  13. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Che tragedia.............
     
  14. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Credo che tu possa fare un'autocertificazione nella quale dichiari di non essere proprietario degli immobili a te intestati perché posseduti da oltre vent'anni da terze persone.
     
  15. nonnabelarda

    nonnabelarda Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Sempre a proposito di rinuncia di possesso.
    Anche noi abbiamo due piccole quote di terreno agricolo in comproprietà con altre cinque persone . Vorremmo tanto sbarazzarcene ma in Italia è cosi tutto complicato ragion per cui dovremo inserirli nel 730 ad oltranza.
     
    Ultima modifica: 15 Maggio 2016
  16. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per l'anno 2015 ho già inviato la Dichiarazione dei Redditi con i dati risultanti al catasto, entro la fine di quest'anno spero di riuscire a far pulizia. Devo prima rivedere l'intera situazione, contattare gli altri comproprietari, gli attuali possessori ed i tempi di possesso per evitare di trovare incongruenze con il requisito ventennale.
    Comunque, grazie per il suggerimento.
     
  17. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Comprendo; ma è una regolarizzazione solo formale. Lei non è proprietario ed alcuna imposta deve. Non un caso che, nella voltura di un bene appartenente al de cuius vi è lo spazio per atto notorio (tra le ipotesi: che il bene fosse pervenuto ad de cuius con scrittura privata).
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  18. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie per la precisazione.
     
    Ultima modifica: 16 Maggio 2016
  19. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ma l'autenticazione della sottoscrizione è richiesta per la sua trascrizione.
    Il punto è che sono necessari anche gli effetti pubblicitari.
    Si tratta infatti di un atto di rinuncia abdicativa, quindi unilaterale, e non recettizio.
    La trascrizione garantisce la conoscibilità della rinuncia da parte degli altri comproprietari, e la non recettizietà evita l’inconveniente dell’impedimento della rinuncia qualora i comproprietari fossero irreperibili.
    Dunque la trascrizione non è disposta per ragioni di opponibilità ai terzi dell’acquisto da parte dei comproprietari, ma per l'opponibilità ai terzi (fisco compreso) della dismissione da parte del rinunciante.
    Infatti non avevo scritto che l'atto pubblico sia obbligatorio.
    Avevo scritto che la rinuncia di un bene o di un diritto è considerata un trasferimento e pertanto è soggetta anche all'imposta sulle donazioni. Come espressamente prevede l'art. 1, comma 2 del T.U. approvato con il D. Lgs. n. 346/1990.
    Peccato che la sentenza, appunto, riguardi i soli fini civilistici. Senza opponibilità nei confronti dei terzi il rinunciante continuerà a dover pagare imposte, addizionali e tributi locali.
     
    Ultima modifica: 16 Maggio 2016
  20. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Chi proprietario non è civilmente (e non esiste diritto di proprietà rilevante solo fiscalmente) nessun tributo deve; se la P.a. dovesse chiedere tributo a chi proprietario non è:
    - ci si opporrà adducendone la prova
    - si eccepisse la non autentica di firma, sarà il giudice (come nel caso di specie su indicato e valutato dalla massima) a farlo in sede processuale (trascrivendone poi la sentenza e ottenendo anche la voltura a catasto).
    Se il legislatore stabilì la validità della scrittura privata non autenticata nessuno, se non il legislatore medesimo, può limitarne l'efficacia.
    L'imposività fiscale è legata alla titolarità del diritto soggettivo, non alla sua pubblicità; un atto non trascritto esplica sempre i propri effetti anche verso i terzi, invece è solo non loro opponibile ove vantassero diritti concorrenti. Il Fisco non sa della variazione? Bene, alla notifica della richiesta impositiva, prove alla mano, gli si dimostrerà che non si è più titolari di alcun bene.
    Proprio perché unilaterale e non recettizio produce tutti i propri effetti (cessazione della titolarità del diritto) senza che sia messo a conoscenza del terzo verso cui produce gli effetti (non lo dice il sottoscritto ma la Suprema Corte)
     
    A Gianco piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina