1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo

    A volte internet è un gran casino.
    Un mio amico si fida del proprio avv., ma le notizie che riceve da lui, sono diverse da quelle che leggiamo insieme su internet. Chi può aiutarci?

    Allora, il mio amico ha dovuto sfrattare inqulini per morosità.
    Sono 1 anno che non pagano affitto, e l'avv. è entrato da pochi mesi. C'è stata prima udienza davanti giudice. Inquilino presentato da solo e ha ottenuto 2 mesi di tempo. Seconda udienza, non si è presento inquilino davanti al giudice, nè con soldi nè con altro, proprio non è andato, quindi sentenza passata in esecutivo.

    Ora, per l'avv. il PROSSIMO passo, è già l'ufficiale giudiziario con tanto di polizia e ambulanza e fabbro. ( cvhiaramente pagato dal mio amico) , con una BOTTA, si fa il tutto e via.

    Su internet si legge che a Roma servono almeno 4/5 accessi dell'U.G prima dell'intervento della polizia..che la volante neanche è sicura......che se i tizi non si fanno trovare dentro, a voglia ad andare a casa e rinviare di volta in volta l'appuntamento.
    Che il primo accesso dell'U.G è solo colloquiale e si da altro tempo agli inquilini, altro che botta e via.

    Qualcuno che ne sa, potrebbe illumarci sui passaggi?
     
  2. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La procedura SFRATTO è una delle più insensate regole che il Legislatore "pio"
    ha voluto regalare ad entrambi i "contendenti"...Al primo, locatario, per evidenti
    fini umanitari; al secondo,Locatore, per fargli vestire i panni dell'uomo Pio, dato
    che non se ne vedevano tanto in giro...e per evitarne l'estinzione. Ci sarebbe anche
    un terzo che di questa "piezza" (n.c.) a mani giunte...no, forse meglio a braccia aperte ne trae un beveraggio mammario. Sto parlando di tutto il gigantesco
    apparato che deve garantire l'umanità per il primo e la "piezza" per il secondo
    e naturalmente il beveraggio mammario per sè stesso. Perdete ogni speranza
    quando vi decidete allo sfratto pensando di risolvere in tempi "pii" e preparatevi
    a tempi da...SFRATTO appunto...Auguri comunque. Quiproquo
    P.S. Riceverai risposte più sensate, essendo la mia viziata da sfratti evitati per
    un'impostazione critica verso...tutto l'apparato con il legislatore in testa.
    La discrepanza che noti fra l'avvocato e Internet è quasi da antologia...
    L'avvocato è la "grammatica" ...Internet è la "pratica" ...devi solo accostarli e
    piamente raccomandarti al padreterno.
     
    Ultima modifica: 14 Gennaio 2016
  3. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo


    Grazie..
    sembri esperto...puoi delucidarmi meglio in merito?
     
  4. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per carità..Io esperto??? Ma neanche per sogno...Gli esperti,escludendo gli avvocati sul sito sono in ordine: Nemesis, Ollj, Dimaraz, a una buona spanna segue Luigi Criscuolo, Il giocatore ed altri; per il settore tecnico Vi sono Daniele78 e Gianco...Io invece rappresento il popolo bue...quello che tira l'attrezzo...
    Per cui ogni tanto scalcia, scalpita e muggisce a pieni polmoni. L'unica esperienza
    che posso additare è quella che piuttosto aprire la vertenza legale offro dei soldi in
    cambio della riconsegna dell'immobile. L'ho attuato più volte e lo raccomando
    sempre. E' veramente la "pratica" contro la "grammatica" di cui parlavo prima...
    Alla fine è solo una questione di numeri e il prospettino è il seguente:
    A) La vertenza giudiziaria ti costa al minimo 2.000 euro se ci si ferma al primo
    giro...si può raddoppiare e triplicare o ancora di più...ma fermiamoci ai 2mila euro.
    La durata temporale mediamente è di circa 12 mesi...
    L'aspetto fiscale è controverso e comunque nel residenziale quasi tutti pagano i tributi sui canoni non percepiti, salvo il successivo recupero...
    Sorvolo sulla parte psichica e neurologica...
    B) Tratta sul prezzo del ricatto ( questo è) partendo da 1.000 euro fino ai 2.000...
    Fai capire al despota la responsabilità detentiva dell'immobile, civile e penale
    e il vantaggio anche sul suo tempo...e l'azzeramento del suo debito (mentendo...)..
    Di solito accetta e tu avrai risparmiato solo dal lato temporale e dal fastidio correlato.
    Tutto qua. Metti tutto sulla bilancia personale e poi decidi per A o per B.
    Il giorno che il Legislatore azzerasse la procedura e/o riconoscesse uno sgravio fiscale anche maggiore dei tributi allora potremo anche essere benefattori e
    concedere il tempo necessario per lo sgombero e senza cedere al ricatto!!! qpq,
     
  5. Fifo84

    Fifo84 Membro Attivo


    Su consiglio di un amico avv, già era stata tentata quella strada...soldi + cancellazione debito precedente...eppure niente. Dicono di non sapere dove andare e quindi hanno voluto resistere fino alla fine. Praticamente non pagano da Febbraio. L'avv. è partito con la causa diciamo a Settembre, c'è stata prima udienza. Quini da Settembre conteresti 1 anno circa di tempo?
     
  6. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    quiquoqua, il legislatore a fatto cose pie ma per chi? non certo per il locatore che in assenza di sfratto deve pagare tutte le tasse, IMU, oneri e tutti balzelli inerenti a quel contratto se residenziale, se diverso deve pagare quelle tasse sopra citate, anche con lo sfratto esecutivo
     
  7. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Questo sarebbe lo "scenario" ideale!

    Posso dirti che a Torino l'ufficiale giudiziario al primo accesso non esegue mai lo sfratto: si limita a lasciare nella cassetta della posta dell'inquilino un avviso con la data dell'esecuzione (circa 1 o 2 mesi dopo).
    Al secondo accesso può capitare di tutto: nella migliore delle ipotesi l'inquilino ha già traslocato e (non sempre) lasciato le chiavi da qualche parte, quindi l'u.g. deve solo redigere il verbale con cui il proprietario rientra nel possesso del suo immobile.
    Invece quando l'u.g. trova degli inquilini malati (o sedicenti tali...), anziani, disabili, figli minori, deciderà se deve intervenire un medico o i servizi sociali. Se ci sono dei cani può darsi pure occorra qualcuno del canile municipale che se ne prenda cura.
    Se trova degli inquilini predisposti alla rissa l' u.g. può chiedere l'intervento dei carabinieri.

    Auguri per il tuo amico, spero non debba tribolare troppo!
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  8. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Chiarisco: io non ho dati in merito ed è strano che il tuo avvocato non ti abbia
    indicato un tempo approssimativo. L'anno che ho indicato è puramente indicativo
    ed è stato tratto proprio dai tanti interventi in materia su propit e da diverse
    consulenze con gli avvocati dell'UPPI. A Torino si sono avuti sfratti in dieci mesi ma anche in 14-16...Mi interessa molto il consiglio di un amico avvocato che ti
    ha indicato la stessa mia strada...Questo significa che non sono un accanito difensore della transazione extra giuduziale come un amico propista mi qualificò...ma, a mio disdoro (piccolo, piccolissimo...) significa che anche l'avvocato è pronto a rinunciare al suo corrispettivo nell'interesse supremo del cliente...o dell'amico...??? Altro dubbio amletico...E' il bello dei sotto,strasotto, e ancora di più dei fuori Topic...Basta una sola parola per stravolgere il significato di una precedente asserzione. Quindi chiudo con: Aspetta e spera che già l'ora s'avvicina...quando sarà...incasellerò il tuo aggiornamento nella casella dei miei
    ricordi. quiproquo.
     
  9. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se l'avvocato redige l'accordo tra le parti col quale si stabiliscono i termini dell'accordo stragiudiziale, per evitare di proseguire con lo sfratto davanti al giudice, è probabile si faccia pagare il suo onorario!
    Che però sarà certamente inferiore a quanto dovuto per una procedura di sfratto che comporta redazione di atti, notifiche, udienze, ecc.

    Alcune volte sono riuscita a risolvere stragiudizialmente dei problemi con gli inquilini (per il recupero credito, non per gli sfratti).
    Ho seguito personalmente le pratiche concordando le modalità con le controparti e redigendo gli accordi dopo aver consultato il Codice Civile. Ma se mi fossi avvalsa del mio avvocato avrei dovuto pagarlo.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina