1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. anto80

    anto80 Nuovo Iscritto

    Buongiorno,

    mio padre vorrebbe acquistare un appartamento da intestare sia a me che a mia sorella. Nell'appartamento inquestione andrei a vivere solo io, poiché mia sorella abita in un'altra città e vive in affitto.

    L'appartamento in regalo da mio padre sarebbe un grosso vantaggio per me, poiché non dovrei più pagare alcun affitto oneroso, ma la stessa cosa non si può dire di mia sorella, che è costretta a pagare l'affitto nella citttà in cui vive.

    Mi chiedevo se esista una formula giuridica attraverso la quale mia sorella possa comunque godere della casa di cui è comproprietaria con me, pur non vivendoci.

    Ad esempio, una sorta di contratto di locazione (firmato con me) sui generis.

    Grazie
     
  2. Dalam

    Dalam Membro Attivo

    Professionista
    L'unica " formula giuridica " sarebbe un contratto di locazione registrato con il quale tua sorella ti affitta il suo 50%. Ma poi deve pure pagarci le tasse - cosa peraltro buona e giusta - ma nel caso di locazione tra parenti mi pare davvero un'esagerazione. La cosa più semplice è che concordiate verbalmente una somma mensile o semestrale che tu gli riconosci fin tanto che utilizzi solo tu l'appartamento.

    Consigli non richiesti:
    1) Se tua sorella abita fuori città siete a conoscenza che le agevolazioni prima casa - 3% registro - le potrete avere solo per la tua metà mentre lei pagherà il 10% ?. Per avere le agevolazioni anche tua sorella basterebbe dichiarare in atto che entro un anno si impegna a trasferirla in città e poi effettuare effettivamente il trasferimento anche per un limitato periodo.
    2) Al padre suggerirei un'altra soluzione: se x es. l'appartamento costa 100mila euro, io destinerei 50mila euro ad una figlia ( che per la restante parte fa un mutuo ) e gli altri 50.000 euro all'altra, che deciderà come utilizzarli. I beni in comune a volte sono causa di incomprensioni. Meglio una somma di denaro che entrambe utilizzeranno come ritengono più opportuno.

    Spero di non essere andato troppo fuori tema :)
     
    A basty piace questo elemento.
  3. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    coretto quanto scrive Dalam

    tra di voi se il rapporto è buono come sembra di problemi non ce ne sono e mettersi d'accordo per una quota di affitto del 50% sarà facile, per adesso, poi però potrebbe essere che tua sorella faccia altri progetti e ti chieda di acquistare la sua parte e danandi ad un diniego potrebbe anche chiaere la vendita giudiziaria della casa
    valutate bene la cosa
     
  4. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Entro 18 mesi.;) i 12 mesi sono per poter detrarre gli interessi passivi di un eventuale mutuo richiesto per l'abitazione principale, ed in quel caso non è sufficiente avere la residenza nel comune ove è ubicato l'immobile in oggetto ma bensì nell'immobile stesso.
     
    A Dalam piace questo elemento.
  5. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Un'altra soluzione potrebbe essere questa:
    contratto tipo leasing, cioè l'affitto (cessione d'uso) del 50% di proprietà di tua sorella e l'acquisto dopo un certo periodo concordato, contro il pagamento del valore residuo sempre concordato.
    Non è prescritta alcuna forma particolare per la stesura del contratto di leasing, ma è prassi comune stabilire i diritti e gli obblighi dei contraenti in forma scritta.
    In pratica un prestito da rimborsare, sul quale gravano interessi.
    saluti
    jerry48
     
  6. angelo41

    angelo41 Nuovo Iscritto

    proprietà in comune

    Un'altra soluzione, salomonica, potrebbe essere il dare in affitto l'immobile in comproprietà e dividere in parti uguali l'affitto e le tasse.
    Entrambi goderebbero il vantaggio di un introito fisso e non ci sarebbero motivi di liti oggi ed in futuro.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina