1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. casa pura

    casa pura Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    salve, sto per divorziare e sono compropietaria al 50% di un immobile attualmente abitato dal mio ex. I figli sono grandi e fuori casa, indipendenti economicamente. Vorrei acquistare l'altra metà del l'immobile . In passato,durante gli 8 anni di udienze, avevo acconsentito alla vendita dell'immobile,voluta dal mio ex, per la quale avevo trovato l'acquirente che una volta venuto con assegno in mano,davanti ai nostri legali,per firmare la promessa d'acquisto,si è visto rifiutare la vendita dal mio ex senza nessuna causa, praticamente aveva cambiato idea!Ora vorrei sapere se posso far valere la perdita economica che cio' ha procurato, in quanto oggi il costo degli immobili è sceso del 30-40%.
    grazie
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Tutto è possibile... ex art.2043 Cc potrebbe agire per il risarcimento del danno patito; all'ex dimostrare che vi fosse una giustificata ragione per interrompere bruscamente le trattative; tuttavia sappia che l'azione si prescrive in 5 anni dal momento in cui il danno le è stato arrecato... Probabile che lei non sia più nei termini: lo è?
     
  3. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Beh...posto che la vendita non era obbligatoria (presumo alcun preliminare/caparra ricevuta) il comproprietario può legittimamente cambiare idea.
    Se avevi volontà a chiudere la comproprietà avresti dovuto agire subito.
    Chiedere ora i danni perché i valori sono scesi è pretestuoso e "immorale"...se i valori fossero saliti ti sentivi in dovere di lasciare tutto a lui il maggior profitto?

    Ora puoi sempre sciogliere la comunione e disponi di 2 sistemi:
    1-liquidi al tuo ex la somma che lui pretende

    2-chiedi uno scioglimento al Giudice che visti i pari valori di proprietà ciascuno si vedrà costretto a fare vendita all'asta con tutti i rischi che ne consuegono.
     
  4. casa pura

    casa pura Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ollj: ne sono passati 6,quindi niente da fare!
    Dimaraz: lei parla di immoralità! Non sa che per acquistare l'immobile ho venduto casa mia,ereditata da mia madre, valore 85.000 euro,lui ha messo 20.000 euro e da li'si è pagato anche l'automobile nuova! Ho contribuito all'economia familiare con 2 e 3 lavori contemporaneamente, ho un estratto conto corrente di 10 anni cointestato dove io versavo e lui spendeva, mentre i suoi stipendi li metteva altrove. Ma per la legge c'era la comunione dei beni e tutto questo non conta! Direi che l'immorale è d'altra parte, senza considerare che sto sposando una figlia e lui non partecipa a nulla! E sono stanca di pagare legali. E ne potrei dire ancora a centinaia di danni arrecati. Lui chiedeva la vendita perchè tra accordi e udienze ogni 5 mesi passavava 1 anno e lui rimaneva in casa coniugale, al comodo,mentre io pagavo affitti e mutuo...lasci perdere
     
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Forse non hai compreso ...rileggi meglio.
    Trovo immorale chiedere i "danni" perchè si è persa l'occasione di vendere a prezzi più alti del 30% (e ne ho dato giustificazione).
    Chi è causa del suo mal pianga se stesso ...anche se è giustificabile per sfogo addossare le colpe solo agli altri.
    Tua la colpa di non aver preteso fin da subito una parità nell'apporto finanziario, ancora tua la colpa del "lassismo" nel lasciare l'ex a godere di certi vantaggi.

    Tieni presente che solitamente questo capita agli uomini visto che le donne (specie se madri) sono molto più tutelate.
    Ora comprendi l'opinione che hanno della giustizia la stragrande maggioranza degli ex-mariti.

    Questo non significa che io giustifichi tutti gli eventuali torti e disagi che hai subito per sua colpa.

    Il matrimonio è un "contratto" firmato troppo spesso a "cuor leggero" magari offuscati da "ormoni affettivi"...buisognerebbe fare più attenzione alle clausole e al caso aggiungerne altre.

    La Legge al riguardo stabilisce altro...ma se fai passare "lustri" poi non puoi lamentarti.
     
  6. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    :p Perchè lo chiami EX, fino al divorzio è ancora tuo marito, e potrebbe pretendere altro
     
  7. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Pretendere... no di certo!
    Gli è anche andata troppo bene (per il passato)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina