1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. oliveri tomaso

    oliveri tomaso Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Sono proprietario in comunione dei beni di una casa in campagna con terreno interamente intestata a me , essendo deceduta mia moglie la casa va dichiarata in successione anche se i miei figli intendono che io ne rimanga proprietario ? risultando io proprietario al 100% non sarebbe necessario la voltura e i miei figli sono disposti a dichiarare che la proprieta rimanga interamente di mia propieta .
     
  2. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Se il proprietario sei tu non la dovete mettere in successione. Anche se si è in comunione dei beni, le proprietà avute per eredità o per donazione e quelle già in possesso personale prima che entrasse in vigore la legge sulla comunione dei beni (a meno che non si facesse la pratica apposita per mettere queste ultime tra i beni condivisi) non sono in comunione col coniuge.
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se li ha acquistati durante il matrimonio, sono beni comuni.
    A meno che l'esclusione dalla comunione risulti dall'atto di acquisto, se di esso sia stata parte anche la moglie.
     
  4. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Da queste parole io ho capito che lui sia proprietario al 100% e ho messo tre possibili motivi per cui uno può essere l'unico proprietario pur essendo in comunione dei beni. Tu @Nemesis aggiungi un'altra possibilità. Comunque direi che, qualunque sia il motivo, se lui è proprietario al 100% la casa non entra in successione.
     
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Anche se ne è unico intestatario, se quei beni fanno parte della comunione (non sono suoi beni personali), cadono in successione.
     
  6. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    Se la proprietà è solo di sua, non va in successione della moglie la quale non avrebbe alcun diritto a meno che non vi sia stato un errore nell'intestazione del bene, in sintesi: se è personale, acquistato prima della comunione matrimoniale o ereditato, la moglie non aveva diritti quindi non va in successione, se invece è stato acquistato dopo il matrimonio è comune quindi vi è un errore nell'intestazione della proprietà del bene nel quale la moglie dovrebbe comparire
     
  7. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Mi puoi fare un esempio? Non riesco a capire questa possibilità. Tutto quello che ho in comunione con mio marito figura al 50% (con nota sulla visura catastale del tipo "regime di comunione dei beni..."). Solo quello che abbiamo ereditato o che avevamo prima della legge è di proprietà personale e figura al 100%
     
  8. oliveri tomaso

    oliveri tomaso Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Abbiamo acquistato dopo il matrimonio ed eravamo in comunione dei beni , ma nella visura catastale non figura la nota acquistata in comunione dei beni .
     
  9. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    C'è un errore nell'intestazione del bene, è capitato spesso in passato che vi fossero errori del genere all'intestazione catastale. Il diritto però è chiaro: il bene è in comproprietà, va in successione
    I figli potrebbero rinunciare ma a tutto l'asse ereditario, se il bene è l'unica cosa lasciata dal de cuius, si può fare
     
  10. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Potrebbe verificarsi un altro caso: il terreno era di proprietà di Tomaso prima del matrimonio ed il fabbricato è stato realizzato da entrambi l'accatastamento deve essere fatto a nome di Tomaso per il terreno ed il fabbricato ai coniugi per il diritto di superficie. Conseguentemente, se i figli sono d'accordo e l'accatastamento non è stato ancora fatto lo si potrà intestare al padre. Viceversa la casa andrà per 2/3 al padre ed 1/3 ai figli per il diritto di superficie, restando invariata la proprietà del terreno.
     
    A Elisabetta48 piace questo elemento.
  11. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Ah, quindi un errore nelle scartoffie... Certamente, se le cose stanno così, allora la parte del coniuge entra in successione. Ultima prova: hai verificato, immagino, cosa c'è scritto sul rogito? Lì era giusto?
     
  12. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    scrive di aver acquistato dopo il matrimonio quindi il caso è dicerso.
    A me è capitato un caso simile: un cliente ha acquistato dopo il matrimonio in comunione un terreno sul quale è stata edificata la loro casa, l'atto notarile cita il conuige ma alla voltura il terreno è stato intestato solo a lui, così anche la casa, come dice Gianco, alla morte della moglie è stato necessario operare le giuste rettifiche al catasto
     
  13. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Io ricordo un altro caso: il terreno era della moglie. Quando hanno deciso di tirarci su una casa, la moglie ha donato metà del terreno al coniuge se no la casa sarebbe stata tutta sua. E' plausibile la cosa o la donazione l'hanno fatta per niente^
     
  14. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    se il terreno era bene personale della moglie, la mossa ha senso, se era un errore penso se ne sarebbero accorti
     
  15. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Il terreno era della moglie. A loro era stato detto che se avessero costruito su terreno di proprietà esclusiva della moglie, anche la casa sarebbe stata solo di lei, indipendentemente da chi avesse sostenuto le spese
     
  16. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Capita spesso che le volture di atti d'acquisto in comunione dei beni vengano volturati al solo coniuge presente all'atto. Purtroppo è un errore dell'ufficio che si risolve con una semplice istanza.
     
  17. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se il problema viene visto in via superficiale la soluzione più logica è quella che indichi. Ma nel momento in cui il fabbricato è stato costruito con concessione edilizia rilasciata ai coniugi ed è stato realizzato di conseguenza è naturale e logico cointestare per il diritto di superficie. Bene sarebbe preventivamente cointestare il terreno prima dell'accatastamento, si eviterebbero un sacco di problemi.
     
    A Elisabetta48 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina