• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Fifo84

Membro Attivo
Sono in una casa in affitto, e ho un problema come da foto con una sorta di muffa o condensa. La cosa particolare è che sembra a gocce, tipo chiazze, è sparsa sul soffitto e non sugli angoli, e tende ad essere più sul giallognolo che sul nero.
In camera da letto ( una camera piccola) è presente un condizionatore di classe A, INVERT, con deumidificatore e santificazione dell'aria ( credo si dica cosi).

Da quasi subito, ma dopo 3 anni la situazione è peggiorata, si sono venute e creare queste macchie sul soffitto. Faccio presente che è una villetta bifamiliare, con tetto spiovente, con tetto a tegole.

Non ho mai utilizzato i termosifoni ( sopportando poco gli ambienti caldi) e ho sempre utilizzato solo i condizionatori presenti in casa. In camera da letto è sempre stato ovviamente usato pochissimo essendo una stanza poco utilizzata se non per dormire alla fine.

La casa è su due piani. La camera dicono sia esposta a NORD, e ok....è l'unica stanza dove si presenta questo problema ma, tenete presente che, in bagno e nella camera più piccola, il soffitto è ricoperto da "legno" visto che lui ha creato vari soppalchi...quindi quella stanza è l'unica al piano sopra dove il soffitto è a vista!

A detta del proprietario , il problema potrebbe essere mio, dato dal fatto che utilizzo il condizionatore in camera che tende a creare condensa per la differenza da dentro e fuori e vorrebbe non pagare le spese di ripittura del soffitto stesso e prendere provvedimenti efficaci per limitare il danno, anche se sono riuscita a farmi mandare un tecnico esterno condominiale per valutare se il tetto, la tettoia, presentano perdite o infiltrazione.

Mi chiedo....ma il condizionatore, non dovrebbe asciugare e non inumidire? Non erano i termosifoni a creare il problema?
Punto due...quindi la camera andrebbe tenuta fredda, e io non posso scaldarmi, perchè li si crea muffa e poi diventa colpa mia??
Altro punto...nella parte destra di questa camera c'è un palchetto grande...che non ho potuto verificare in toto ma che, dalla prima esposizione, non sembra presentare muffa o queste gocce....e quindi lui dice che questo conferma che è un problema mio che accendo il condizionatore...ma scusate, il legno non è un ISOLANTE termico e quindi è normale che , essendo uno spazio chiuso, in legno, non si formi? Anche se a questo punto, dovrei salire con una scala e verificare bene ogni suo punto..

Considerate che la casa non ha cappotto, non è neanche fatta a norma ( tanto che sembra essere pure abusiva e fatta con materiali non eccelsi, anche se lui questa cosa fa finta di non capirla).

Quello che non capisco è che il condizionatore con la sua aria calda ( anche se ok tende a salire l'aria calda) dovrebbe asciugare un ambiente, e non renderlo più umido, no?

Secondo voi? pareri?
 

Allegati

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
La cosa particolare è che sembra a gocce, tipo chiazze, è sparsa sul soffitto e non sugli angoli, e tende ad essere più sul giallognolo che sul nero.
il tutto si riconduce al concetto di umidità relativa: la quantità di umidità presente nell'aria è in funzione della sua temperatura. Inoltre l'aria calda, essendo più leggera si posizione sopra all'aria relativamente più fredda. Quando l'aria giunge a contatto con corpi solidi tende a raggiungere la temperatura di equilibrio con il corpo solidi. Così quando l'aria arriva a contatto con una parete più fredda può raggiungere il punto di rugiada che è la temperatura alla quale la massa d'aria materializza sui corpi solidi la quantità di umidità in eccesso rispetto alla nuova temperatura assunta. Ora il problema passa all'intonaco del muro. Se l'intonaco ha delle caratteristiche di porosità elevate può assorbire la condensa per poi farla evaporare per traspirazione. Se però l'intonaco è poco poroso e quindi poco traspirante si satura e crea le condizioni ideali per la formazione di chiazze che sono muffe e/o funghi.
Quindi il consiglio che mi sento dare è quello di lavorare sull'intonaco e poi sul tipo di pittura.
 

Fifo84

Membro Attivo
il tutto si riconduce al concetto di umidità relativa: la quantità di umidità presente nell'aria è in funzione della sua temperatura. Inoltre l'aria calda, essendo più leggera si posizione sopra all'aria relativamente più fredda. Quando l'aria giunge a contatto con corpi solidi tende a raggiungere la temperatura di equilibrio con il corpo solidi. Così quando l'aria arriva a contatto con una parete più fredda può raggiungere il punto di rugiada che è la temperatura alla quale la massa d'aria materializza sui corpi solidi la quantità di umidità in eccesso rispetto alla nuova temperatura assunta. Ora il problema passa all'intonaco del muro. Se l'intonaco ha delle caratteristiche di porosità elevate può assorbire la condensa per poi farla evaporare per traspirazione. Se però l'intonaco è poco poroso e quindi poco traspirante si satura e crea le condizioni ideali per la formazione di chiazze che sono muffe e/o funghi.
Quindi il consiglio che mi sento dare è quello di lavorare sull'intonaco e poi sul tipo di pittura.

Grazie..
ma è un problema relativo all'immobile, e quindi al proprietario, o mio in qualità in inquilino?
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
I locali vanno ben arieggiati, soprattutto le camere in cui si dorme ( e si respira); l'umidità la produciamo noi (docce, panni stesi, fumi di cucina, respiro) e si condensa nei punti freddi , le pareti a nord, di solito.
Prima di provare con interventi sui muri, prova ad arieggiare con costanza.
 

Fifo84

Membro Attivo
I locali vanno ben arieggiati, soprattutto le camere in cui si dorme ( e si respira); l'umidità la produciamo noi (docce, panni stesi, fumi di cucina, respiro) e si condensa nei punti freddi , le pareti a nord, di solito.
Prima di provare con interventi sui muri, prova ad arieggiare con costanza.

lo faccio già abbondantemente...e non sopportando il caldo, li viene accesa molto poco...
 

Fifo84

Membro Attivo
Non parlo di accendere qualcosa, ma di aprire la finestre.
Direi scusami..che è un consiglio un pò banale..è ovvio che apro le finestre..e anche di inverno fino alle 16/17 sono aperte..ma io non penso che a casa vostra di inverno state tutti spalancati...la mattina è sempre aperto e resisto il più possibile. Escudo che il problema sia questo :.))
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
ma io non penso che a casa vostra di inverno state tutti spalancati...
Avevo la condensa ogni giorno, dopo aver sostituito gli infissi: apro tutte le finestre di casa (su quattro lati) per dieci minuti ogni sera, estate e inverno, ho risolto per sempre il problema della muffa sui muri, e non devo più pitturare ogni due per tre.
Ogni giorno, solo respirando, produciamo almeno un litrod’acqua al giorno.
Sarà banale, ma molti non aprono, e vivono in ambiente insalubre.
 

Fifo84

Membro Attivo
Avevo la condensa ogni giorno, dopo aver sostituito gli infissi: apro tutte le finestre di casa (su quattro lati) per dieci minuti ogni sera, estate e inverno, ho risolto per sempre il problema della muffa sui muri, e non devo più pitturare ogni due per tre.
Ogni giorno, solo respirando, produciamo almeno un litrod’acqua al giorno.
Sarà banale, ma molti non aprono, e vivono in ambiente insalubre.

Non è il mio caso...quindi il problema sarà sicuramente altrove...visto che poi sembra crearsi solo in quella stanza e solo in quel punto...Sono ancora capace ad aprire le finestre:) nel mio caso comunque sono di legno...
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Secondo uno studio commissionato dalla Canada Mortgage and Housing Corporation una famiglia di 4 persone, attraverso la sola respirazione, immettono nelle 24 ore 5 litri di acqua ovvero quasi 0,21 lt ogni ora. portando il contributo orario di ogni componente a 0, 05 lt/h per persona.
Poniamo queste 4 persone per 24 ore in una stanza rettangolare di 66,825 mc (24,75 mq x 2,70 m), con 40,55 mq di intonaco tra soffitto e pareti verticali al di sopra di 1,70 m, al netto di porte e finestre.
Se è vero che 1,0 lt di acqua occupa il volume di 1,0 dmc e pesa 1,0 kg abbiamo che 5,0 lt equivalgono a 5,0 dmc. Se dividiamo 5 per 4.055 dmq abbiamo 0,0012 lt/dmq cioè 1,2 ml/dmq. Se consideriamo le pareti nella loro interezza (2,70 m) tale rapporto diventa ancoro più basso.
Ora un intonaco che non è in grado di assorbire 1,2 ml/dmq di vapore acqueo è un pessimo intonaco.
Se poi consideriamo che le 4 persone anziché vivere per 24 ore in una stanza di 24,75 mq vivono in un appartamento di 65,00 mq per 14 ore al giorno il quantitativo di vapore acqueo da far assorbire all'intonaco diventa risibile.
Forse ha più incidenza il vapore acqueo prodotto dai fumi della cottura, mal smaltiti dalla canna di areazione, o dai vapo-nebulizzatori. Questi si, aprendo le finestre, attenuano il loro effetto.
IL fatto è che oggi tutti gli edifici si costruiscono eseguendo una struttura reticolare in c.a. formata da travi e pilastri. I vuoti generati da questa struttura vengono riempiti verso l'esterno con "muri di rivestimento" mentre all'interno sono riempiti con "muri di Tamponatura". Lo scopo dei muri di rivestimento è quello di proteggere l'appartamento dalle intemperie meteorologiche mentre i muri di tamponatura hanno lo scopo di climatizzare l'appartamento. In questa seconda struttura è molto importante evitare di creare ponti termici e di proteggere il muro con un buon intonaco.
Tutto il resto sono palliativi ed i tentativi messi in atto dalla postante lo confermano.
 

Fifo84

Membro Attivo
Secondo uno studio commissionato dalla Canada Mortgage and Housing Corporation una famiglia di 4 persone, attraverso la sola respirazione, immettono nelle 24 ore 5 litri di acqua ovvero quasi 0,21 lt ogni ora. portando il contributo orario di ogni componente a 0, 05 lt/h per persona.
Poniamo queste 4 persone per 24 ore in una stanza rettangolare di 66,825 mc (24,75 mq x 2,70 m), con 40,55 mq di intonaco tra soffitto e pareti verticali al di sopra di 1,70 m, al netto di porte e finestre.
Se è vero che 1,0 lt di acqua occupa il volume di 1,0 dmc e pesa 1,0 kg abbiamo che 5,0 lt equivalgono a 5,0 dmc. Se dividiamo 5 per 4.055 dmq abbiamo 0,0012 lt/dmq cioè 1,2 ml/dmq. Se consideriamo le pareti nella loro interezza (2,70 m) tale rapporto diventa ancoro più basso.
Ora un intonaco che non è in grado di assorbire 1,2 ml/dmq di vapore acqueo è un pessimo intonaco.
Se poi consideriamo che le 4 persone anziché vivere per 24 ore in una stanza di 24,75 mq vivono in un appartamento di 65,00 mq per 14 ore al giorno il quantitativo di vapore acqueo da far assorbire all'intonaco diventa risibile.
Forse ha più incidenza il vapore acqueo prodotto dai fumi della cottura, mal smaltiti dalla canna di areazione, o dai vapo-nebulizzatori. Questi si, aprendo le finestre, attenuano il loro effetto.
IL fatto è che oggi tutti gli edifici si costruiscono eseguendo una struttura reticolare in c.a. formata da travi e pilastri. I vuoti generati da questa struttura vengono riempiti verso l'esterno con "muri di rivestimento" mentre all'interno sono riempiti con "muri di Tamponatura". Lo scopo dei muri di rivestimento è quello di proteggere l'appartamento dalle intemperie meteorologiche mentre i muri di tamponatura hanno lo scopo di climatizzare l'appartamento. In questa seconda struttura è molto importante evitare di creare ponti termici e di proteggere il muro con un buon intonaco.
Tutto il resto sono palliativi ed i tentativi messi in atto dalla postante lo confermano.

Ti ringrazio per avermi dato delucidazioni TECNICHE e sensate. Io non voglio essere scortese con nessuno, ma, asserire che il problema sta tutto nel dire "tizia non apre le finestre" è veramente ridicolo, almeno che non si parli di gente che dorme dentro dei tuguri. Sono sicurissima di aprire a sufficienza, di non tenere casa troppo calda ( anche per problemi di pressione personale e allergie). La camera da letto è l'ambiente meno usato, con meno accensione di condizionatore e senza dubbio quello dove circola più aria in assoluto, visto che anche di inverno, tengo la finestra aperta fino a che è possibile..ma non è neanche sensato che uno a casa sua per non fare la muffa, deve stare a gennaio con le finestre spalancate. Un tetto fatto bene, un intonaco fatto bene, una tinta fatta bene..valgono di più di un "apri la finestra" credo..e volevo un parere a tal proposito.

Tra l'altro mi chiedo..ma un condizionatore, una pompa di calore, non dovrebbero asciugare e non umidire? A tal fine è meglio il condizionatore o usare i termosifoni? ( che io dentro casa non utilizzo mai, bastandosi l'aria condizionata...)
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Tra l'altro mi chiedo..ma un condizionatore, una pompa di calore, non dovrebbero asciugare e non umidire?
non sono molto ferrato su questo argomento ma so che i condizionatori moderni quando raffrescano funzionano anche come deumidificatori. Infatti producono molta acqua. Non so se l'azione deumidificante funzioni anche in caso di riscaldamento. Riscaldando l'aria si aumenta la capacità dell'aria di immagazzinamento di umidità: diminuisce l' umidità relativa. Cioè se nell'aria alla temperatura di 15° abbiamo una umidità del 40% significa che nell'ambiente l'aria contiene il 40% del vapore d'acqua che a quella temperatura potrebbe contenere prima di saturarsi creando una nuvola di vapore o nebbia. Se aumentiamo la temperatura senza far evaporare il vapore d'acqua, quindi la quantità di acqua nella massa d'aria è la stessa, e passiamo a 25° ,l'umidità relativa scenderà al 22%.
Per non avere condensa sui muri occorre che questi siano sempre a temperatura superiore alla temperatura di rugiada dell'aria contenuta nella stanza.
 

Fifo84

Membro Attivo
non sono molto ferrato su questo argomento ma so che i condizionatori moderni quando raffrescano funzionano anche come deumidificatori. Infatti producono molta acqua. Non so se l'azione deumidificante funzioni anche in caso di riscaldamento. Riscaldando l'aria si aumenta la capacità dell'aria di immagazzinamento di umidità: diminuisce l' umidità relativa. Cioè se nell'aria alla temperatura di 15° abbiamo una umidità del 40% significa che nell'ambiente l'aria contiene il 40% del vapore d'acqua che a quella temperatura potrebbe contenere prima di saturarsi creando una nuvola di vapore o nebbia. Se aumentiamo la temperatura senza far evaporare il vapore d'acqua, quindi la quantità di acqua nella massa d'aria è la stessa, e passiamo a 25° ,l'umidità relativa scenderà al 22%.
Per non avere condensa sui muri occorre che questi siano sempre a temperatura superiore alla temperatura di rugiada dell'aria contenuta nella stanza.
Capito, grazie mille..
certo pò complicato da mettere in pratica ...Però ho capito il punto.
 

Aidualc

Membro Junior
Professionista
Io ho sentito anche riferire da un imbianchino, mandato appositamente in un appartamento per verificare la muffa creatasi, dire che anche aprire troppo le finestre può provocare danni, probabilmente per il discorso cui accennava @Luigi Criscuolo in fondo al suo intervento (troppo sbalzo termico dentro/fuori o muro lato interno/lato esterno).
Se non si aprono le finestre... danni. Se si aprono troppo, pure!
 

Fifo84

Membro Attivo
Io ho sentito anche riferire da un imbianchino, mandato appositamente in un appartamento per verificare la muffa creatasi, dire che anche aprire troppo le finestre può provocare danni, probabilmente per il discorso cui accennava @Luigi Criscuolo in fondo al suo intervento (troppo sbalzo termico dentro/fuori o muro lato interno/lato esterno).
Se non si aprono le finestre... danni. Se si aprono troppo, pure!
Si infatti...è quello che tentavo di spiegare all'utente che però l'ha presa sul personale. Si parte dal presupposto che uno faccia le cose che può, ma, se anche quelle non funzionano, il problema starà altrove. Come il discorso termosifoni...sapevo che creassero umidità, mentre i condizionatori, tenderebbero ad "asciugare", sopratutto quelli moderni con funzione deumidificatore ( proprio come quello a mia disposizione)..ma a quanto pare, il proprietario dice che lui l'ha messo li in camera ma mai utilizzato e che quelle goccioline siano il risultato di un pò di aria condizionata ( roba da mezz'ora max 1 ora al giorno in pieno inverno) . Non accendo mai i termosifoni.
Per questo volevo capire come fosse possibile...cercando di capire un qualcosa di tecnico...
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Come il discorso termosifoni...sapevo che creassero umidità,
Questa mi sembra una bufala.

I termosifoni sono sigillati, e al massimo scaldano l'aria. E come ti ha spiegato Criscuolo, aumentando la temperatura ambiente l'umidità relativa diminuisce.

Altro errore, è tenere i termosifoni spenti: in tal modo la temperatura ambiente può scendere al punto che l'umidità si condensa nei punti freddi (ponti termici), che non sono di facile eliminazione..

Non ho dubbi che stai facendo quello che ritieni corretto. Ma questa della muffa è un problema di difficile soluzione.

Ho alcuni appartamenti in una vecchia casa in mattoni.
L'inquilina che soggiorna regolarmente nel suo alloggio, arieggiando e scaldando, non ha problemi.

La famiglia dell'alloggio adiacente, che sta fuori casa tutto il giorno per lavoro, spegnendo o abbassando la temperatura durante l'assenza, la menta la formazione di muffa! Che ti devo dire? Prova a mantenere i termosifoni ad una temperatura media sufficiente,

Se poi come dici la casa non ti sembra realizzata con materiali eccelsi, visto che sei in affitto puoi sempre dare disdetta e trovarne una migliore.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
santificazione dell'aria
Dove lo vendono un simile aggeggio? Città del Vaticano o in qualsiasi canonica?

Scusa ... solitamente non critico gli errori ma questo era troppo invitante.

Dal lato tecnico:
- è difficile fare diagnosi senza tutta una serie di dati sull'immobile e sulle tue abitudini di "conduzione abitativa".
-aprire per arieggiare va bene... tenere sempre aperto no (ovviamente a Roma le cose vanno riparametrate in funzione del clima esterno)
L'umidità corporea è trascurabile ...bastano 10/15 minuti di finestre spalancate 2 volte al giorno.
- preoccuparsi di usare una cappa aspirante e non quella depurante (quelle con il ricircolo)
- evitare di mettere i panni bagnati ad asciugare in casa (stenderli fuori fino a quando sono appena umidi)
- non tenere tante piante da innaffiare
- la casa va riscaldata sempre in modo pressoché uniforme ed evitando notevoli sbalzi giornalieri
-sull'idiozia dei termosifoni che (non) creano umidità ti hanno già edotto.
È il caso di tenerli accesi se le temperature esterne scendono sotto i 12C°
- i condizionatori casalinghi usati per riscaldamento in pompa di calore non sempre eliminano automaticamente l'umidità (verifica sul manuale d'uso)
-se vuoi toglierti il pensiero usa una pittura antimuffa o meglio ancora fai rifinire in calce rasata
-se il posto ti piace non infilarti in cause sulla competenza di spesa. Fai "rasare" e ti togli il pensiero.

Ps.
Ovviamente vanno esclusi problemi di infiltrazioni o sotto tetto privo di areazione/isolamento.
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Come faccio a leggere una risposta al quesito sottoposto
Alto