• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Sustrintu

Nuovo Iscritto
Salve a tutti...
La mia famiglia è in possesso di un fondo da più di 100 anni... apparteneva a mia bisnonna; mio nonno; io padre e adesso a me. In origine era un vigneto poi mio padre 26 anni fa piantò eucalipti. Circa 4 anni fa è stato comprato un terreno confinate al mio, il nuovo proprietario, dopo aver acquistato il terreno, ha misurato, accorgendosi cosi che le misure riportate sui documenti erano diverse da quanto riscontrato, da lui, sul campo.
In breve, secondo lui una parte del mio terreno è sua e la pretende... Io non ho nessuna intenzione di dargliela anche perché quel terreno è sempre appartenuto alla mia famiglia e vorrei delimitare il confine con una recinzione.

La mia domanda è posso chiuderlo? Devo avvertire il confinante o altri?
Il confine è visibile perché avevamo lasciato l'ultimo filare di vigna, anche se ora restano solo alcuni ceppi...
Aggiungo che un mese fa mi inviò una raccomandata dove diceva che lui sarebbe andato a misurare il terreno, con il suo tecnico, per regolare i confini e mi invitava a partecipare a mia volta con un mio tecnico... Inutile dire che io non ci sono andato, perché non devo regolare niente. Mi spiace solo di non avergli risposto minacciandolo di denuncia...

Spero di essere stato chiaro nella domanda... e spero che qualcuno possa aiutarmi...
grazie :)
 

Marco Giovannelli

Membro dello Staff
Professionista
allora, se non ci sono ceppi antichi (termini) o recinzioni, o macere ed il confine non è delineato devi rivolgerti necessariamente ad un tecnico che a sua volta ti indichi dove passa il confine. ma di quanto è spostato il confine?

saluti
 

felixgiovanni

Nuovo Iscritto
L'ultimo filare fu lasciato per rispettare il distacco dai confini che la nuova piantumazione richiedeva, trattandosi di piante di alto fusto in luogo di arbusti? O se no, perchè? Se sono passati oltre 20 anni senza che vi sia stata alcuna contestazione da parte dei confinanti circa quella delimitazione del fondo, se cioè il possesso è stato sempre esercitato fino a tale linea in modo non violento e non clandestino, non è neanche necessario far riferimento ai ceppi dei vitigni....che, per giunta, ancora esistono! Il nuovo confinante, senz'altro, avrà acquistato la proprietà "..nello stato in cui si trova.... a corpo e non a misura....ecc.." Potresti controllare! Concordo con Marco che farai bene, sempre, a rivolgerti ad un tecnico esperto del posto che, meglio di ogni altro, potrà darti preziosi suggerimenti...anche se, come sostieni e, quindi, come credo, sei in una botte di ..ferro!
 

Marco Costa

Membro dello Staff
Pero' la botte di ferro la devi far rispettare ad un vicino che non ci sta e ha fatto misurare i confini e teli contesta con una raccomandata ..... conseguentemente devi difendere i tuoi diritti e per fare questo oltre al tecnico per eventuali misurazioni di parte (la tua) dovresti scrivere immediatamente una raccomandata (tu o meglio un tuo legale di fiducia) in cui ribadisci che i confini sono tali da oltre 20 anni e come ha gia' enunciato felixgio eventuali tue irregolarita' sono in buona fede ed oramai acquisite per usucapione
per maggiori info vedi la discussione
http://www.propit.it/f77/come-procedere-lusucapione-terreno-2426/
dove GURU e' molto esauriente in proposito

ciao Marco :disappunto:
 

felixgiovanni

Nuovo Iscritto
E' il nuovo che deve dimostrare il suo diritto; ritengo non basti far prendere le misure o procedere con altre azioni intimidatorie! Se poi il nuovo vicino ha comprato a corpo e non a misura, nello stato in cui il fondo si trovava al momento della stipula, come avviene per prassi e nella stragrande maggioranza dei casi, consolida il mio pensiero espresso in precedenza. saluti
 

Marco Costa

Membro dello Staff
concordo .... ma terrei gia una lettera pronta a partire per raccomandata
anche perche' avrei tempo a sciverla , leggerla, rieggerla correggerla e rileggerla ... con lo sbollire del nervoso il cervello lavora meglio e a rileggerle piu' volte le cose scritte si valutano ed esprimono meglio
Almeno questo e' il mio caso :disappunto: ;)
 

Stefano Deidda

Membro Ordinario
Professionista
Innanzi tutto un saluto al forum

La prassi adottata dal tuo confinante è formalmente corretta (non è un atto intimidatorio), come chi mi ha precedutto, ti consiglio di rivolgerti ad un tuo tecnico di fiducia.
A titolo esemplificativo ricordo che in caso di assenza di elementi certi che individuano il confine si fa riferimento agli atti di aggiornamento catastali (visto che il terreno risale addiritura alla tua bisnonna dovrebbe essere definito dalle mappe d'impianto).
Se gli scostamenti tra lo stato di fatto e le mappe sono notevoli è da prendere in considerazione anche la possibilità di reperire i rilievi aerei.

Saluti
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il peggior difetto di chi si crede furbo è quello di pensare che gli altri siano stupidi
Buona sera... Una domanda.. Il confine per delineare una proprietà si prende dal muro di confine o dal paletto della rete?
Alto