1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. nanjbur

    nanjbur Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Vorrei sapere se posso acquistare il 50% di mio marito, essendo con lui in comunione dei beni, e divenire proprietaria al 100% della seconda casa. Posso farlo anche per la prma casa?
     
  2. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Certo a condizione che tuo marito riconosca nell'atto che quello è un tuo bene personale.
     
  3. Dimaraz

    Dimaraz Membro Senior

    Proprietario di Casa
    A che pro?

    Se la compravendita è fatta per salvaguardare le proprietà da creditori del marito...occhio agli "artifizi".
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  4. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma in comunione dei beni gli acquisti non diventano in comunione comunque?
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  5. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    No, tu potresti essere in comunione dei beni ed acquistare un immobile con soldi personali. L'unica incombenza è che il coniuge, partecipando alla stipula, riconosca che quello è un suo bene personale, acquistato con sue risorse, magari ricevute dai suoi genitori.
     
  6. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Tanto vale "revocare" la comunione dei beni.
     
  7. moralista

    moralista Oggi è il mio Compleanno!

    Professionista
    :);) tutto dipende dalle motivazioni di queste operazioni? e cosa si vuol nascondere o parare
     
  8. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ci potrebbero essere tensioni in famiglia, lei ha vinto o ha avuto in eredità una certa cifra e vuole investire in proprio. Non ci vedo niente di strano.
     
  9. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Niente di starno, forse. Ma anche inconsueto.
     
  10. Dimaraz

    Dimaraz Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il mercato è pieno di opportunità.

    Il mio sospetto può essere fugato solo dalla postante...senza perdersi in troppi ipotesi.

    Direi di attendere.
     
    A basty piace questo elemento.
  11. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ogni considerazione è lecita, ma questo non vuol dire che l'ipotesi ventilata dalla postante non sia lecita.
     
  12. nanjbur

    nanjbur Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Sto pensando di passare dalla comunione dei beni alla separazione dei beni e proprio per salvaguardare il patrimonio. A tale proposito se qualcuno ha qualche suggerimento mi vorrei fare intestare anche la prima casa. Così che a mio marito non resti niente di intestato pur rimanendo felicemente sposati. Grazie
     
  13. Dimaraz

    Dimaraz Membro Senior

    Proprietario di Casa
    A quanto pare ci avevo preso.
    Ora la questione, senza che tu debba sviscerare questioni private, è questa:
    -se tuo marito fosse già finanziariamente esposto (vuoi per lavoro o per motivi suoi) in modo rilevante....la tua manovra potrebbe apparire come un tentativo di sottrarre i beni all'azione dei creditori.
    In tal caso l'opeazione potrebbe essere inutile (e dispendiosa) se il marito fosse prossimo ad un processo o a sentenza di insolvenza o fallimento.
     
  14. magia2002

    magia2002 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Se prevedi rischi di insolvenza tra oltre 5 anni , informati sui fondi patrimoniali .Ottieni il risultato di non far aggredire gli immobili ecc. dopo cinque anni dall'istituzione del fondo .Informati con il tuo notaio perche' e' molto meno dispendioso ( qualche migliaio di eur ).
     
  15. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    secondo me è una risposta sviante.

    La comunione dei beni è a tutti gli effetti una società paritaria, nata al momento del matrimonio. Tale società prevede vincoli ben precisi:
    • Gli oggetti e i beni appartenuti ai coniugi prima del matrimonio, rimangono di ciascuno
    • Gli oggetti e i beni acquistati durante il matrimonio appartengono a entrambi in comunione
    • Possedere in comunione non significa possedere a metà, ma per intero insieme; la cosa è ben diversa; per vendere i beni in comune occorre quindi il consenso di entrambi, e il ricavato appartiene per intero a entrambi;
    • In caso di separazione la ripartizione del valore di tutto il patrimonio e non di ogni singolo bene viene più o meno diviso a metà;
    • I diritti ereditari sono personali: se viene a mancare il genitore di uno dei coniugi, i beni ereditati saranno soltanto del coniuge figlio; l’eccezione è costituita solo da inclusioni diverse all’interno del testamento;
    • Le donazioni valgono soltanto per il coniuge al quale sono indirizzate, a meno che questo non estenda il dono anche al marito o alla moglie;
    • Polizze infortuni e pensioni di invalidità riguardano solo l’interessato;
    • Il Tfr invece, la liquidazione in pratica, è estesa a entrambi i coniugi, in minima parte anche in caso di divorzio;
    • La pensione di reversibilità è un diritto del coniuge in caso di morte dell’altro;
    • I beni e gli oggetti relativi alla professione di uno dei due coniugi appartengono soltanto a questo; la legge quindi privilegia l’attività economica rispetto al matrimonio; se l’impresa però fallisce, i debiti non vanno a carico del coniuge non coinvolto nell’attività;
    • I beni strettamente personali, come abiti, scarpe, gioielli, sono di proprietà di ciascuno;
    • Il consenso di entrambi i coniugi non è necessario sempre: l’amministrazione ordinaria del denaro comune è possibile da parte di uno dei coniugi soltanto;
    • Le amministrazioni straordinarie del denaro sono invece da gestire di comune accordo.
     
    A Rina Scita e basty piace questo messaggio.
  16. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ovviamente dipende dal tipo di società, la sdf e credo, anche la snc coinvolge tutti i soci con i propri beni personali.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina