1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    L a "tavernetta", ai fini della determinazione della "consistenza catastale" va contata per intero ( vani principali) o per 1/3 (accessori ad utilizzo indiretto) ? Mi interessano i riferimenti normativi perchè di considerazioni se ne possono fare tante. Grazie. Pippo.
     
  2. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    se non è abitabile è un vano accessorio
     
  3. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    E quali sono i parametri per decidere se è abitabile oppure no? C'è una normativa al riguardo? Grazie
     
  4. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    eh si, esistono le norme urbanistiche e d'igiene che non ti posso elencare qui, in generale però trovi la destinazione sul progetto autorizzato dal comune
     
  5. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    E' un pò difficle reperire questo progetto. Speravo di avere un riferimento normativo generale. Grazie comunque.

    Sul progetto originario il piano interrato è stato presentato come deposito.
    Però l'Agenzie del Territorio, ai fini del calcolo della consistenza catastale, lo ha considerato di tipo A, cioè ha considerato per intero tale superficie ai fini del calcolo dei vani. E' così? C'è una normativa al riguardo? Grazie.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 8 Febbraio 2014
  6. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    solitamente se sulla planimetria non viene specificata una destinazione accessoria (cantina, soffitta, ripostiglio, ecc.) il tecnico catastale considera il vano come abitabile, questo è un concetto che chi mastica un poco di pratica catastale conosce, se invece la destinazione accessoria è specificata è un'interpretazione errata del tecnico che ha stabilito la rendita, comunque la stima dei vani va interpretata correttamente, un locale grande spesso è considerato più di 1 vano, come fai a dire che nel tuo caso il tecnico ha stimato in modo scorretto?
     
  7. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Per essere più precisi il piano originario presentato dal tecnico prevedeva, nella zona interrata, i seguenti ambienti: deposito, lavanderia, stireria, bagno, ripostiglio.
    Quindi, io credo, accessori del piano terra dove ci sono gli ambienti principali. Come tali, dovevano essere valutati, ai fini del calcolo della consistenza, per 1/4 (al più 1/3) di vano principale, rispettando ovviamente le regole per il calcolo del vano principale.
    L'Agenzia del territorio, invece, me li ha calcolati tutti per intero e non per 1/4.
    Cioè il piano interrato/tavernetta è stato considerato tutto vano principale di tipo A e calcolato, pertanto al 100% ai fini della consistenza.
    E' corretto tutto questo? Qual'è la normativa che regola e chiarisce questa situazione? Grazie.[DOUBLEPOST=1391875295,1391875076][/DOUBLEPOST]Post scriptum: è stato proprio il tecnico dell'Agenzia del Territorio che si occupa di queste verifiche a dirmi che l'aumento del numero di vani è dipeso dalla diversa classificazione del piano interrato. E a conti fatti il tutto coincide.
     
  8. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    a quanto pare c'è una scorretta interpretazione a meno che gli spazi siano tanto grandi da giustificarla, se riscontri quanto scrivi fai un'istanza di revisione della rendita catastale in autotutela specificando le incongruenze che trovi e vedi se ti aggiornano
     
  9. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Io ho già inoltrato l'istanza in autotutela chiedendo che il piano interrato, in quanto tale, mi sia considerato per 1/4 e non per intero. Il tecnico che ha esaminato la pratica mi ha anticipato verbalmente allo sportello che la richiesta non verrà accolta perchè gli spazi interrati da me dichiarati come "stireria, deposito, lavatoio, ripostiglio, bagno" in realtà, (ad onor del vero non hanno fatto alcun sopralluogo) sono "tavernetta" e come tali vanno considerati al 100% ai fini della consistenza.
    Io non riesco ancora a trovare la normativa relativa al calcolo della consistenza che chiarisca 1) se e quando un piano interrato va considerato "tavernetta"; 2) se la tavernetta va considerata al 100% oppure per 1/4 .
    C'è qualcuno che mi sa dare qualche riferimento normativo al riguardo?
    Grazie. Pippo
     
  10. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    mi sembra una follia
    tavernetta non esiste come destinazione, un locale o è abitabile agli effetti delle norme urbanistiche e igieniche o non lo è, il valore del locale è strettamente legato all'uso che se ne può fare e non all'uso che se ne fa, poi se in una cantina ci fai la taverna non può assolutamente influire sul valore catastale. Davanti ad una risposta del genere da parte di un tecnico io andrei a parlarne direttamente col dirigente superiore
     
    A Daniele 78 e Pippo Latorre piace questo messaggio.
  11. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Quindi se il piano interrato e' abitabile va considerato per intero. In tal caso posso fittarlo come unità indipendente visto che dispone di una scala di accesso esterna dedicata. Grazie Griz mi sei stato utile
    Pippo
     
  12. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    attenzione! non fraintendere, i locali possono essere abitabili se soddisfano le norme urbanistiche ed igienico-sanitarie, se sono stati progettati ed autorizzati per un uso che prevede la permanenza di persone, non perchè il tecnico del catasto lo decide
    in caso soddisfino tutto quanto sopra puoi eventualmente affittare, altrimenti no
     
  13. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Dove le trovo queste norme igienico sanitarie? Grazie.
     
  14. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    le norme igienico-sanitarie sono pubblicate in un regolamento d'igiene stabilito dalla regione, le norme urbanistiche sono prima nazionali poi regionali e comunali
    per semplificare dovresti cercare il progetto di edificazione della tua casa, le destinazioni dei locali sono state stabilite lì, da lì puoi partire per eventuali aggiornamenti evolutivi della costruzione, non è semplice destreggiarsi, c'è gente che lo fa di mestiere
     
  15. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Grazie. Vedrò di organizzarmi.
     
  16. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Se cerchi le norme igienico-sanitaria devi far riferimento al Dm 5 luglio 1975. Poi ogni Regione preso tale DM ha fatto le sue considerazioni, ma di base quello che dice quel DM è rimasto. Per il resto griz è stato già esaustivo sul tema "tavernetta".
     
    A Pippo Latorre piace questo elemento.
  17. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    In effetti griz mi ha chiarito. Grazie anche s te per il riferimento di legge.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina