1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. creso

    creso Nuovo Iscritto

    Vi illustro una situazione che mi sta a cuore. Una madre vive con un figlio (il più giovane) in un appartamento di proprietà della madre.Il padre è deceduto. Ha altri due figli sistemati che vivono in case di loro proprietà. Alla morte la madre vorrebbe che il figlio potesse continuare a vivere nella casa e teme che gli altri due (quelli autonomi) possano chiedere di essere liquidati per le loro quote non avendo il figlio più giovane la possibilità di pagare non versando in buone condizioni economiche e teme quindi che possano chiedere di mettere la casa all'asta. Cosa potrebbe fare? Preferibilmente non vorrebbe fare discriminazioni cioè non vorrebbe precludere ai due figli maggiori l'utilizzo della casa ma semplicemente garantire al minore la possibilità di viverci senza spese se non quelle ordinarie ( senza pagare affitto agli altri due per le loro quote) magari rimandando ogni decisione a quando avrà le disponibilità economiche per fronteggiare l'acquisto delle quote degli atri fratelli o comprare un'altra casa. Tenete conto che tra i tre fratelli corre pessimo sangue e anche per questo la madre è preoccupata. Grazie a chi vorrà rispondere :daccordo:
     
  2. NICOLA1977

    NICOLA1977 Nuovo Iscritto

    Sarebbe il caso che il figlio si trovasse un appartamento e lo acquistasse come hanno fatto i fratelli. Non e' giusto che lo stesso non paghi le spese vive e per giunta si vederebbe di fatto regalato un immobile. Se fra i fratelli non corre buon sangue e' colpa della signora mamma che non ha fatto le cose equamente. Consiglio: Venda l'immobile in nuda proprieta' e divide la somma per i tre figli e alla sua morte tutti e tra la ringrazieranno.
     
    A romrub piace questo elemento.
  3. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto

    non puoi fare niente legalmente.
    capisco tutelare il figlio minore piu' sfortunato economicamente ma se i due figli maggiori non riunciano alle lore quote di legittima c'e' poco da fare.
    puoi solo fare testamento aggiungendo alla quota di legittima anche la quota disponibile per il figlio minore in modo che cosi' verrebbe ad avere una parte piu' grande della casa in eredita'.
    cosi' se si dovesse andare in futuro all'asta il giudice
    chiederebbe a chi ha le quoti maggiori se vuole comprare le quote minori dei fratelli.
    oppure puoi vendere oggi la tua casa al figlio minore tenendoti l'usufrutto.................non si sa mai con le
    eventuali nuore future...................
    ciao
     
  4. Barbobasket

    Barbobasket Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La miglior soluzione, secondo me, è la vendita della nuda proprietà al figlio disagiato.
     
  5. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La mi proposta: nel testamento, lasciare l'usufrutto al figlio disagiato e la nuda proprietà agli altri fratelli. Il figlio disagiato avrebbe diritto a vivere nell'appartamento vita natural durante pagando solo per le spese ordinarie. Gli altri fratelli si farebbero carico di eventuali spese straordinarie, ma avrebbero un bene che con il passare degli anni si rivaluterebbe fino a poterlo convenientemente vendere.
     
  6. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto

    :rabbia::rabbia:
    campa cavallo che l'erba cresce.
     
  7. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    E concedergli subito il diritto di abitazione vita natural durante ???
     
  8. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sempre meglio che fare improbabili vendite su cui i fratelli poi possono fare azioni di revoca per lesa legittima...
     
  9. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto

    infatti le cose si fanno sapendo cosa bisogna fare....................:D:p:occhi_al_cielo::risata:
     
  10. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    io proverei a vendere il diritto di abitazione. tuttavia non mi sembra giusto che la madre costringa gli altri ad affrontare spese per il figlio minore senza ricavare nulla dal bene. si creerebbe l'assurdo che il tipo senza aver mosso un dito possa costringere gli altri ad affrontare spese che potrebbero anche non essere in condizione di affrontare e questo non è giusto. se tra i fratelli non corre buon sangue forse un motivo c'è. se hanno lavorato per acquistare le loro case certo non gradiranno il trattamento che la madre intende riservare al fratello.
     
    A ccc1956 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina