1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. giraffa

    giraffa Nuovo Iscritto

    Buongiorno.
    Abbiamo un problema in condominio... :occhi_al_cielo:
    Stiamo rifacendo l'impianto di illuminazione esterno. I lavori sono stati approvati in assemblea, preventivi alla mano.
    Preventivi che per decisione condominiale prevedevano tutti un impianto esterno aereo vista l'impossibilità di fare tracce.
    Può un condomino che in assemblea ha approvato tali lavori, leggendo e consultando con i presenti i preventivi, poi contestarli con la motivazione che l'impianto così com'è non gli piace e comunicare che rifiuta di pagare? :rabbia:
    Ripeto, il preventivo ben parlava di impianto di illuminazione esterno "aereo" cioè con cavi non sotto traccia ma con tiranti e via dicendo secondo le norme CEE previste.
    La ditta esecutrice, tra l'altro, sostiene che la posa aerea prevista è quella che ha fatto, che non ci sono altre maniere, che per la sicurezza NON può togliere neanche un tirante.
    Grazie.
     
  2. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    se e' stato approvato in assemblea a maggioranza.................quel condominio puo' protestare quanto vuole.............
    non serve a niente.
    deve pagare.
     
  3. giraffa

    giraffa Nuovo Iscritto

    E' stato approvato tutto in assemblea, a maggioranza e c'era anche lui che decideva su come fare l'impianto.
    Adesso ha mandato una bella raccomandata all'amministratore dicendo che tutti quei tiranti non gli piacciono...
    Personalmente proporrò all'amministratore di cominciare a parlare di decreto ingiuntivo. :rabbia:
     
  4. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    aspetta....................................sara' l'amministratore a rendere pubblico a fine anno, nel consuntivo che tizio non ha pagato.
    sara' lui a chiedere decreto ingiuntivo nei tempi e con le modalita' giuste.
    l'amministratore non ha bisogno dell'accordo dell'assemblea per emettere decreto ingiuntivo.
    comunque sta' tranquillo....................tu e gli altri che pagano non sarete chiamati a pagare anche per chi non paga.
     
  5. giraffa

    giraffa Nuovo Iscritto

  6. giraffa

    giraffa Nuovo Iscritto

    Aquirente, ti aggiorno.
    Il condomino continua a dissentire, l'amministratore gli dà retta cercando di arrivare ad un punto di contatto, ma è dura.
    Si è unito un altro condomino, dice di voler contestare i lavori perchè i cavi passano troppo sotto il suo balcone e sono percorribili, secondo lui, da ladri funamboli.
    Ti chiedo, hai più esperienza di me, per contestare un lavoro fatto da una ditta è necessaria una perizia, vero? In questo caso una perizia che dimostri che il cavo può sostenere per un certo tempo una persona in movimento. Non basta un dissenzo., anche scritto.
    Giusto?

    Ciao!
     
  7. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    scusa il ritardo nel rispondere.................
    se il lavoro e' stato fatto come da preventivo approvato in assemblea, pari pari e voi avete accettato che quel lavoro fosse fatto in quel modo a voi descritto in assemblea, dovete pagare tutti.
    avete approvato, questa e' la cosa importante, i condomini non possono rifiutarsi adesso di pagare.
    prima pagano questo lavoro all'impresa e poi decidono che altri lavori si possono fare e se si possono fare.
    ciao
     
  8. giraffa

    giraffa Nuovo Iscritto

    Ciao!
    Si è giunti all'accordo che il condomino "dissenziente" se vuole le modifiche come piacciono a lui, che dovrebbero riguardare soprattutto la posa dei cavi per il suo citofono nel suo giardino, se li paga lui.
    Ovviamente farà un mini-contratto a suo nome con la ditta che sta eseguendo i lavori.
     
  9. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    come vedi...................chi sbaglia, paga. :D:D
     
  10. biciobizio

    biciobizio Nuovo Iscritto

    scusate se intervengo ma stavo leggendo.....e la cosa sinceramente è interessante perchè ogni caso nell'ambito di un condominio è significativo....a mio modesto parere la questione di quel condomino non meritava nemmeno molta considerazione....il Codice Civile parla chiaro, se l'assemblea approva e non vi sono dissenzienti e nemmeno successivamente viene impugnato il verbale stesso, l'obbligo di accettazione è uguale per tutti...se il condomino non paga l'Amministratore sa benissimo che dovrà fare una sua lettera con l'estratto conto del pagamento intimando che se non paga mette le cose in mano al legale....poi se questo insiste il legale gli farà una costituzione in mora con allegato l'estratto conto sollecitando il pagamento della quota entro e non oltre un certo limite temporale dopodichè gli verrà scritto nella stessa costituzione in mora che si procederà col Decreto Ingiuntivo senza preavviso in virtù dell'Art.1130 del C.C.....il condominio anticiperà tutte le spese chiaramente che verranno recuperate col Decreto Ingiuntivo reso esecutivo, che significa in sostanza che se nemmeno in quel caso paga ci sarà azione di pignoramento....le cifre anticipate dal condominio verranno recuperate col pagamento del dovuto da parte del moroso....per quanto attiene all'accordo che il condomino si farà fare i lavori per suo conto tenete presente che se questi lavori modificano o inficiano in un lavoro che ha avuto una approvazione assembleare questi successivi lavori, anche se pagati dallo stesso condomino devono essere soggetti, qual'ora torno a ripetere inficiano l'impianto elettrico o le parti comuni dello stabile, ad approvazione assembleare a scanso di equivoci futuri che possano uscire fuori altri condomini a dire che hanno subito un danno da quei lavori. Ciao a tutti
     
  11. giraffa

    giraffa Nuovo Iscritto

    Infatti.
    Le ultime sono che i lavori si fanno come approvato, visto che tra l'altro il c.c. dice:

    L'impugnazione delle delibere "annullabili" deve essere proposta necessariamente ed a pena di decadenza entro 30 giorni dalla data della deliberazione (nel caso ad impugnare siano i condomini presenti all'assemblea), o dalla data di comunicazione della delibera per gli assenti.
    Naturalmente non possono impugnare la delibera i condomini che hanno espresso voto favorevole ad essa (art. 1137 c.c.).
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina