1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. eleonora buda

    eleonora buda Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buongiorno,
    scusate se promuovo una discussione magari già esaminata, ma non ho trovato riscontro nel pregresso e comunque le normative cambiano ogni momento.
    Una locazione ai sensi art. 2, comma 3 L. 431/1998, in concordato, prevede l'opzione per la cedolare secca?
    Se sì faccio riferimento alle agevolazioni fiscali di entrambe ?
    Grazie
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Cedolare secca affitti concordato: aliquota ridotta
    Ildecreto legge n. 102 del 2013 ha ridotto dal 19 al 15% l’aliquota per la cedolare secca su affitti a canone concordato con effetti a decorrere già dal 2013.
    In più l'agevolazione IRPEF, imposta registro e di bollo.
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Quale "agevolazione IRPEF"?
     
  4. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    sostituisce l'IRPEF e le addizionali imposta di registro e di bollo.

    ti va meglio così, o no. ciao censore
     
  5. fiorello64

    fiorello64 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve, mi trovo nella stessa situazione di Eleonora Buda, e cioè con un contratto di affitto concordato già in essere, in cui, da quest'anno, sono passato dal regime IRPEF normale alla cedolare secca.
    A me è parso di capire che, dal punto di vista fiscale, vada pagata la cedolare secca del 15% sulll'INTERO introito annuale dell'affitto e ovviamente tale reddito non va più a gravare sull'imponibile IRPEF. Si perde in sostanza la deduzione forfetaria del 15% (ridotta a 5% dal 2013) sull'introito da aggiungere all'imponibile IRPEF e, ovviamente, lo sconto fiscale del 30%.
    Inoltre colla cedolare secca viene azzerata l'imposta di registro anuale, che col regime IRPEF invece era ridotta solo del 30%.
    Correggetemi se sbaglio, saluti
     
  6. eleonora buda

    eleonora buda Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Canone concordato+opzione cedolare= tassazione al 15% e null'altro.
    Se si sceglie di applicare il canone concordato e non il canone libero conviene sempre, secondo me, optare per la cedolare. Ovvio che nel particolare bisogna sempre partire dalla propria situazione reddituale completa.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina