1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. zoeyork

    zoeyork Nuovo Iscritto

    Tra poco dovremo provvedere alla ristrutturazione esterna e del tetto del nostro palazzo.
    Siamo 24 famiglie e il nostro amministratore e' ormai da circa 10 anni un nostro condomino.
    Nell'ultima riunione condominiale straordinaria per esaminare la ditta cui dare l'appalto pe i lavori di ristrutturazione il nostro amministratore ha detto categoricamente che a lui PER LEGGE tocca il 4% del totale dell'opera ( esempio 4.000 euri su un importo di 100.000 euro).
    Io, a dire il vero non ho capito cosa sia questa provvigione del 4% ovvero perche' dovremo dare questa somma, a titolo di che?...Come direttore dei Lavori o cos'altro?.

    Potete darmi una risposta per piacere?
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non esiste una Legge che fissa il compenso e percentuale per l'attività straordinaria all'amministratore, praticamente è l'assemblea che lo stabilisce se richiesto; Deve riconoscersi all'amministratore che abbia svolto una serie rilevante di incombenze amministrative di per sé estranee alla gestione corrente il diritto ad un compenso per tali attività di natura straordinaria.
    Infatti in assenza di specifiche indicazioni documentali al riguarda presumersi che tale attività non sia coperta dall'emolumento annuale ordinario , e ciò anche nel caso che lo stesso, a seguito della cessazione dell'incarico, abbia omesso la rendicontazione finale dei lavori straordinari. (Tribunale Milano n. 7511 del 2 luglio2001)
     
  3. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    L' amministratore, in caso di lavori straordinari, ha diritto al suo compenso perchè:

    Deve convocare e partecipare all' assemblea che dovrebbe nominare il tecnico che rediga il capitolato; detto capitolato deve essere approvato dai condòmini; dopo è necessario organizzare la gara di appalto, portarla a termine; dopo è necessario convocare un' altra assemblea che deliberi la nomina dell' impresa e il preventivo redatto ovviamente sulla base del capitolato.

    Poi è anche necessario firmare il contratto, seguire i lavori, emettere le rate straordinarie, seguire gli incassi, pagare l' impresa, riferire ai condòmini.

    ...etc...etc...etc..

    Per tutti questi motivi il compenso dovrebbe essere congruo per tutto questo lavoro da svolgere, e il 4% a mio giudizio potrebbe essere un compenso congruo.

    ....altrimenti l' amministratore potrebbe prendere le sue contromisure, e prendersi i soldi che ritiene di prendere in modo non ortodosso, se non ottiene un compenso congruo dai condòmini.
     
    A Pitiuso piace questo elemento.
  4. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ho trovato un interessante articolo che tra l'altro dice che è l'assemblea che decide in merito, e l'amministratore non può pretendere nulla (salvo accordi all'atto della nomina), ritengo comunque giusto che sia concessa una certa percentuale per un lavoro straordinario;

    La recente sentenza della Seconda Sezione della Corte di Cassazione (sent. 28 aprile 2010 n. 10204), ha confermato il carattere omnicomprensivo del compenso determinato in favore dell'amministratore all'atto del conferimento dell'incarico, non ritenendo fondate ulteriori pretese per prestazioni straordinarie, se non specificatamente approvate.
    Quì tutto l'articolo - UPPI
     
  5. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Se l'assemblea non ha deliberato un compenso ulteriore rispetto a quanto concesso in sede di nomina dell'amministratore niente è dovuto e la sentenza Cassazione n. 10204 del 2010, ben redatta e che ho ben nota avendo gestito sulla base di questa decisione una diatriba del genere con un amministratore, parla chiaro.
    Il 4% di cui leggo non ha nessun fondamento salvo che non sia stato preventivamente accordato dai condomini.
    Avv. Luigi De Valeri:daccordo:
     
    A SteCa e giovanna1948 piace questo messaggio.
  6. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Rimanendo valido quanto sopra osservato, mi sembra che l'amministratore/condomino, in questo caso, sia stato un po' arrogante (ha preteso, non chiesto, e senza dare motivazioni). E forse questo basterebbe a decidere di non riconoscergli alcun compenso.
     
  7. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Andatevi a leggere l'offerta presentata dall'amministrazione all'atto della sua candidatura per il condominio, offerta accettata a suo tempo dai condòmini. E' scritto qualcosa al riguardo?
     
  8. gcaval

    gcaval Nuovo Iscritto

    Sarò poco diplomatico, so perfettamente che questo è ciò che si verifica spessissimo (non sempre, ma spessissimo), ma questo modo di "imporre il pizzo" (non solo da parte degli amministratori, ovviamente), senza preventivo accordo, è tipico delle "società alternative allo Stato". A dimostrazione che questo atteggiamento ce l'abbiamo nel dna... ahimè. :???:
     
  9. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se x l'intervento straordinario non viene stabilito in assemblea e deliberato la spesa inerente ai lavori ed la percentuale che spetta all'amministratore, si paga solo la spesa deliberata x i lavori, per un eventuale contributo x l'amministratore deve essere concordato in assemblea e determinato con voto a maggioranza semplice e messo a verbale con tutte le modalità dei pagamenti da effettuarsi pro rate:daccordo:
     
  10. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Dato che sono reduce da una situazione similare fornisco una informativa sul come sono andate le cose nel nostro condominio per lavori di circa 400.000 euri Anzitutto occorrerebbe conoscere i termini del contratto fra il condominio e l amministratore.Occore rispondere alla seguente domanda COME E' STATO PATTUITO L ONORARIO ALL AMMRE PER LA SUA ATTIVITA DI AMMINISTRATORE?
    .La Corte di Cassazione sezII del 12 marzo 2003 n.3596 ha stabilito che"allorquando sia stato pattuito un onorario forfeitizzato e, nel corso della gestione, si sia verificata la necessità d procedere a lavori di rilevante entità in tali casi la giurisprudenza di merito si è pronunciata sul punto, chiarendo che l onorario forfeitxzato contenga anche eventuale gestione di attività eccedenti l ordinaria aministazione o di rilevante entità ( su ttt v.Tribunae Gen sentenza 1501/01) Chiarito questo con l ammre gli siamo venuti incontro deliBerando uN 2%ma chiarendo anche i suoi compiti ed il suo ruolo.Abbiamo precisato per iscritto (DOCUMENTO CHE LUI HA CONROFIRMATO,) che per meritare un compensoextra l ammre non si deve limitare ad un paio di telefonate bensì oltre ad occuparsidella pratica fiscale con l agenzia delle entrate deve affiancarsial direttore dei lavori, controllando i lavori una o due volte la settimana redigendo una relazione mensile sullo stato dei lavori documentata fotograficamente e descrittiva dei lavori fatti. Abbiamo costituito un a commissione fra i condomini con ilcompito di raccogliere le segnalazioni e le lamentele che posono sfuggire al direttore lavori od a,lo stesso ammre
     
    A SANTABARBARA e giovanna1948 piace questo messaggio.
  11. sasafusco

    sasafusco Membro Junior

    salve,
    vorrei chiarire qualche punto in merito al compenso straordinario richiesto dal collega...
    il primo punto in questione è leggere l'offerta che l'amministratore ha formulato all'assemblea al momento della nomina...
    di solito i professionisti del settore indicano solo il compenso per l'attività ordinaria, per tutto ciò che è straordinario ci si affida alle tabelle delle varie associazioni di categoria...
    mi spiego meglio...vi sono varie sigle a cui possiamo aderire per un nostro supporto sia legale che fiscale nonchè tecnico, quindi di norma l'amministratore si rifà alle tabelle allegate alla presentazione della sua candidatura dove all'interno è ben definito il compenso per qualsiasi attività straordinaria...
    per quanto mi riguarda il compenso per l'attività straordinaria che di solito percepisco si divide in tronconi: la parte fissa e la percentuale sui lavori...
    esempio per lavori da 2500 a 5000 euro percepisco un fisso di 200 euro + il 3% sull'ammontare...
    è chiaro che quando le somme diventano cospicue la percentuale dimuisce mentre la parte fissa aumenta...per quanto riguarda l'attività che l'amministratore deve svolgere per i lavori di ristrutturazione dello stabile non è poca roba...non elenco perchè potrebbe sguggirmi qualcosa ma vi dico che combattere con le ditte e con il direttore dei lavori nonchè il fiscalista poco preparato è davvero ardua non commettere errori...
    spero che sia stato chiaro nella risposta..
    per qualsiasi delucidazione in merito sono a vostra disposizione....
    amministratore Salvatore Fusco
     
  12. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Infatti normalmente è così, all'atto della nomina i condomini accettano l'offerta dell'amministratore riconoscendo le tabelle allegate per le prestazioni e compensi ordinari ed eventuali straordinari.
    Però se nulla è stato stabilito ne al momento della nomina ne al momento della delibera, nulla può pretendere l'amministratore.
     
  13. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    domanda agli amministratori da un condomino ignorante. Avete un 'asociazione di categoria? mi avevano detyto di no così come non ci sarebbero esami ec ec mi spiegate un po
     
  14. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non è obbligatorio essere iscritti a qualche associazione di categoria e per essere nominato amministratore non è necessario aver frequentato un corso (anche se caldamente consigliato)
    Ovvero è sufficiente che i condomini nominino l'amministratore che a loro fa comodo, anche se fosse un condomino, infatti ci sono numerosi stabili auto gestiti dagli stessi condomini.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina