1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Ivan Longo

    Ivan Longo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Buonasera a tutti,

    con riferimento al tema in oggetto, mi rivolgo a voi per qualche vostro abituale e prezioso consiglio.

    In sintesi, nel 2013 ho fatto installare un condizionatore con pompa di calore composto da:
    N° 1 unità esterna DAIKIN inverter heat pump modello 2MXS40H3V1B2
    N° 2 unità interne DAIKIN modello FTXS25K2V1B.

    Ora, mi sono posto il problema se questo sistema di climatizzazione necessiti o meno del "libretto d'impianto per la climatizzazione" e se i controlli manutentivi siano obbligatori.

    Dopo aver letto il D.P.R. n.74/2013 e il D.G.R. n. 13-381 del 6 ottobre 2014 Regione Piemonte, con relative appendici, ne sono uscito un po ... confuso!

    La mia prima domanda è: è vero oppure no che se il sistema di climatizzazione è inferiore ai 12 kW non occorrono libretto e obblighi manutentivi di terze parti (tecnico certificato come per le caldaiette)?

    Il manuale del mio impianto sopra descritto, dichiara una potenza assorbita di 1kW per l'unità esterna (sia per il raffreddamento che per il riscaldamento) e di una potenza assorbita di 0,57kW (raffrescamento) e di 0,60kW (riscaldamento) per ciascuna delle due unità interne. Se così fosse, sarei abbondantemente sotto i 12kW.

    Ma qui mi è sorto un dubbio leggendo, sempre sul manuale, questi valori:
    - Unità esterna, resa: 4,4kW
    - Unità interna, resa: 2,8kW (4,7kW max)

    La mia seconda domanda è: quale potenza in kW debbo considerare? quella assorbita o quella resa? (della quale non ho capito il significato tecnico). Questo perché la potenza assorbita totale sarebbe circa di 2,2kW, mentre quella resa totale sarebbe circa 10kW (14kW max) e quindi nell'intorno dei succitati limiti dei 12kW.

    Scusate se l'ho fatta lunga, ma non vorrei imbarcarmi in sanzioni amministrative.
    Grazie per l'attenzione,
    Ivan
     
  2. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Solo per seguire.
     
  3. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Io quest'anno ho fatto sostituire il mio vecchio condizionatore con uno nuovo ad inverter e pompa di calore per l'inverno e mi hanno rilasciato la dichiarazione di conformità alla regola d'arte ed è stato inserito nel libretto di climatizzazione dell'immobile dove già è presente la caldaia, mi hanno detto che non ci sono manutenzioni da fare tranne la pulizia dei filtri da parte dell'utente.
    Segnalo, però, che in caso di presenza dell'APE, quest'ultimo andrebbe rifatto.
     
  4. tumultuoso

    tumultuoso Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La legge parla di potenza termica utile, quindi non devi considerare la potenza elettrica assorbita, bensì quella termica resa.
    Non capisco come le due unità, esterna e interna, possano avere due potenze indipendententi, il sistema di riscaldamento/raffrescamento funziona tutto insieme, per cui la potenza termica da considerare è una sola. Il compressore sta solo all'esterno ed è lui che lavora e assorbe molto, all'interno hai qualche ventolina, qualche valvola e un po' di elettronica che comunque assorbe poco.
    Nel tuo caso hai un sistema con due unità interne da 1,3 a 3,2 kW in raffreddamento e da 1,3 a 4,7 kW in riscaldamento, per cui considerando il caso peggiore arrivi a 9,4 kW.
    Saluti.
     
    A Luigi Criscuolo piace questo elemento.
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Cattura.JPG
     
    A 1giggi1 piace questo elemento.
  6. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie Nemesis.
     
  7. Ivan Longo

    Ivan Longo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie Casanostra e Tumultuoso per le vostre utili risposte.

    Quindi, riepilogando il tutto:
    1) Se il sistema di climatizzazione è inferiore ai 12 kW non occorrono libretto e obblighi manutentivi di terze parti; va custodito con cura la dichiarazione di conformità alla regola d'arte se richiesta.
    2) La potenza da considerare è quella resa,
    3) Se si rende necessario l'APE, esso deve includere anche il sistema di climatizzazione.

    ... spero d aver riassunto correttamente,

    Grazie ancora,
    Ivan
     
  8. tumultuoso

    tumultuoso Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Parlo da interpretatore della legge ma purtroppo non ho alcuna esperienza in merito. Quello che ho capito, è che la verifica tecnica serve per valutare l'efficenza del sistema per evitare inutili sprechi energetici e interessa gli impianti di una certa dimensione, ossia quelli che sviluppano una potenza termica di almeno 10 kW in riscaldamento e 12 kW in raffreddamento. Al di sotto non serve fare nulla, al limite puoi installarti il climatizzatore da solo se hai le attrezzature e le capacità tecniche necessarie.
    Per l'APE non saprei, la fa un tecnico abilitato e se è degno di chiamarsi così e basterà farglielo presente e saprà lui come comportarsi, poi, per quello che conta l'APE qui in Italia.......
    Saluti.
     
    Ultima modifica: 29 Agosto 2018
  9. Ivan Longo

    Ivan Longo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    OK, grazie tumultuoso, sei stato chiarissimo.
    Ivan
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina