1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Frengo

    Frengo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    e buongiorno a tutti,
    torno a bomba su un argomento trito e ritrito, ma ogni volta è un argomento con -particolari inediti-

    abbiamo (fratelli) registrato un comodato per un nostro nipote, in cui è presente oltre al dettaglio dell'immobile questa specifica dicitura :
    • I redditi generati da locazione e sublocazione dell’immobile (locazione uso turistica ) dovranno essere gestiti/denunciati/assimilati al reddito del comodatario stesso: non saranno assimilati al reddito del comodante
    considerando che "non sapremo MAI" se e quando sarà locato l'immobile, anche perchè non vicino
    e considerando che, come ho letto in altre discussioni :
    • le risoluzioni dell AdE non vincolano nel il contribuente ne il giudice e non costituiscono fonti di diritto
    • Il reddito deve essere dichiarato da chi, nel contratto di locazione, risulta concedere in affitto. Non conta nè chi sia il proprietario dell'immobile, nè chi sia il comodatario
    in caso di "controllo", l'AdE non potrebbe assolutamente chiedere a noi "da dove provengono certe entrate" solamente perchè "non ci perveniranno MAI" , e quindi :
    • perchè dovremmo denunciare noi fratelli "evenutuali" redditi dei quali non possiamo sapere nulla, come verrebbe invece richiesto dalla risoluzione dell'AdE ?

     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Il locatario (conduttore) e il comodatario, non vantando sull’immobile il possesso
    fondato su un diritto reale, bensì solamente la detenzione fondata su un diritto
    personale, non sono tenuti a dichiarare i redditi relativi ai beni immobili locati o
    utilizzati in comodato (C.M. 8.10.76 n. 31/250873; R.M. 7.6.80 n. 7/441).
    Per essi, il soggetto che consegue i redditi fondiari ed è tenuto a dichiararli è il
    locatore o comodante, vale a dire il proprietario, ovvero l’usufruttuario, ecc
     
    A maidealista piace questo elemento.
  3. Frengo

    Frengo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    io pensavo, che avendo redatto in quel modo il comodato che il diritto-reale fosse passato : se registrato, io passavo il diritto-reale al comodatario

    se così non è, ed egli (il nipote) ha dei redditi che regolarmente denuncerà
    noi fratelli saremmo AUTOMATICAMENTE degli innocenti ed ignoranti EVASORI

    è corretto ?
     
  4. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Mettetevi in regola con le norme vigenti.
    In questa situazione, non lo siete.
     
  5. Frengo

    Frengo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Jerry,
    che significa "mettetevi in regola" : non ho capito, non abbiamo capito DOVE abbiamo sbagliato

    rileggendo il tutto, noi non sbaglieremmo solamente nel caso non ci venga comunicata la locazione: possiamo obbligare tale adempimento ?
     
  6. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    In pratica, essendo appunto propietari e nello stesso tempo comodanti, siete tenuti a dichiarare i redditi della locazione del comodatario (vostro nipote).

    Questa clausola non ha valore.
     
  7. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    rettifico/completo precedente post : potete cancellarlo ?

    Posso dare un parere...che parte dal presupposto che " il comodato non sia stato registrato da Notaio" ?


    Lo scopo dell AdE (dal nome) è quello di "riscuotere" ...e anche di consigliare, attenendosi alle leggi e alle sentenze - inoltre l'impiegato "rappresenta" l'AdE - è corretto?

    socondo pensiero : se un "articolo" del comodato non è corretto, l'intero atto deve essere dichiarato nullo - ovvero, se una casa è stata venduta con 5 bagni (il notaio ha certificato) quanto dichiarato dal venditore....ma si scopre che è stato venduto un appartamento con un numero differente di bagni, l'ATTO è nullo....e bisogna rettificarlo (perchè l'intero ATTO NON E' VALIDO)

    Ipotizzo che il COMODATO sia stato registrato in AdE (come è la prassi, e non dal notaio o in municipio) : in questo caso, l'impiegato "controlla e valida i singoli punti...o l'interezza del comodato" nel caso sia corretto : se è stato registrato, tutti i punti (di sua pertinenza) sono stati validati dall'AdE (l'impiegato(AdE verifica quanto NON di sua pertinenza....tipo i dati catastali, ma per i Dititti/doveri/ecc....certifica il resto) - solo l'AdE o le parti possono "invalidare"/rescindere il comodato ( e non "invalidare" un singolo punto).

    La famosa "risoluzione" dell'AdE (sbaglio?) è solo una normativa/consiglio....se un giudice "attesta" differentemente, AdE si deve adeguare.

    Se il comodatario "denuncia" e paga tasse su reddito, non commette reati,
    forse "lo commette" perchè non denuncia che ha prodotto tali redditi al properietario? - ma il comodatario (in questo caso) si attiene rigidamente al contratto-firmato (approvato e registrato in AdE) ... comunque se commette reato, non è di pertinenza dell'AdE
    Il proprietario, ha un contrato (regolare/accettato/ecc.) ma non ha "visibilità" dei redditi, quindi "se anche commette reati" non ha modo di accertarlo.

    Probabilmente il caso non si applica nel caso di comodato tra coniugi conviventi (il mio caso)

    Sicuramente il 90% dei comodati per utilizzo B&B è fatto in siffatto modo....e ci sono (quindi) centinaia/migliaia di casi in cui "l'AdE" non può intervenire ( o VOLUTAMENTE non interviene) - vogliamo fare un esposto all'AdE per "facilitare" queste riscossioni ?
     
  8. JERRY48

    JERRY48 Ospite



    1) si va all'AdE per la registrazione, come registrazione di locazione non c'è bisogno di atto pubblico o al comune
    2) all'AdE non ti controllano tutte le clausole (quante vessatorie!) registrano (loro competenza) ti fanno pagare con i codici tributo e stop
    3) la legge dice che un comodatario non può locare ma bensì il comodante e può cedere un comodato d'uso e una locazione nello stesso tempo delimitando le stanze in uso comune ed è tenuto a denunciare i redditi.
     
  9. Frengo

    Frengo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    punto-2 : allora quanto dicono agli sportelli....è tutto "non vero", perchè espressamente richiesto AD UN FUNZIONARIO

    punto-3 : puoi darmi riferimenti di legge ?

    io sul punto-3 posso dare riferimenti (comunali/regionali) per l'iscrizione di Affittacamere/CAV/B&B in cui si EFFETTUANO ESCLUSIVAMENTE LOCAZIONI (anche di soli interi-appartamenti) , e per il quale il comune verifica che la persona che "gestisce/apre" l'attività ....ABBIA I TITOLI (sufficiente il comodato, non la proprietà) - quindi quanto "applica" (con legge locale) il Comune è sbagliato ?

    ...non è polemica, ma voglia di capire...e risolvere (eventualmente) situazione personale...e anche quella di NON dare "sempre" parere negativo ...
     
  10. estate

    estate Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    posso sapere gli estremi della risoluzione ministeriale che da cui nasce la questione? grazie
     
  11. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mi chiedo quale sia il "motivo" che spinge i fratelli (comodanti/proprietari) a dare al nipote a titolo gratuito (comodato) un immobile dal quale lo stesso nipote/comodatario può trarre un reddito senza render conto a nessuno ?
    Io ci vedo un problema di evasione e di elusione di imposta.
    Cosa da in cambio il nipote ?
    - fa arieggiare l'immobile ?
    - Ha avuto l'immobile in cambio di una promessa del nonno ?
    - In caso di dichiarazione dei redditi ha un'aliquota marginale di gran lunga inferiore a quella degli zii ?

    Con tutti questi dubbi, ho paura che l'ADE venga a batter cassa dai veri proprietari, a meno che il "caro nipotino" non svolga una attività economica soggetta a registrazione per cui l'immobile diventa solo un mero mezzo strumentale di importanza marginale in quanto i redditi deriverebbero dalle "prestazioni" personali del nipote.
    Nota: la presente è una mia opinione strettamente personale e non basata su Risposte Ade o Risoluzioni di chicchessia.
     
  12. Frengo

    Frengo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    scusate, non pensavo di aver sollevato un polverone :

    ecco le INFO mancanti​
    • io non abito a Milano
    • l'immobile è situato a Milano, abbastanza non-lontano dall'università
    • mio nipote, per studiare, ha spostato la residenza a Milano
    quindi, per avere tutto in regola, gli abbiamo fatto quello specifico comodato: in questo modo "può mantenersi" senza pesare sulla famiglia, e non deve rendicontare nulla, per circa 4 anni​



    cosa è un'attività -soggetta a registrazione- ?

    > il B&B può anche non essere imprenditoriale (ma è registrato al comune)
    > affittare letti sino a 29gg non si deve registrare nulla



     
  13. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Con l'ultimo intervento la questione appare più chiara e non dovrebbero sussistere dubbi su chi debba considerarsi soggetto fiscale, a condizione che nel contratto di comodato venga chiaramente specificato che:
    - l'alloggio è stato dato in comodato d'uso gratuito ad un parente stretto
    - per il periodo del corso di studi universitario
    - che il comodatario ha facoltà, per non gravare economicamente sulla famiglia, di affittare/subaffittare l'alloggio e di incamerare gli eventuali proventi a titolo personale e dei quali, ove obbligato, renderà conto dal punto di vista fiscale.

    Buon pranzo
     
  14. Frengo

    Frengo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    OK,
    grosso-modo sono state utilizzate le stesse frasi, ma il terzo punto è stato scritto in questo modo :
    • I redditi generati da locazione e sublocazione dell’immobile (locazione uso turistica ) dovranno essere gestiti/denunciati/assimilati al reddito del comodatario stesso: non saranno assimilati al reddito del comodante
    a mio avviso è equivalente, perchè per tutto cio che non è stato verbalizzato/accettato Dall'AdE si deve far riferimento ad una normativa già operativa
     
  15. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ok,
    in caso di contestazione, potrete sempre chiarire il vero senso e lo scopo della clausola riportata nel contratto.
    Saluti.
     
  16. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Allora, mi dispiace per il mio intervento tardivo, comunque ho rivalutato il tutto anche avendo le idee più chiare dopo il post #12 di Frengo, più esplicativo.

    Ai sensi del III comma dell'art. 1804 cod.civ. il comodatario non può concedere a un terzo il godimento della cosa senza il consenso del comodante. Più approfonditamente, l'implicazione pratica di questa norma fa riferimento al tema del subcomodato.
    Mentre la dottrina (Giampiccolo in Trattato di Diritto Civile, Milano, 1972, p. 24) interpreta questa espressione come una proibizione ad instaurare comunque una situazione di godimento a favore di un diverso soggetto (tanto a titolo di subcomodato, quanto a titolo di locazione) in giurisprudenza si conosce di un contrario parere, essendosi ritenuto che la locazione del bene concreti un utilizzo indiretto del bene che non contrasta con il carattere personale dell'utilizzo (Cass.Civ.Sez.II 1018/76 ).

    Difettando il consenso del comodante occorre ritenere che il medesimo possa richiedere al comodatario, ai sensi del III° comma dell'art. 1804 cod.civ., l'immediata restituzione della cosa nonché il risarcimento.

    Frengo stai tranquillo sei nel giusto.
     
  17. Frengo

    Frengo Membro Junior

    Proprietario di Casa
  18. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    :birra: Bravo Jerry,
    sei riuscito a giustificare con apposita documentazione giuridica la conclusione (cioè la correttezza dell'operato) a cui anche io ero arrivato in maniera più prosaica.
    Ti eleggeremo Grande Ufficiale dell'Archivio Legale.
    Nell'attesa gustati una :birra:
    :stretta_di_mano:
     
    A JERRY48 piace questo elemento.
  19. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Grazie...grazie...per l'onorificenza :) , ma ...(a voce bassa...) mi compete anche un vitalizio??? Sai...sono tanto di moda oggigiorno :risata: :risata:
    Va beh dai per il momento una :birra: della nostra Ichnusa. A sa Saludi...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina