1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. idealista

    idealista Membro Ordinario

    Impresa
    Con l'avvicinarsi della scadenza di giugno, aumenta la fibrillazione dei contribuenti per chiarire i mille interrogativi che ancora circondano la temutissima IMU.

    Il Ministero dell'Economia sta lavorando ad una circolare omnibus sull'IMU di cui è pronta una prima bozza. Per dare una mano ai nostri lettori, noi di idealista cercheremo di chiarire alcuni dubbi.

    Cominciamo oggi parlando di come dovrà essere versata l'imposta sugli immobili.
    Che si tratti di prima o seconda abitazione, il modello da utilizzare è l'F24 del 2012.

    Per il saldo di dicembre sarà possibile utilizzare anche il bollettino postale. Il vecchio modello F24 si potrà usare solo fino al 31 maggio 2013, indicando il pagamento dell'IMU nella sezione "ICI e altri tributi locali".
    Nel modello sarà necessario indicare sulla riga corrispondente la parte dell'imposta dovuta allo stato e quella al comune. Sarà possibile indicare anche immobili posseduti in comuni diversi utilizzando i codici corrispondenti.

    Nel nuovo modello F24 sono stati anche stabiliti i codici tributo da segnalare all'atto del pagamento:
    • 3912 – denominato: IMU – Imposta Municipale propria su abitazione principale e relative pertinenze – articolo 13, c. 7, d.l. 201/2011 – comune
    • 3913 – denominato: IMU – Imposta Municipale propria per fabbricati rurali ad uso strumentale – comune
    • 3914 – denominato: IMU – Imposta Municipale propria per i terreni – comune;
    • 3915 – denominato: IMU – Imposta Municipale propria per i terreni – stato
    • 3916 – denominato: IMU – Imposta Municipale propria per le aree fabbricabili – comune
    • 3917 – denominato: IMU – Imposta Municipale propria per le aree fabbricabili – stato
    • 3918 – denominato: IMU – Imposta Municipale propria per gli altri fabbricati – comune
    • 3919– denominato: IMU – Imposta Municipale propria per gli altri fabbricati – stato
    • 3923– denominato: IMU – Imposta Municipale – interessi da accertamento – comune
    • 3924 – denominato: IMU – Imposta Municipale – sanzioni da accertamento – comune
    E' inoltre importante indicare i seguenti dati nelle apposite caselle:

    • "codice ente/codice comune" il codice statale del comune dove sono ubicati gli immobili. Per i fabbricati e i terreni per i quali è prevista la quota per lo stato, l'importo va diviso a metà tra comune e stato e indicato con il relativo codice in due righe divese.
    • "immob. variati" da barrare se sono intervenute eventuali variazioni sugli immobili posseduti rispetto al 2011
    • "acc" barrare per l'acconto e indicare 0101 per la rata di giugno se si è scelti l'opzione in due rate o 0102 per l'opzione in tre rate (a settembre si dovrà indicare 0202)
    • "numero immobili" per indicare il numero degli immobili posseduti. si può usare anche un unico modello F24 per tutti gli immobili posseduti, anche se questi si trovano in due comuni diversi
    • "anno riferimento" deve essere indicato il 2012
    • "detrazione" si deve indicare l'importo della detrazione alla quale si ha diritto per la prima casa
    • "importi a debito versati" bisogna indicare per singolo rigo l'importo a debito dovuto al netto della detrazione
    • "saldo" si deve indicare il totale da pagare sommando gli importi indicati in ogni singola riga.
    Gli importi devono essere arrotondati all'euro per ogni singola riga.
    Per chi vive all'estero e possiede una casa in Italia: è necessario effettuare due bonifici uno indirizzato al comune dove si trova l'immobile e l'altro alla banca d'Italia per la quota di competenza dello stato.

    Leggi tutto l'articolo su idealista.it/news...
     
  2. CENTURIONE

    CENTURIONE Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    in buona fede consigliate inesattezze

     
  3. CENTURIONE

    CENTURIONE Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    1) nella casella acconto non deve essere indicato alcun numero ma semplicemente barrare la casella stessa.
    2) gli importi non devono essere arrotondati all'euro,ma ai primi due decimali adeguando il secondo decimale per eccesso o difetto in base al terzo decimale.
     
  4. sergio 41

    sergio 41 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Solo una correzione : l'importo della rata và arrotondata all'euro.:ok:
     
  5. CENTURIONE

    CENTURIONE Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    come si compila il mod f

    Cito testualmente le avvertenze per la compilazione: "gli importi devono essere sempre indicati con le prime due cifre decimali anche nel caso che tali cifre siano pari a zero.In presenza di più cifre decimali occorre procedere all'arrotondamento al centesimo della seconda cifra ........ecc.
     
  6. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    No, l'arrotondamento va effettuato all'unità di euro.
    http://www.uppi.it/files/DFF_9485_-_Circolare_n_3_DF_-_IMU.pdf comma 10.1
     
    A sergio 41 piace questo elemento.
  7. giolucianipinsi

    giolucianipinsi Membro Ordinario

    Bando alle discussioni: Il sito www.amministrazionicomunali.it ti fa tutto, gratis. Basta inserire la rendita catastale. S e inserisci anche i dati anagrafici, ti stampa anche il mod. F24, che puoi salvare in formato pdf.
     
  8. CENTURIONE

    CENTURIONE Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    come si compila il mod f24

    Ciao,ho letto la circolare che mi hai indicato ed effettivamente dice quello che dici tu.
    Però ,prova a leggere la circolare sul sito :" www.agenziaentrate.it", poi clicchi su "F24 WEB",poi clicchi su " SCHEDA INFORMATIVA",e vedrai che invece dice quello che dico io.
    A questo punto credo il governo la debba smettere di obbligare i cittadini a pagare non solo le tasse,ma di creargli anche problemi per adempiere ai propri doveri.
    Fammi sapere come enterpreti queste discordanze e come pensi sia meglio comportarsi.
    Ciao. CENTURIONE
     
  9. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Sono del tuo stesso parere.
    Che la smettano una buona volta di creare migliaia di problemi e siano più espliciti ed esaustivi quando emanano Ddl o Dl.
    Non sanno fare altro che ingarbugliare e proporre sempre di più cavilli interpretativi per poterti fregare quanto e quando meglio vogliono!!!
    ciao
    jerry48
     
  10. sergio 41

    sergio 41 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Concordo pienamente. In quest'ottica circola anche il differimento dei pagamenti che magari a distanza di anni verranno sanzionati:rabbia:
     
  11. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Sì, è vero le avvertenze per la compilazione del mod. F24 contraddicono quanto scritto nella circolare n. 3/DF del 18 maggio: "Si rammenta che il comma 166 dell’art. 1 della legge n. 296 del 2006, applicabile anche all’IMU, ai sensi dell’art. 9, comma 7, del D. Lgs. n. 23 del 2011, prevede che “il pagamento dei tributi locali deve essere effettuato con arrotondamento all’euro per difetto se la frazione è inferiore a 49 centesimi, ovvero per eccesso se superiore a detto importo”.. Per cui se il calcolo dell'IMU dà ad esempio come risultato l'importo di 1090,55 euro, si deve arrotondare l'mporto all'unità di euro superiore ovvero 1091 euro e riportarlo così nell'F24 con il relativo codice tributo.
    In attesa, dunque, di un ennesimo chiarimento (ben auspicabile), consiglio comunque l'arrotondamento all'unità di euro, anche in considerazione dell'esiguità della differenza, al massimo 50 cent.
    Saluti
    dolly;)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina