1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. anna63

    anna63 Nuovo Iscritto

    Ciao. Mi chiamo Anna e da ieri sono iscritta su propit. Vi espongo il mio caso. Sono residente in provincia di Udine c/o una famiglia di amici composta da tre persone e non faccio parte del loro stato di famiglia ma però domiciliata a Milano per motivi di lavoro. Per quanto riguarda la tassa sui rifiuti, come dev'essere calcolata la mia quota? Va divisa per quattro la tassa che pagavano prima del mio arrivo oppure pago una quota aggiuntiva a mio carico? In quel caso verrebbe calcolata sui mq. totali della casa? Spero di essermi spiegata bene. Grazie :shock:
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Non ci sono regole fisse, come per l' acqua , la luce ecc.
    Regolatevi al meglio senza urtare la suscettibilità di nessuno. :daccordo:
     
  3. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    Non esiste una norma nazionale che regolamenti la tarsu...
    ogni comune ha un proprio regolamento interno (se l'asporto rifiuti è gestito dal Comune)...
    oppure devi rivolgerti all'Ente che gestisce i rifiuti del comune dove risiedi...
    normalmente ci sono agevolazioni per i casi particolari come il tuo...

    Saluti
     
  4. Come suggerisce Maidealista, la soluzione migliore (in assenza di regole precise) è il buonsenso. Dato che la TARSU viene calcolata in base ai metri quadrati, forse la suddivisione in quattro parti risolve la questione. Ciao, buona giornata.
     
  5. carlor

    carlor Nuovo Iscritto

    A mio avviso va pagata da ognuno proporzionalmente ai suoi giorni di permanenza nell'anno. Quindi se i giorni di permanenza nell'anno sono complessivamente Gtot = G1 + G2 + G3 + G4 e la tassa annuale è T, l'utente 1 dovrebbe pagare T * G1 / Gtot. Il vero problema sta nella stima di G1, G2, G3, G4.
     
  6. ada1

    ada1 Nuovo Iscritto

    Se non si vuole modificare l'entità dell'imposta, la soluzione di dividere secondo il numero degli occupanti è la migliore.
    Tuttavia, se si vuole agire regolarmente, il contribuente (cioé quello a nome del quale la cartella esattoriale per l'imposta è intestata) ha l'obbligo di notificare al comune ogni cambiamento intervenuto nei dati precedentemente notificati (per esempio: nuova metratura,variazione numero di persone viventi nell'immobile, utilizzo del locale diverso da quello precedentemente dichiarato)

    Il meglio sarebbe rivolgersi al Comune in cui è situato l'appartamento per più ampie informazioni, soprattutto se pensi rimanere a lungo nell'alloggio

    Aggiunto dopo 19 minuti :

    scusate, ma rileggendomi adesso mi accorgo di aver utilizzato a torto il termine "cartella esattoriale".
    Avrei dovuto dire "il contribuente (cioé il dichiarante il cui nome appare sul "ruolo contabile" e al quale sono inviati i bollettini di pagamento)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina