1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. martinez

    martinez Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Conciliazione ,quando è previsto il patrocinio gratuito ? inoltre come funziona l'onorario per gli avvocati ?
    quali i costi ?
    quante volte ci vede ? è previsto un appello ? una sentenza della conciliazione ha lo stesso valore di una sentenza di un giudice m?
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    È possibile ottenere il patrocinio a spese dello Stato anche per la consulenza legale nella fase precontenziosa al fine di giungere a una soluzione prima di intentare un'azione legale.
     
  3. martinez

    martinez Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    si ho capito ma cosa devo fare a chi mi devo rivolgere ,quale domanda fare a chi?
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
  5. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Concordo con Nemesis.

    Trib. di: Firenze -
    Ordinanza del: 13-01-2015

    "La questione che si pone è se il compenso professionale dell’avvocato che ha assistito una parte nella procedura di mediazione, prevista quale condizione di procedibilità della domanda giudiziale, possa essere posto a carico dello Stato......
    Il quadro normativo da esaminare non può che partire dall’art. 24 Cost.: dopo aver previsto, al primo comma, il diritto di agire a difesa dei propri diritti e interessi legittimi, si afferma, al secondo comma, che “la difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento“. Il terzo comma prevede inoltre che “sono assicurati ai non abbienti con appositi istituiti, i mezzi per agire e difendersi avanti ad ogni giurisdizione.” Anche di recente, la pronuncia della S.C. del 19 aprile 2013, n. 9529 riconferma l’orientamento ricordato: l’attività professionale di natura stragiudiziale che l’avvocato si trovi a svolgere nell’interesse del proprio assistito, non è ammessa, di regola, al patrocinio a spese dello Stato ai sensi dell’art. 85 del d.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, in quanto esplicantesi fuori del processo, per cui il relativo compenso si pone a carico del cliente. Tuttavia, se tale attività venga espletata in vista di una successiva azione giudiziaria, essa è ricompresa nell’azione stessa ai fini della liquidazione a carico dello Stato ed il professionista non può chiederne il compenso al cliente ammesso al patrocinio gratuito, incorrendo altrimenti in responsabilità disciplinare. La cauta apertura della S.C. può agevolmente essere valorizzata e coordinata con la disciplina della mediazione obbligatoria introdotta dal d.lgs. n. 28/2010 perché, nei casi in cui il procedimento giudiziario (rispetto al quale la mediazione costituisce condizione di procedibilità) inizi o prosegua, l’attività dell’avvocato ben integra la nozione lata di attività giudiziale accolta dalla Corte, ossia di attività strumentale alla prestazione giudiziale e svolta in esecuzione di un mandato alle liti conferito per la rappresentazione e difesa in giudizio. In definitiva, un’interpretazione sistematica teleologica delle norme richiamate induce il Giudice a ritenere che l’art. 75 cit., secondo cui l’ammissione al patrocinio è valida per ogni grado e per ogni fase del processo e per tutte le eventuali procedure, derivate ed accidentali, comunque connesse, comprenda la fase della mediazione obbligatoria pre-processuale anche quando la mediazione, per il suo esito positivo, non sia seguita dal processo.


    P.Q.M.


    CONFERMA in via definitiva l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato di S. C. nel procedimento suindicato;

    LIQUIDA in favore dell’Avv. G. per l’attività espletata in favore di S. C. nella procedura sopra indicata, euro 2.160,00 per compensi, oltre alle spese generali nella misura del 7%, oltre IVA e CAP"
     
  6. martinez

    martinez Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    ringrazio sentitamente , pongo una domanda semplice e chiedo cortesemente una risposta semplice ,chi stabilisce quando si è non abbienti ,qual'è il metro di misura Grazie. “sono assicurati ai non abbienti con appositi istituiti, i mezzi per agire e difendersi avanti ad ogni giurisdizione.”
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La legge: l'art. 76 del D.P.R. n. 115/2002 prevede limiti di reddito per poter accedere al patrocinio a spese dello Stato. Alla pagina web che ti avevo segnalato al post #4, sono indicati gli attuali limiti di reddito.
     
  8. martinez

    martinez Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Nemesis non avevo capito il tuo messaggio precedente .
    Tutto chiaro.
    Grazie
     
  9. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Per essere ammessi al patrocinio a spese dello Stato è necessario che il richiedente sia titolare di un reddito annuo imponibile, risultante dall'ultima dichiarazione, non superiore a euro 11.528,41.
    Se l'interessato convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l'istante.
    Tutto è scritto nel collegamento postato da @Nemesis; basta leggere
     
  10. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Salvo tuttavia, quando siano oggetto di causa i diritti della personalità, o vi siano procedimenti in cui il richiedente è in conflitto con altri componenti del nucleo familiare conviventi: in tal caso si considererà solo il reddito personale
     
  11. martinez

    martinez Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    quindi se comprendo bene a questo punto si deve considerare il reddito familiare ,però mi viene spontaneo chiedere in caso non ci sia la comunione dei beni cosa succede ?
    Grazie per le risposte.
     
  12. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Salvo le esclusioni riportate (reddito personale) si farà riferimento alla sommatoria dei redditi a nulla rilevando che vi sia o meno comunione legale (anche perché la comunione opererebbe solo tra coniugi); in presenza di figlio convivente anche il reddito di costui andrà conteggiato
     
  13. martinez

    martinez Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Tutto chiaro .
    Grazie infinite
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina