1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. eleonora buda

    eleonora buda Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buongiorno,
    scusate se promuovo una discussione magari già esaminata, ma non ho trovato riscontro nel pregresso e comunque le normative cambiano ogni momento.
    Una locazione ai sensi art. 2, comma 3 L. 431/1998, in concordato, prevede l'opzione per la cedolare secca?
    Se sì faccio riferimento alle agevolazioni fiscali di entrambe ?
    Grazie
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Cedolare secca affitti concordato: aliquota ridotta
    Ildecreto legge n. 102 del 2013 ha ridotto dal 19 al 15% l’aliquota per la cedolare secca su affitti a canone concordato con effetti a decorrere già dal 2013.
    In più l'agevolazione IRPEF, imposta registro e di bollo.
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Quale "agevolazione IRPEF"?
     
  4. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    sostituisce l'IRPEF e le addizionali imposta di registro e di bollo.

    ti va meglio così, o no. ciao censore
     
  5. fiorello64

    fiorello64 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve, mi trovo nella stessa situazione di Eleonora Buda, e cioè con un contratto di affitto concordato già in essere, in cui, da quest'anno, sono passato dal regime IRPEF normale alla cedolare secca.
    A me è parso di capire che, dal punto di vista fiscale, vada pagata la cedolare secca del 15% sulll'INTERO introito annuale dell'affitto e ovviamente tale reddito non va più a gravare sull'imponibile IRPEF. Si perde in sostanza la deduzione forfetaria del 15% (ridotta a 5% dal 2013) sull'introito da aggiungere all'imponibile IRPEF e, ovviamente, lo sconto fiscale del 30%.
    Inoltre colla cedolare secca viene azzerata l'imposta di registro anuale, che col regime IRPEF invece era ridotta solo del 30%.
    Correggetemi se sbaglio, saluti
     
  6. eleonora buda

    eleonora buda Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Canone concordato+opzione cedolare= tassazione al 15% e null'altro.
    Se si sceglie di applicare il canone concordato e non il canone libero conviene sempre, secondo me, optare per la cedolare. Ovvio che nel particolare bisogna sempre partire dalla propria situazione reddituale completa.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina