1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. rssmhl

    rssmhl Membro Junior

    Siamo tre fratelli ed abbiamo ereditato una casa dai nostri genitori, nella casa abitiamo io la mia famiglia, mio fratello con handicap grave e la sua badante, io sono anche il suo amministratore di sostegno e mi occupo di tutto ciò che gli serve ormai da anni.
    L'altro fratello che non abita con noi pretende che gli venga liquidata la sua parte di possesso (1/3) in denaro, la casa non è divisibile in 3 parti al massimo in 2 ma con ingenti spese.
    La mia domanda è, può pretendere ciò in considerazione del fatto che uno dei fratelli è portatore di handicap grave e di conseguenza ha bisogno di essere assistito oltre che dalla badante anche da me?
    P.S. l'altro fratello se ne occupa solo la domenica e nel 90% dei casi insieme a me.
    Grazie
    Saluti
     
  2. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Anche lui ha ereditato una quota dell'immobile, potrebbe venirvi incontro con la cessione della sua quota, con un pagamento molto molto molto dilazionato.....
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Essendo un coerede, gli spetta la sua quota di proprietà. Pertanto può chiedere la sua quota del reddito che dovrebbe essere determinato da una perizia, o chiedere la vendita della sua quota. Nel caso nessuno dei fratelli potesse acquistare, con l'intervento del giudice per la divisione, verrebbe venduto all'asta. I comproprietari avrebbero il diritto di prelazione. Il discorso umano prescinde, perché potrebbero esserci gravi problemi anche nella parte terza.
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    :stretta_di_mano:Questo dice la legge monocratica, ma la legge dell'essere umano dovè???
     
  5. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La legge prescrive anche che le spese per l'assistenza del fratello sfortunato debbano essere sostenute in parti uguali (o secondo possibilità) da entrambi i fratelli meno sfortunati.....
     
    A arciera piace questo elemento.
  6. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    bravo Barbero! rssmhl fatti portare in tribunale. Se ne faranno di risate. Hai messo tutto in conto? Lo devi essendo l'amministratore di sostegno. Come stiamo messi? e tu credi che il giudice tutelare, perchè da lui si deve passare, dia il consenso?
     
  7. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Io, essendo al posto del "terzo fratello", come minimo la mia quota la regalerei al fratello meno fortunato.
     
  8. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    L'amministratore di sostegno deve gestire le proprietà, le disponibilità e le entrate dell'interdetto, autonomamente per quanto attiene l'ordinario, le attività straordinarie, devono essere autorizzate di volta in volta dal giudice tutelare. Mancando le risorse i parenti prossimi devono contribuire al suo sostentamento. Allo stato non sembra che rssmhl lamenti carenza di alcun genere. Pertanto il fratello pretende quello che è un suo diritto.
     
  9. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Anche perché oltre alla nostra coscienza dobbiamo rispondere alla legge che ci obbliga a provvedere al mantenimento di un nostro stretto parente. (Ma guarda te che dobbiamo rifarci alla legge!) le risposte si sono accavallate: gianco, non credo che così facendo non si metta a repentaglio il sostentamento del fratello. Vive con la sua famiglia badante e fratello. A meno che non abbia un castello!
     
  10. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Non volevo dirlo. sembra che molti casi rispecchiano le mie esperienze personali. Purtroppo anch'io sono un Amministratore di sostegno di uno dei miei figli che a ventuno anni, sette anni fa, ha avuto un incidente in moto ed è stato alcuni mesi in coma. E sebbene le previsioni fossero sin da subito nefaste, grazie a Dio si è ripreso. E' una storia che ha dell'incredibile, ma non è il caso di dilungarmi. Purtroppo ha perso l'uso della parola, ma è in fase di lento ma graduale recupero. So cosa vuol dire per la madre con la quale vive stargli appresso. Ogni tanto esco fuori tema, scusatemi.
     
  11. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se esiste un "interdetto", esisterebbe un "tutore", non un "amministratore di sostegno".
     
  12. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    spietato! Un bacio a Gianco
     
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Arciera, contraccambio. Penso che sia un persona molto sensibile.
    A nemesis vorrei dire che un interdetto è colui per il quale il giudice, interpellato, ha dichiarato, dopo una procedura particolare, avvalendosi di perizie specifiche, la sua incapacità di intendere e volere definitiva. Mentre chi è sottoposto all'amministratore di sostegno è momentaneamente incapace di tutelare i propri interessi.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina