1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag:
  1. Francescos1994

    Francescos1994 Nuovo Iscritto

    Professionista
    Buongiorno a tutti il mio problema è il seguente mi hanno chiesto un consiglio ma non riesoc ad uscirne: premetto che sono ignorante in materia ma di fronte a questa situazione qual'è la miglior soluzione?: I genitori di un soggetto "x" si lamentano sempre perchè pagano troppe imposte e tasse nonostante siano due lavoratori dipendenti, hanno 2 figli e circa tre beni immobili mi hanno detto ma se intesto qualcosa ai miei migli risparmiamo?. facendo un giro su internet ho notato che se il loro reddito complessivo è di 55 mila euro e facendo un giro di internet solo di IRPEF si applica il 38%, allora la mia domanda è come fare a far risultare il loro reddito complessivo anzichè 55 mila euro solo 40 mila euro cioè solo il totale degli stipendi che percepiscono ogni mese in modo da applicare l'aliquota del 27% e quindi ottenere un risparmio notevole? se intestano le cose che hanno ai figli il loro reddito diminuisce? e poi i figli non devono fare dichiarazione e pagare lo stesso? (sono entrambi studenti e non lavorano) cosa gli dico? attendo un vostro consiglio grazie
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Forse hai una idea errata di come si calcolano le tasse.

    NON si applica una % fissa su tutto il reddito (che poi non fà nemmeno cumulo visto che ognuno pagherà le proprie)...ma si calcolano a scaglioni.

    Quindi il 38% (ammesso che il reddito di solo 1 dei coniugi sia di 55.000 Euro ) va calcolato solo sulla parte eccedente i 28.000.

    Nessun "risparmio notevole" se imputano gli immobili ai figli (salvo che detti immobili siano locati e quindi generino affitti).
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  3. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro Supporter

    Proprietario di Casa
    Schermata 2016-11-16 alle 07.26.56.png Se i termini sono, i genitori hanno un reddito da lavoro, sicuramente i redditi da fabbricati si assommano e portano l'aliquota marginale ad elevarsi. Se intestassero gli immobili equamente ai figli o donassero loro un usufrutto degli stessi, i redditi da locazione andrebbero in capo ai figli e loro coglierebbero scaglioni di aliquote più basse.
    Sempre se, come ti è già stato detto, gli immobili siano locati e generino reddito da locazione.
     
    A Francescos1994 piace questo elemento.
  4. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se gli immobili sono ad uso abitativo e fossero locati è possibile applicare la cedolare secca che consente una tassazione al 21% (al 10% addirittura in caso di comune ad alta densità abitativa). E' possibile inoltre stipulare canoni "concordati" che consentono un abbattimento dell'imponibile del 30%nei comuni ad alta densità abitativa ed eventualmente anche un risparmio di IMU/TASI per i comuni che hanno deliberato in tal senso...
    Strano che abbiano chiesto ad un profano un consiglio del genere.......meglio chiedere ad un commercialista o ad un caaf....
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Io ho il sospetto che il tutto sia frutto delle classiche "chiacchere da bar".
    2 dipendenti che pensano di pagare molte tasse perchè si adeguano a certi "discorsi popolari".
    9 su 10 che i 55.000 sono la somma dei redditi lordi = ognuno dei 2 coniugi percepisce 27/28.000 Euro di stipendio...quindi ammesso e non concesso vi sia una disparità maggiore solo 1 verrebbe tassato marginalmente dal 37%.
    Se i fabbricati non sono locati il reddito ad essi riconducibile sarebbe ben misera cosa.
    Ho persino il sospetto che si tratti di seconde o terze abitazioni utilizzate dalla famiglia per le vacenze.
    In tal caso trasferire la proprietà ai figli no sortirà alcun risparmio economico ...ma solo un anticipo di spese.

    Ps.
    Commento libero (non me se ne voglia e non mi si fraintenda).
    Trovo sempre ambiguo il discorso che si pagano troppe tasse ...specie se detto da chi ha reddito dipendente...a maggior ragione se dipendente pubblico.
     
  6. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro Supporter

    Proprietario di Casa
    Difficile, per contro, dire che in questo paese si paghino poche tasse!!!! A livello di redditi importanti si paga il 50% del reddito in tasse!!! Ma anche i redditi bassi, una volta che escono a comprare un qualche oggetto pagano ulteriore 22% di IVA (tassa sui consumi) e se poi vanno a far benzina oltre all'IVA pagano accise! Poi, dopo aver pagato tasse sui redditi, sui consumi, vanno a casa e pagano la tassa sui servizi, Tassa Rifiuti, Tassa passo carraio, tassa sulle seconde case! Poi hanno il Bollo auto, tassa sulla vettura, poi quando moriranno avranno la Tassa sul morto, Tassa di successione! (attualmente con franchigia) Dimenticavo che per pagare le tasse, in Italia, spesso serve il commercialista!!!!
    E pensare che ci sono paesi che tassano al 20/25% del reddito
     
    A Marinarita piace questo elemento.
  7. Francescos1994

    Francescos1994 Nuovo Iscritto

    Professionista
    Innanzitutto ringrazio tutti e tre per avermi dato un consiglio, per quanto riguarda essezeta ho ribadito che sono ignorante in materia ma poichè mi appassiona volevo poterli aiutare dandogli un consiglio anche io cercando di capire qualcosa. Quindi ricapitolando loro a me hanno detto che gli immobili che hanno sono tutti locati o meglio uno locato e due no però non mi è chiaro il meccanismo del "risparmio" attraverso trasferimento o donazione in capo ai figli, cioè se danno la propietà o l'usufrutto ai figli che sono studenti, dopo i figli non producono reddito ugualmente? e quindi gli pagano ugualmente tasse e imposte?
     
  8. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro Supporter

    Proprietario di Casa
    I figli in possesso degli immobili diventano i soggetti in capo a cui vanno imputati i redditi da locazione! Se ogni figlio avesse un reddito da locazione di 15.000 € anno pagherebbe un'aliquota del 15% di tassazione, mentre tre redditi da 15.000 per totali 45.000 € in capo ad un genitore che ha un reddito da lavoro porterebbe la sua aliquota a valori massimi 41%-43%!
     
    A Marinarita piace questo elemento.
  9. Francescos1994

    Francescos1994 Nuovo Iscritto

    Professionista
    ah perfetto Giacomo ho capito, ma quindi cosa conviene fare trasferimento o usufrutto??
     
  10. Francescos1994

    Francescos1994 Nuovo Iscritto

    Professionista
    cioè il meccanismo degli scaglioni è il seguente giusto o sbaglio? reddito complessivo di lui + lei che sono sposati in comunione = a 55 mila euro, di questi 55 mila euro 15 mila si applica il 23% e sui restante 40 mila euro si applica il 38% funziona cosi o sbaglio???
     
  11. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro Supporter

    Proprietario di Casa
    I consigli si possono dare ma poi le persone devono valutare i pro e i contro:
    A) Cedere un immobile ai figli è una procedura irreversibile, diventano i reali proprietari.
    B) Cedere un usufrutto è una via di mezzo, ma i redditi diventano dei figli.
    C) Cedere l'usufrutto temporaneo, n° anni (4/5 anni) potrebbe essere la strada più economica e allo stesso tempo più sicura per controllare la crescita e la lealtà dei figli.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  12. Francescos1994

    Francescos1994 Nuovo Iscritto

    Professionista
    Adriano a loro non hanno problemi nel cederli anzi sono propensi purchè si generi un risparmio conveniente quindi tra la A o la B meglio la A o B? se puoi anche rispondermi al post precedente sul meccanismo scaglioni grazie
     
  13. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro Supporter

    Proprietario di Casa
    Si lo scaglione funziona come dici.
    A) fare vendita e non donazione! ( i figli devono far figurare una capacità economica per acquistare.) bisogna interpellare un Notaio.
    B) Il problema diventa meno oneroso e meno complesso ma ci vuole un Notaio
    C) Meno oneroso di tutti e non serve che i figli abbiano alcuna capacità economica, è una donazione temporanea!
     
  14. Francescos1994

    Francescos1994 Nuovo Iscritto

    Professionista
    Ok grazie ancora Adriano, quindi riepilogando partendo da un presupposto fondamentale che l'immobile locato produce un reddito di 3000 euro al mese se gli faccio fare un usufrutto temporaneo automaticamente il loro reddito complessivo scenderà da 55 mila a 19 mila euro, poichè (55 mila -36 mila) giusto?così che loro applicheranno uno scaglione migliore cioè quello pari al 23% mentre i due figli avranno rispettivamente 18 mila ciascuno giusto??
     
  15. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro Supporter

    Proprietario di Casa
    Molto per sommi capi si!
     
  16. Francescos1994

    Francescos1994 Nuovo Iscritto

    Professionista
    in che senso per sommi capi? ho sbagiato qualcosa? infine ultima cosa che avevo pensato per quanto riguarda l'altro immobile se uno dei figli lo mette come abitazione principale non dovrebbe pagare IMU giusto?
     
  17. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro Supporter

    Proprietario di Casa
    Tutta questa conversazione ha dei risvolti di elusione fiscale. Tu se dici che metti un figlio a figurare residente ma residente non è fai della elusione, che prima o poi viene fuori. Se tu fai una donazione di un immobile per non pagare le tasse è elusione, Quando mi parli di conteggi sugli scaglioni, in questo forum facciamo conteggi fatti da due persone che parlano su un forum, poi ogni singolo professionista ha una definizione più esatta, esistono coefficienti di detrazione sui redditi. Ma alla base di tutte queste decisioni devono esserci forti e plausibili motivazioni. La donazione, la vendita, la cessione di un usufrutto, sono manovre in linea di massima impegnative e devono avere a monte uno studio e una conoscenza della materia approfondita. Io non sono ne' Notaio, ne' commercialista ne' avvocato e non posso che trasferirti mie personali congetture di riflessione.
    Poi ad ognuno il suo mestiere e che ognuno cavalchi le sue responsabilità.
    Tutto ciò credo sia di buon senso.
     
  18. Francescos1994

    Francescos1994 Nuovo Iscritto

    Professionista
    aah ok perfettamente d'accordo
     
  19. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se i figli sono studenti, ma si ritrovano un reddito da fabbricati, non risulteranno più a carico dei genitori i quali non godranno più di detrazioni per figli a carico, né potranno detrarre le loro spese scolastiche, sportive, sanitarie ecc...
    ovvio che dichiarando i redditi da fabbricati i figli, questi ultimi potranno detrarsi le loro spese....
     
  20. Francescos1994

    Francescos1994 Nuovo Iscritto

    Professionista
    Esse quindi da come dici il figlio studente dovrebbe poi fare una dichiarazione attraverso 730 dove, non risulterà più a carico ma risulterà solo con reddito dell immobile locato ?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina