1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. fernandoscudi

    fernandoscudi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Gent.mi ho acquistato un baitello in montagna nel 2005 accatastato c2 perche' è proprio una piccola baita a circa 600 mt. di alt. Dopo circa tre anni per problemi con il vicino mi è stato consigliato di variare la categoria catastale in A3 .Il tecnico ha fatto la comunicazione all'ade ma nessuna al comune di pertinanza. Nessun cambio o lavori di ristrutturazione così ho comprato e così è rimasto ad oggi ,pur pagando l'IMU come a3. Adesso sto vendendo a meno di quanto ho acquistato e naturalmente mi si chiede di asseverare urbanisticamente tutto ad A3 . Il vecchio tecnico mi dice che non devo fare nulla in quanto non è stato scambiato nulla ,uno nuovo mi consiglia di riaccatastarlo in c2 .Chiedo lumi su come comportarmi. L'acquirente acquisterebbe anche in c2 ma è il notaio che potrebbe rifiutarsi di fare l'atto ( come dice l'agenzia ). Grazie per tutto l'aiuto che riceverò!!
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Già da quello che hai scritto ti sei dato una spiegazione.
    La prassi quando si procede con un cambio d'uso occorre farsi autorizzare prima dal comune competente con o senza opere edilizie e poi procedere alla variazione all'AdE.
    La soluzione è di richiedere tale autorizzazione in sanatoria.
    Se riaccatasti in C/2 in visura risulta nuovamente un cambio d'uso con data di quando la presenti ed il notaio leggendo tale dicitura chiederà notizie e documeti come sopra, in ogni caso dovrai sempre prima chiedere autorizzazione al comune.
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Hai trovato due tecnici, uno migliore dell'altro. Il primo ti svolge la pratica a metà ed il secondo non ti risolve il problema. Posto che il comune l'accetti come destinazione d'uso A/3, potresti presentare un 'accertamento di conformità per sanare il cambiamento in assenza di concessione edilizia. Il problema è imputabile al primo. Mentre il consiglio del secondo potrebbe serviti a regolarizzare l'irregolarità ma forse non sarebbe la scelta migliore per il valore dell'immobile.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina