1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. soldatino

    soldatino Membro Junior

    Cari amici del forum,
    sono alle prese con il modello 730/2014 e ho un dubbio sulla compilazione del quadro B. Ho una quota di un appartamento che è concesso in uso gratuito a mio suocero, il quale ha una percentuale dello stesso come abitazione principale in quanto lo abita. Io pago l'IMU come seconda casa e nel 2013 la rendita catastale dello stesso non ha concorso alla formazione del mio reddito imponibile in quanto non dovuta. Quest'anno c'è la novità che la rendita torna ad affacciarsi al 50% per gli appartamenti non locati nello stesso comune di residenza del dichiarante. Ora veniamo al mio quesito: detto appartamento non è affittato ma non è libero per i motivi sopra menzionati; secondo voi nel quadro B sezione 1 devo indicare in colonna 12 "Casi particolari IMU" la condizione di accollo del 50% della rendita catastale inserendo il codice 3 o non rientro in questa casisitica visto che l'immobile è concesso in uso gratuito ad un parente?
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Istruzioni per la compilazione del Mod. 730/2014, pagina 7:
    "il reddito degli immobili ad uso abitativo non locati situati nello stesso comune nel quale si trova l’immobile adibito ad abitazione principale, assoggettati all’IMU, concorre alla formazione della base imponibile dell’IRPEF e delle relative addizionali nella misura del 50 per cento. In questo caso nella colonna 12 “Casi particolari IMU” va indicato il codice 3".
    E a pagina 17:
    "Dall’anno 2013 il reddito degli immobili ad uso abitativo non locati (Categorie catastali A1 – A11, escluso A10 e codici ‘2’, ‘9’, ‘10’, ‘15’ nella colonna 2 dei righi da B1 a B8) situati nello stesso comune nel quale si trova l’immobile adibito ad abitazione principale, assoggettati all’IMU, concorre alla formazione della base imponibile dell’IRPEF e delle relative addizionali nella misura del 50 per cento. In questo caso
    nella colonna 12 “Casi particolari IMU” va indicato il codice 3".
     
  3. soldatino

    soldatino Membro Junior

    Grazie Nemesis per aver dato seguito alla mia richiesta, ma quanto tu scrivi non risolve il mio dubbio in quanto chiedevo, in buona sostanza, se un appartamento dato in uso gratuito e quindi non locabile ad altri, si possa definire immobile non locato. Oltretutto io non posseggo immobili adibiti ad abitazione principale in quanto la casa dove abito è in affitto.
     
  4. sauro2

    sauro2 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    secondo me puoi indicare il codice 10 e poi non indichi altro nell'ultima colonna. Così l'immobile non concorre ad aumentare il tuo reddito. In quanto tu non abiti in un abiti in una casa di tua proprietà e in quella dove abita tuo figlio hai pagato l'IMU.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina