1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. nickbs74

    nickbs74 Nuovo Iscritto

    Ciao sono il locatore di un appartamento con un contratto 4+4 registrato all'agenzia delle entrate, il mio inquilino adesso va via dall'Italia, e vorrebbe passare il contratto ad un suo amico. A me va bene ma cosa devo fare affinchè tutto sia in regola? Praticamete dovrei "cambiare2 il nome del conduttore sul contartto di affitto, ma in che modo? Chi deve pagare?

    Grazie.
     
  2. nicoz

    nicoz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    In caso di cessione o risoluzione del contratto
    L'imposta di registro va pagata anche quando il contratto si risolve (disdetta anticipata) o viene ceduto (cambio inquilino), entro 30 giorni con consegna, nei 20 giorni successivi, dell'attestato di versamento all'ufficio dove era stato registrato il contratto.
    Se la risoluzione o la cessione avvengono gratuitamente (senza pagamento di un corrispettivo) l'imposta si paga nella misura fissa di 67 euro.
    Diversamente l'imposta e' dovuta in misura percentuale per il 2% dei canoni residui, con minimo di 67 euro.
    In caso di risoluzione anticipata, se è stata versata l'imposta per l'intera durata del contratto si ha diritto al rimborso delle annualita' successive a quella in corso.
    Il pagamento avviene con modello F23, codici tributo 113T per la risoluzione e 110T per la cessione.

    ciao;)
     
  3. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Il contratto di locazione è un accordo tra il proprietario di casa e un inquilino.
    per legge chi cede il fabbricato ha l'obbligo di accertare l'identità della persona a cui lo cede, esaminando un documento d'identità e copiandone i dati anagrafici nel modulo. non sono ammesse altre modalità, neppure la conoscenza personale. attenzione chi non consegna o lo fa in ritardo, è punito con una multa molto salata!
    per cui io sarei del parere di redigere un altro contratto e presentarlo all'AdE con le spese di registrazione come di consueto.
     
    A possessore piace questo elemento.
  4. nickbs74

    nickbs74 Nuovo Iscritto


    Grazie molto gentile e preciso.
     
  5. JERRY48

    JERRY48 Ospite

  6. Elizabeth

    Elizabeth Nuovo Iscritto

    Non vedo perché rifare un contratto nuovo, Jerry48, (a meno che non ce ne sia una convenienza).
    Copio e incollo da un altro sito: "Per giurisprudenza consolidata, si ritiene che costituisce accettazione tacita della cessione il caso in cui il locatore, venutone a conoscenza, abbia consentito il godimento della cosa locata da parte del cessionario, accettandone gli effetti e ricevendo da quest'ultimo il canone locativo."
    Potresti far firmare per tua ulteriore sicurezza dal conduttore originario una dichiarazione di cessione del contratto a favore dell'attuale conduttore. E’ indispensabile, però, che il nuovo intestatario provveda a inviare all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate ove è registrato il contratto ceduto una comunicazione del suo subentro pagando l'imposta nella misura fissa di 67 euro con codice 110T come ti ha suggerito Nicoz.
    Non so se ancora bisogna comunicare la cessione del fabbricato alla Polizia entro 48 ore (io lo farei in ogni caso, non si sa mai, è gratuito)
     
  7. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    io mi sentirei più tutelato col nuovo contratto ed ho anche la facoltà di non accettare la cessione.
    anche per eventuli danni non evidenziati nel verbale di consegna e scoperti successivamente.
    poi il locatore, ai sensi dell'art. 12 del decreto-legge 21 marzo n. 59 (convertito, con modificazioni, dalla legge 18 maggio 1978, n. 191 è obbligato a comunicare entro 48 ore, l'avvenuta cessione in locazione dell'immobile all'autorità locale di pubblica sicurezza, nonchè le generalità del conduttore e gli estremi del documento d'identità. in caso d'inosservanza, sanzione amministrativa da euro 103,00 a euro 1.549,00.
     
  8. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Faccio notare che l'obbligo di notifica all'autorità di Polizia (sindaco nei piccoli paesi), non sussiste più per gli italiani ed i comunitari, mentre per gli extracomunitari sussiste un tipo di comunicazione del quale ignoro la natura.
     
  9. Elizabeth

    Elizabeth Nuovo Iscritto

    Partivo dal presupposto che nickbs74 volesse mantenere il vecchio contratto in corso per non iniziare ora un altro 4+4 ovviamente.
     
  10. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Esiste ancora per la pubblica sicurezza obbligo di notifica all'autorità di Polizia le generalità del locatario:

    Lex ignorantia non escusat!
     
  11. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Insisto, tale obbligo non sussiste più. Non ti so dare la fonte, ma all'ufficio protocollo di un comune al quale pensavo di dover consegnare il vecchio stampato, mi hanno informato che l'obbligo non sussiste più, mentre per gli extracomunitari è rimasto un adempimento che non ho approfondito. Ho avuto conferme successive per altra affittanza, in questo forum abbiamo già affrontato questo argomento con altre attestazioni di superamento di tale obbligo.
     
  12. Elizabeth

    Elizabeth Nuovo Iscritto

    I D. Leg.vo 23/2011 e D.L. 70/2011 hanno rispettivamente disposto che la citata comunicazione all'autorità locale sia «assorbita» dalla registrazione del contratto di locazione o di compravendita di immobili.
    Cito l'articolo che ci interessa: "Fermi gli obblighi di presentazione della dichiarazione dei redditi, la registrazione del contratto di locazione, assorbe gli ulteriori obblighi di comunicazione, incluso l'obbligo previsto dall'articolo 12 del decreto-legge 21 marzo 1978 n.59, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 maggio 1978, n. 191...omissis"
    Ai sensi sempre del citato D. Leg.vo 23/2011, il predetto obbligo non viene meno quando si tratta di locazioni ad uso abitativo effettuate nell'esercizio di una attività d'impresa o di arti e professioni.

    Trattandosi di decreti legge (soggetto quindi alla conversione in legge da parte del Parlamento entro 60 giorni, pena decadenza ex tunc) e non avendo io più saputo se effettivamente sono stati convertiti in legge, visto come vanno le cose in Italia e visto che tale comunicazione si può anche consegnare direttamente in polizia che rilascia ricevuta, cioè a costo zero, fino a sicura conferma presenterei la denuncia di cessione lo stesso.

    Qualcun altro l'ha chiesto sul sito ufficiale della Pubblica Amministrazione e la risposta, aggiornata al 30/12/2011, almeno per me non è chiara. Perché non rispondono semplicemente con un o un no? :occhi_al_cielo: Comunicazione di cessione di fabbricato all'autorità di Pubblica Sicurezza | Risposte
     
    A romrub piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina