1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. tittola55

    tittola55 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Sono nuova del Forum
    Possiedo 4/5 di una casetta in montagna lasciata da mia madre , l'altro 1/5 è di mia sorella che non ha voluto vendere per disaccordi .
    Per 4 anni ho goduto da sola il bene , sostenendo tutte le spese di migliorie , arredi e corredi, mia sorella non ha mai sborsato un euro.
    Ora dopo 4 anni, si è fatta viva dicendo che vuole godere il suo 1/5 di proprieta , rifiuta di pagare la sua parte di spese perchè "non autorizzate".
    Ho deciso di tentare la richiesta di scioglimento della comunione, chiedendo l'assegnazione della quota.
    Ho letto che da poco tempo è stata istituita la figura del Giudice Conciliatore , il quale deve tentare una transazione.
    Però non ho trovato niente sulla tempistica e sui costi di questa procedura.
    Mi potete dare una risposta?
     
  2. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ciascun coerede, qualsiasi sia la quota che gli spetta, può, in qualsiasi momento, rivolgersi al Tribunale per ottenere lo scioglimento della comunione e la divisione dei beni ereditari.
    A partire dal 20 settembre 2013, però, prima di avviare una causa relativa ad una divisione è necessario dar corso a un procedimento di mediazione innanzi a un organismo riconosciuto dal Ministero della Giustizia, con l’assistenza di un avvocato. Se la mediazione non viene esperita e la causa viene avviata ugualmente, entro la prima udienza il Giudice può rilevare la “non procedibilità” della causa giudiziale. La “non procedibilità” può essere fatta valere anche dalla controparte (ossia dal c.d. “convenuto”), sia pure entro un preciso termine di decadenza.
    Se la mediazione non riesce, la richiesta di divisione giudiziale può essere fatta in qualunque momento, anche a distanza di molti anni dall’apertura della successione, non essendo previsto alcun limite temporale, salvo che il defunto abbia imposto che la divisione non si effettui fino al compimento del diciannovesimo anno d’età del più giovane dei suoi eredi, oppure per un tempo massimo di cinque anni dalla propria morte.
    Nel tuo caso le quote ereditarie sono ben definite tu vuoi mettere in vendita l'immobile per sciogliere la comunione. A questo, tua sorella non può opporsi. Quindi puoi rivolgerti ad uno dei tanti istituti per la mediazione che ci saranno nella tua città per un ultimo tentativo di convincere tua sorella a vendere la sua parte dopo di che, se la mediazione non sortisce alcun effetto, dovrai rivolgerti al tribunale della tua città per la messa in vendita dell'immobile.
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Il problema principale per lo scioglimento della comunione è quello di concordare il prezzo di vendita. Potreste affidare l'incarico della stima ad un professionista di fiducia comune ed in tal caso la cessione della quota da parte di tua sorella sarebbe privo polemiche. In alternativa non ti resta che seguire la strada che ti ha prospettato Luigi.
     
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Presumo però che Tittola non intende vendere l' immobile...ma lo scioglimento di una comunione nel caso di un bene indivisibile non prevede alternative.

    Suggerisco di far valutare l' edificio e proporre alla sorella l'acquisizione della sua quota ad un prezzo pari ad 1/5 maggiorato di un 20%.
     
  5. oliveri tomaso

    oliveri tomaso Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Tu puoi mettere in vendita la tua quota ma tua sorella ha la prelazione , dovrai comunicargli con lettera raccomandata con l ricevuta di ritorno il prezzo di vendita e lei avrà 30 giorni per avvalersi della prelazione e se non risponde sarai libero di vendere la tua quota .
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Dimaraz, non capisco la maggiorazione del 20%. E' forse un incentivo per convincerla a vendere? Se è questa la motivazione, credo che sarebbe bene che le parti trovino un accordo con il buon senso.
    Tomaso, credo che tittola voglia acquistare la quota della sorella, per cui non esiste l'obbligo di cui tu parli.
     
  7. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Il 20& era un suggerimento...che ritengo sufficente come incentivo...ma non è scontato che la sorella accetti.
    Posto 100.000 Euro il valore del bene, pagare il 20% su 1/5 significa dare un "bonus" di 4.000 Euro.
     
  8. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mi inserisco ponendo una riflessione sul lato umano...affettivo....familiare...E chiedo come mai vi è una sì grande discrepanza di quota proprietaria??? Immagino che la madre (???) abbia donato (o venduto fittiziamente) la sua parte alla postante con il risultato di inasprire la comunione affettiva della famiglia...se non vi sia stata una compensazione successiva per la sorella "lesa"...questo può spiegare il comportamento ostativo della stessa...Chiudo con: la discriminazione fra gli eredi figli può avvenire solo a fronte di
    comportamento indegno, evitando di usare il bilancino del farmacista fra chi sia stato più meritevole...come spesso succede.
    Ammessa e non concessa una eventuale ripartizione non paritaria il criterio da seguire eventualmente è quello dello stato di necessità che a volte può variare di molto fra una sorella e l'altra.
    Cosa ne pensate e cosa ne pensa la postante??? Quiproquo.
     
    A Gianco e rita dedè piace questo messaggio.
  9. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Condivido l'analisi di Qpq. Apprezzo le considerazioni ed insisto nell'usare il buon senso per non finire di rovinare un rapporto familiare.
     
  10. tittola55

    tittola55 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie a tutti per l'attenzione,
    voglio rispondere a quiproquo;
    la casa ereditata da mia madre è stata equamente divisa fra 5 sorelle, io ho acquistato 4/5 e non l'intero, solo ed unicamente perchè la sorella più "esosa" voleva trarre un beneficio maggiore opponendosi, risultato: mia sorella è rimasta proprietaria di 1/5 svalutato del 35%.
    Io non intendo sottostare al "ricatto" economico per principio.
    Sapete darmi informazioni sui costi dello scioglimento ?
    L'immobile intero oggi vale circa 50.000 euro (nel 2011 l'ho pagato 80.000).
    Grazie . Tittola
     
    A rita dedè e quiproquo piace questo messaggio.
  11. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    La disparità delle quote di possesso l' avevo rilevata pure io...ma non è tema della domanda e trovo insesplicabile ci si debba ricamare su chiassà quali motivazioni o biasimare certe scelte.

    Potrebbe benissimo essere il caso di una suddivisione di beni ereditati dove si sia accettato tale differenza come compensazione su altre proprietà.
    Altresì potrebbe derivare da somma di diverse eredità o proprietà di quote precedenti.
    Sono questioni personali su cui non si dovrebbe indagare e Tittola non è tenuta a spiegare.
     
  12. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ops...Tittola ha risposto nel mentre postavo.
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
  14. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    piu' spese dell' avvocato

    Valore minimo della lite Valore massimoCompenso per ciascuna parte

    0 a 1.000 65

    da 1.001 a 5.000 130

    da 5.001 a 10.000 240

    da 10.001 a 25.000 360

    da 25.001 a 50.000 600

    da 50.001 a 250.000 1.000

    da 250.001 a 500.000 2.000

    da 500.001 a 2.500.000 3.800

    da 2.500.001 a 5.000.000 5.200

    oltre 5.000.000 a senza limiti 9.200

    .
    spese di mediazione deducibili dal reddito fino a 500 euro se và a buon fine; diversamente 250 euro

    piu' o meno l ' iter è ancora questo ( salvo che in piu' serve obbligatoriamentel'avvocato )
     
  15. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    @tittola55 questa lista sta dentro alla discussione, costi mediazione, del 20 ottobre2014,nel reparto mediazione conciliazione civile, il signor @Ennio Alessandro Rossi ha postato questa lista, buona lettura.
     
  16. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    @tittola55 questa lista sta dentro alla discussione, costi mediazione, del 20 ottobre2014,nel reparto mediazione conciliazione civile, il signor @Ennio Alessandro Rossi ha postato questa lista, buona lettura.
     
  17. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    @tittola55 questa lista sta dentro alla discussione, costi mediazione, del 20 ottobre2014,nel reparto mediazione conciliazione civile, il signor @Ennio Alessandro Rossi ha postato questa lista, buona lettura.
     
  18. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    E meno male che la mediazione voleva essere un incentivo per evitare di ingolfare i tribunali. A me sembra un ulteriore balzello, molto esoso, su chi ha la sventura di avere bisogno di giustizia. Ma, di quale giustizia?
    Hanno trovato un altro sistema per succhiare il sangue ai cittadini, facendolo passare come toccasana per sgravare il carico sui giudici poco produttivi.
     
    A quiproquo e rita dedè piace questo messaggio.
  19. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    @Gianco diritto ereditario italiano ha bisogno una riforma.......... Per esempio sarebbe niente male permettere i patti successori, cosa che in diritto ereditario tedesco sono legali.
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  20. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    I famosi testamenti non sono n'è anche una soluzione così efficiente .......
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina