1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ralf

    ralf Nuovo Iscritto

    Qualcuno sa dirmi come funziona la "fossa imoff"?!?!? stiamo ristrutturando una casa in campagna e ci hanno sconsigliato di fare l'allacciamento alle fogne in quanto molto dispendioso , ci avrebbero parlato di questa soluzione della fossa imoff , vorrei un parere da un esperto e/o ancora meglio da chi la usa in casa ..... il mio terrore è che emani cattivi odori :confuso: .
    Ma bisogna svuotarla ogni tanto?!??! HELPPPP!!!!
     
  2. alporticcioloimm

    alporticcioloimm Nuovo Iscritto

    Salve Gioia,
    la fossa Imoff è un sistema di smaltimento dei liquami non tanto sofisticato, ma che richiede molta molta cura affinchè possa funzionare al meglio; sicuramente se non manutenzionata emana cattivi odori simili al gas o molto più paragonabili ad uovo marcio.Il principio di funzionamento è il seguente:
    Le vasche settiche tipo Imhoff sono costituite da una vasca principale (digestione anaerobica) che contiene al suo interno un vano secondario (di sedimentazione). L'affluente entra nel comparto di sedimentazione, che ha lo scopo di trattenere i corpi solidi e di destinare il materiale sedimentato attraverso l'apertura sul fondo inclinato, al comparto inferiore di digestione. È proporzionato in modo tale da garantire il giusto tempo di ritenzione e da impedire che fenomeni di turbolenza, causati dal carico idrico, possano diminuire l'efficienza di sedimentazione. Il comparto di digestione è dimensionato affinché avvenga la stabilizzazione biologica delle sostante organiche sedimentate (fermentazione o digestione anaerobica).
    Ricordati che la fossa oltre alla manutenzione, necessita anche delle autorizzazioni necessarie per lo scarico che vengono rilasciate dalla provincia.La fossa Imoff va svuotata ogni 12 mesi circa, in alcuni casi quando funziona bene, i tempi si possono anche allungare o, se funziona male ridurre. Io al momento sono amministratore di un parco composto da 21 appartamenti, al cui interno è stato installato un impianto per 90 persone circa, composto da 2 vasche di 8mc, di cui 1 è imoff l'altra è un sedimentatore con impianto di areazione esterno; all'inizio ci sono stati tanti problemi dovuti al cattivo avviamento, scarsa ossigenazione dei fanghi ecc.; oggi dopo 1 anno con le dovute modifiche sono scomparsi tutti i cattivi odori(logicamente sono stati investiti altri soldi per fare le modifiche), sicuramente sta funzionando meglio di un depuratore comunale.
    Importante è farsi consigliare bene sul tipo di vasca da utilizzare e montaggio.
    Saluti
     
  3. virgilio

    virgilio Membro Attivo

    Professionista
    x Gioia
    credo che più semplicemente: la vasca Imoff è formata da due scomparti nel primo vi rimane il materiale pesante, nel secondo vi passano i liquidi che mediante tubazione verranno collegati alla rete fognante comunale se esiste, intanto la prima vasca dove vi si deposita il materiale pesante circa ogni anno deve essere svuotata, tutto deve essere opportunamente sifonato per evitare i cattivi odori,(pozzetti d'ispezione di entrataa monte della vasca, e di uscita a valle della vasca),Saluti.
     
  4. alporticcioloimm

    alporticcioloimm Nuovo Iscritto

    --------Attenzione----------
    l'uscita della vasca Imoff non viene collegata a nessuna rete fognaria, altrimenti sarebbe insignificante montare un impianto del genere quando si hanno a disposizioni le reti fognarie in prossimità. Lo scarico della Imoff può avvenire in vari modi come ad esempio in un corso corso d'acqua (affinchè possa esserci questo tipo di scarico il corso deve essere attivo per un periodo non inferiore ai 120 giorni oltre alle caratteristiche di portata d'acqua),oppure in scarico al suolo (in questo caso non c'è nessun corso d'acqua e l'autorizzazione viene concessa con uno scarico in tabella 4), oppure per sub-irrigazione che può essere nel terreno,nel terreno mediante pozzetti assorbenti,nel terreno mediante sub-irrigazione drenata (quando il terreno risulta impermeabile) , per quanto concerne la sub-irrigazione nel terreno, devono sussistere determinate qualità di assorbimento della terra, oltre al monitoraggio per l'inquinamento di eventuali falde sotterranee; usualmente per avere lo scarico in sub-irrigazione viene richiesto un quantitativo di cubatura di costruzione dell'immobile da dedicare all'impianto, oppure si può effettuare lo scarico con fidodepurazione (questa tecnica depurativa si basa sul recupero da parte delle piante delle sostanze organiche nutrienti presenti nel liquame di origine domestica, logicamente la legge contempla una serie di piante da adottare).
    Ti riporto di seguito tutte le normative che interessano attualmente questo tipo di smaltimento di acque reflue:
    Il DECRETO LEGGE N. 152 del 11/5/99 - "Disposizioni sulla tutela delle acque dall'inquinamento e recepimento della direttiva 91/271/CEE concernente il trattamento delle acque reflue urbane ...11", pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n.101/L, del 29/5/99, e ripubblicato nella Gazzetta Ufficiale1 n. 146/L del 30/7/99 con aggiunta di relative note, disciplina totalmente la materia in tutti i suoi aspetti (principi generali e competenze, obiettivi di qualità, tutela dei corpi idrici e disciplina degli scarichi, strumento di tutela, sanzioni). Tale Decreto Legge abroga e/o modifica le precedenti Leggi e/o Regolamenti in materia, per cui è necessario conoscere l'esatto impiego di manufatti ed impianti per il trattamento delle acque di scarico civili (Fosse IMHOFF, Depuratori ad ossidazione totale, altri sistemi pseudodepurativi).Il18 agosto 2000 è stato emanato il decreto legislativo n. 258 recante “Disposizioni correttive e integrative del D.lv. 11 maggio 1999, n. 152, in materia di tutela delle acque dall’inquinamento a norma dell’articolo 1 comma 4, della legge 24 aprile 1998 n.128 ” pubblicato sulla G.U. Supp. Ord. n. 153\L del 18\9\2000.
    Ti riporto inoltre delle brevi delucidazioni sulla legge:
    Relativamente al trattamento delle acque di scarico civili (abitazioni, alberghi, ristoranti, scuole, collegi, campings, ecc...) il Decreto Legge 152/99 indica quanto segue:

    Articolo 29 - Scarichi sul suolo

    È vietato lo scarico sul suolo e negli strati superficiali, fatta eccezione per:
    1) Nuclei abitativi isolati, dove non sia in essere o prevista una rete fognaria; pertanto le Regioni dovranno identificare un sistema depurativo individuale in armonia con il livello dì protezione ambientale.
    2) Per gli scaricatori di piena a servizio delle reti fognarie.
    3) Per gli scarichi di acque reflue urbane per i quali sia accertata l'impossibilità tecnica a recapitare in corpi idrici superficiali, purché vengano rispettati i valori limite di emissione fissati.

    Articolo 30 - Scarichi nel sottosuolo e nelle acque sotterranee

    È vietato lo scarico diretto nelle acque sotterranee e nel sottosuolo. Le sole eccezioni, previa indagine preventiva ed autorizzazione dell'autorità competente riguardano lo scarico di acque utilizzate per scopi geotermici, delle acque di infiltrazione di, miniere o cave, o altri casi diversi dalle acque di scarico civili.


    Articolo 31 - Scarichi in acque superficiali

    Gli scarichi di acque reflue urbane potranno immettersi in acque superficiali solo con valori limite entro la Tabella 3 dell'Allegato 5 al D.L. 152/99. Il piano di risanamento delle situazioni fatiscenti indica il realizzo epurativo in tempi previsti in base al numero di abitanti degli agglomerati.

    Articolo 33 - Scarichi in reti fognarie

    Gli scarichi di acque reflue domestiche, che recapitano in reti fognarie sono sempre ammessi purché osservino i regolamenti emanati dal gestore dell'Impianto centralizzato di depurazione delle acque reflue urbane. Per l'accesso nelle reti fognarie è necessario il rispetto dei valori limite indicati nella Tabella 3 dell' allegato n. 5 del D.L. 152/99.

    Allegato n. 5 - D.L. 152/99 - Limite di emissione degli scarichi idrici

    Gli scarichi provenienti da Impianti e manufatti di trattamento delle acque reflue urbane, potranno essere smaltiti con i seguenti criteri:

    1) Scarichi in corpi d'acqua superficiali

    - Per agglomerati fino a 2000 abitanti con un impianto di trattamento in grado di rendere acque depurate entro i limiti della Tabella 3 (scarico in acque superficiali)

    - Per agglomerati da 2000 a 10000 abitanti e oltre i 10000 abitanti con un impianto di trattamento in grado di rendere acque depurate entro i limiti della Tabella 1 (limiti di emissione per gli Impianti di acque reflue urbane).

    2) Scarichi sul suolo

    Tutti gli scarichi ammessi sul suolo, previsti dall'articolo 29, dovranno subire un trattamento in grado di rendere acque depurate entro i limiti della Tabella 4 (limiti di emissione per le acque reflue urbane ed industriali che recapitano sul suolo).

    3) Indicazioni generali

    I trattamenti appropriati per il raggiungimento degli obiettivi depurativi dovranno:- essere di semplice manutenzione e gestione- essere in grado di sopportare adeguatamente forti variazioni orarie del carico idraulico ed organico- minimizzare i costi gestionali per insediamenti con popolazione compresa tra 50 e 2000 abitanti, i trattamenti da impiegare per il raggiungimento degli obiettivi epurativi sono gli impianti a depurazione naturale, quindi il lagunaggio o la fitodepurazione, o impianti tecnologici quindi i filtri percolatori o impianti ad ossidazione totale.Per insediamenti civili provenienti da agglomerati con meno di 50 abitanti, si potranno applicare sistemi di smaltimento come quelli indicati nella delibera del Comitato dei ministri per la tutela delle acque dall'inquinamento del 4/2/1977.
     
  5. eggpap

    eggpap Nuovo Iscritto

    Ciao a tutti,
    sono nuovo del forum e approfitto di questo interessante 3d per cercare una soluzione al mio problema:
    la mia fossa imhoff per sette utenze è stata recentemente svuotata e da allora c'è un pessimo odore nel bagno al pianto terra. Ho letto che la fossa imhoff sfrutta dei microrganismi per la "digestione", non sarà che va ricolonizzata dopo la pulizia? Non sarà che mi debba rivolgere a ditte specializzate?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina