1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Masly01

    Masly01 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno,

    Nel nostro condominio ci sono due condomini che non hanno mai pagato l'uso dell'acqua.
    Attualmente le quote sono diventate di euro 1.100 per uno e di euro 1.400 per l'altro.
    Oltre ad essere indice di scarso senso civico, il loro comportamento produce due effetti:
    - danno economico, in quanto gli altri condomini devono periodicamente intervenire e pagare, altrimenti l'acqua sarebbe tagliata;
    - danno comportamentale: altri condomini potrebbero "prenderli ad esempio", in quanto restano impuniti per le malefatte.

    Esiste un modo legale per privare loro del servizio?

    Inoltre, uno è proprietario e potremmo agire sulla casa per recuperare il credito. Come possiamo fare per l'altro, che è inquilino e nullatenente?

    Grazie in anticipo a chi vorrà rispondermi
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ma il vostro amministrtore lo pagate perchè svolga il suo lavoro o solo perchè siete tanto munifici?

    La Legge gli impone di recuperare con DI le quote dei morosi...quindi datevi una mossa ed esigete che adempia alle sue mansioni.
    Oltre al citato DI l'amministratore potrebbe anche fornire nominativo e importo non pagato al fornitore (Acquedotto) che deve agire contro il moroso prima di pretendere dal Condominio.

    Per il "debito" dell'inquilino...è una questione che dovete risolvere con il suo locatore (proprietario).
    Un amministratore serio dovrebbe ben sapere queste cose ed agire nei confronti di quest'ultimo.
     
    A Gianco piace questo elemento.
  3. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Premesso che gli inquilini non sono tenuti a pagare il condominio all'amministratore, egli, che sa chi sono i due proprietari (lui ha in archivio tutte le schede dell'anagrafe condominiale) deve far emettere decreto ingiuntivo verso di loro.
     
  4. Masly01

    Masly01 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ok per il condominio.. ma per l'acqua? Nel caso dell'inquilino, non possiamo richiederla al proprietario. L'inquilino è nullatenente, quindi sarebbe inutile l'azione legale. C'è un modo per togliere la fornitura?
     
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Sbagli.
    Ripeto...il Condominio deve richiedere tutte le spese al proprietario...l'inquilino è un estraneo in tal senso.

    E se il vostro amministatore non sa queste cose è meglio lo cambiate subito.
     
    Ultima modifica: 13 Aprile 2016
  6. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    questo è quello che spesso accade quando il proprietario affida all'inquilino il compito di pagare le spese condominiali. Non so quante volte ho scritto che è meglio che il proprietario riscuota l'importo delle spese condominiali e che sia lui a pagarle all'amministratore.
     
  7. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Anche avessero accordi in tal senso...se l'inquilino non rispetta il pagamento il proprietario resta sempre responsabile.
     
  8. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Inoltre l’amministratore può sospendere il condomino moroso dalla fruizione dei servizi comuni suscettibili di utilizzazione separata (riscaldamento, acqua, antenna Tv, ecc.) nel caso di morosità che si sia protratta per oltre un semestre... Fategli chiudere il contatore dell'acqua. Poi vedrete come pagano...
     
  9. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    NO.
    Non puoi chiudere i servizi essenziali...lo facessero il "moroso" potrebbe adire alle vie legali e gli darebbero ragione.
     
  10. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Falso.
    Ai sensi dell'art. 63, comma 3 disp. att. c.c., l'amministratore, in caso di mancato pagamento dei contributi protratto per un semestre, può sospendere il condomino moroso dalla fruizione dei servizi comuni suscettibili di godimento separato.

    Quindi, può interrompere l'erogazione dell'acqua
     
  11. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    siete sicuri che il locatari non pagano al locatore queste spese?
     
  12. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    È irrilevante
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    quali contributi? quelli pensionistici ed assicurativi?
    Bastano 3 mesi di mancato pagamento delle spese condominiali affinché l'amministratore posta ricorrere al Decreto Ingiuntivo.
    Le spese condominiali sono un onere a carico del proprietario. Che poi quello di concordare il canone d'affitto con il locatore al netto delle spese condominiali sia un vezzo dei proprietari che molte volte porta a delle sgradevoli sorprese.
    Poi, le spese condominiali di ordinaria gestione contengono i costi approvati dall'assemblea secondo il bilancio preventivo. In questi costi c'é la ripartizione del consumo condominiale dell'acqua potabile altrimenti c'é la gestione diretta tra Gestore del Servizio Idrico Integrato e il cliente utilizzatore.
    Non capisco come un condòmino/inquilino possa essere moroso solo del consumo di acqua potabile.

    A parte il fatto che l'acqua è un servizio essenziale che difficilmente il fornitore può sospendere, in questo caso il condominio non il fornitore: è il cliente utilizzatore,; che poi a sua volta effettua con un determinato criterio la ripartizione della spesa tra i vari utenti. Quindi il condominio non è autorizzato a sospendere l'erogazione dell'acqua.
    Inoltre se non c'é la diramazione di piano con i contatori, e la saracinesca di chiusura, quindi ci sono colonne montati che entrano nell'appartamento la vedo dura chiudere l'alimentazione all'appartamento del moroso.
     
  14. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Conta quello che dice l'art. 63, comma 3 disp. att. c.c.
    Se è possibile interrompere l'erogazione dell'acqua, l'amministratore ne ha facoltà
     
  15. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    E' vero.
     
  16. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Vallo a spiegare ai Giudici...tanto per citarne alcune:

    Prima della riforma.

    Cassazione penale, sezione VI, sentenza 25 ottobre 2012 n 41675
    Motivi della decisione
    1. Con la sentenza indicata in epigrafe la Corte di Appello di Firenze ha confermato la decisione resa il 26.10.2007, a conclusione del giudizio con rito ordinario, dal Tribunale di Livorno sezione di Cecina, che ha dichiarato P.D.F. colpevole dei reati di esercizio arbitrario delle proprie ragioni e di danneggiamento, condannandola alla pena – con le attenuanti generiche ed unificati dalla continuazione i due reati – di euro trecento di multa e al risarcimento del danno in favore di una delle tre costituite parti civili; risarcimento che la Corte territoriale, in accoglimento del loro appello, ha esteso anche alle altre due parti civili.



    Dopo della riforma

    Ordinanza n. 15600 del 29 settembre 2014 il Tribunale di Brescia in sede collegiale ha negato all’amministratore il potere di sospendere l’erogazione dell’acqua al condòmino moroso con considerazioni che sembrerebbero in contrasto con un’interpretazione letterale del testo normativo.

    Il Tribunale ha ritenuto che l’erogazione dell’acqua non possa essere sospesa nonostante la morosità in quanto: a) il servizio di fornitura attraverso un unico contratto condominiale non è un servizio erogato dal condominio, ma dalla società erogatrice, instaurandosi tra il condominio e l’ente «un contratto di mera intermediazione economica»; b) i condomini virtuosi possono evitare di farsi carico delle morosità stipulando contratti individuali autonomi diretti con l’ente fornitore; c) dalla mancata erogazione dell’acqua ne deriverebbe un pregiudizio diretto e immediato alle condizioni di vita e salute con pregiudizio di valori di rilievo costituzionale.


    Rischio, con risvolti penali, in cui incorrerebbe l’amministratore là dove, potendolo tecnicamente fare, procedesse direttamente alla sospensione del servizio.

    Unica cosa che può fare è limitare il flusso...ma non chiudere completamente.
     
  17. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Si pensi paradossalmente al caso di rifornimento di benzina. La prima volta non pago, la volta successiva il benzinaio me ne versa di meno di quella che mi verserebbe se la volta prima avessi pagato! O no?
    Fuor di metafora: se uno non ha soldi per l'acqua va a prenderla alla fonte (o alla fontanella) pubblica.
     
  18. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Quello che non si riesce a capire è perchè i Magistrati togati parlano di fornitura
    essenziale fino a minacciare il risvolto penale a chiunque chiudesse la fornitura
    d'acqua e poi accettano supinamente che le grandi aziende erogatrici della corrente elettrica e del gas chiudano i rispettivi rubinetti al moroso quando siano
    legati contrattualmente con lui??? Perchè la luce e il gas, ai fini della salute anche mentale, non sono altrettanto importanti come l'acqua??? Sta di fatto che io da sempre faccio intestare direttamente al conduttore queste due voci...mentre per
    tutte le altre spese compreso il riscaldamento, me le intesto io...addebitandole
    mese per mese (500+75 acconto spese salvo conguaglio...) con conguaglio fine
    anno contrattuale. E credo che questa formula riportata in tutti i moduli delle organizzazioni sia comunque la più seguita, nonostante i numerosi "sciocchini"
    che su propit indicano il contrario. Salvo che non lo facciano per provocare
    FradJACOno e quiproquo.
     
  19. Masly01

    Masly01 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Io credo che possiamo solo tentare tramite la magistratura l'interruzione della sospensione, non tramite l'amministratore. Grazie a tutti per il contributo!
     
  20. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    La benzina non è considerata un "bene primario" per la sopravvivenza!!!

    La questione è la combinazione dei "cavilli giuridici" che tanto ossessionano @quiproquo.

    Non puoi fare esercizio arbitrario delle tue ragioni usando "violenza" sugli altri.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina