1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. mellowly74

    mellowly74 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    CASO UN PO' COMPLESSO: Tizio, la compagna e il loro figlio abitano nella casa di cui Tizio è comproprietario al 63% (di cui il 26% comprato e il 37% ereditato) mentre il fratello è comproprietario al 37% (solo ereditato) e vive da un'altra parte.
    Adesso i rapporti tra fratelli non sono buoni: il comproprietario minore non accetta che il fratello vi abiti con la famiglia e nonostante gli sia stato proposto un affitto (anche in nero) o l'acquisto della sua quota, questo per ripicca non accetta, vuole vendere a terzi.
    Per tutelare la convivente in caso di sua prematura scomparsa, Tizio vuole redigere un testamento in cui assegna alla compagna il diritto di usufrutto sulla sua quota di comproprietà , lasciando la nuda proprietà al figlio minorenne.
    E' fattibile questo? Il fratello potrebbe impugnare il testamento perchè effettivamente l'usufrutto inciderebbe anche sulla sua quota in una eventuale vendita a terzi?
    L'appartamento non è divisibile essendoci un solo ingresso.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Che venda (la sua quota, sulla quale però il fratello ha il diritto di prelazione ex art. 732 c.c.).
    Ma ciascun partecipante alla comunione ha il diritto di domandarne lo scioglimento, ex art. 1111 c.c. (per quella ordinaria) ed ex art. 713 c.c. (per quella ereditaria).
    Tale divisione potrà avvenire convenzionalmente (con accordo tra le parti) o giudizialmente.
    Sì.
    Potrebbe, ma risulterebbe perdente.
     
    A Gianco piace questo elemento.
  3. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    i fratelli (e, se viventi i genitori,) intervengono nell'eredità solo se mancano i figli del de cuius e l'altro coniuge.
    se il valore dell'usufrutto non supera la quota disponibile è a posto.
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ma i fratelli non sono legittimari.
     
  5. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    infatti non ho scritto che hanno diritto ad intervenire sull'eridità di un fratello. Ho scritto che intervengono nell'eredità solo quando mancano i figli, forse dovevo specificare, se chi muore non fa testamento. Perché se una persona non è coniugata e non ha figli può fare testamento e lasciare tutti, o secondo suo piacimento, i propri beni a chi vuole indipendentemente dalla presenza di fratelli/sorelle.
     
  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Solo se mancano anche gli ascendenti.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina