1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Un mio zio anzianotto e ormai di salute precaria ha una seconda casa in un comune limitrofo a Roma. Il contatore dell'acqua è esterno alla proprietà.
    L'anno scorso, ha ricevuto una lettera da parte del Comune contenete una delibera relativa al servizio idrico. In essa viene stabilito che gli utenti (residenti e non) dovevano fornire l'autolettura dei contatori nel numero di 3 per il primo anno di applicazione della delibera e cioè: prima lettura nel mese di febbraio 2015; la seconda fra il 1 ed il 15 giugno e la terza fra il 1 ed il 15 dicembre.
    La lettera riporta la data del 30/1/2015 è quindi presumibile che sia stata ricevuta nel mese in cui avrebbe dovuto comunicare la prima lettura (febbraio 2015).
    Nella lettera viene inoltre comunicato che in caso di inadempienza dell'invio delle letture saranno addebitate una quota fissa di euro 250 semestrali per il consumo dell'acqua.
    Ciò che mi lascia perplesso, è che alcune scuole di pensiero ritengono che il compito della lettura dei contatori riguardi il gestore dell'acquedotto; altre che tale obbligo sia riferito ad almeno una lettura annua e che comunque, la Cassazione con una sentenza ha stabilito che nessun importo deve essere dovuto per "consumi presunti" ma solo in presenza di consumi effettivi rilevati attraverso la lettura del contatore.
    Non c'è quindi un orientamento unanime.
    Cosa ne pensano gli amici del forum?
    Secondo voi, esiste un margine di manovra per impugnare tale delibera e farsi magare restituire il primo pagamento effettuato (250 euro)?
     
  2. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Aggiungo che, causa le sue difficoltà di movimento, non si è potuto recare nell'anno trascorso presso tale casa per rilevare le letture.....
     
  3. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Un Comune ha deciso in tal modo?

    Come minimo abuso di potere.
     
  4. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Già, lo penso anch'io. E quello che è più strano nella vicenda è che io ho chiesto lumi al "forum dell' acquabenecomune ". Mi è arrivata la lettera che il comune aveva inviato, l' anno scorso, a mio zio, senza una riga di commento o di spiegazioni. Come a far supporre che il "forum" ed il servizio idrico siano gli stessi (se no, come facevano ad essere in possesso della lettera inviata? ) e che con tale risposta abbiano inteso dire: "vi avevamo avvertiti! Ora pagate! "
    Mi piacerebbe dargli del filo da torcere. Ora cercherò altri appigli e poi deciderò.
    Tutti i consigli, norme di legge ecc sono benvenuti! !!!
     
  5. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Fai una foto del contatore con lo smartphone e inviala all'azienda che fornisce l'acqua. Se l'importo fatturato supera di molto il valore del consumo reale, non pagare le fatture, se sono state pagate chiedi il rimborso. La foto con lo smartphone evidenzia anche la data in cui è stata scattata.
     
  6. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il fatto è che l' importo è addebitato come "una tantum " per non aver trasmesso la lettura del contatore. Una sorta di multa, insomma, che per il comune ha valenza di consumo a forfait, credo.
     
  7. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Un vero e proprio furto.:affermazione:
     
  8. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Loro devono fare le letture almeno una volta l'anno, non esistono scuse.
    A meno che non c'è un altro editto che dice che se il consiglio comunale non si riunisce tutti i giorni in un dato anno i consiglieri perdono tutte le diarie di quell'anno.
    Come si chiama il comune che si comporta così?
     
  9. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Palombara Sabina
     
  10. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
  11. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Caro "giocatore" o JacO che dir si voglia. Il documento che hai allegato lo avevo già.
    La domanda è (sto per inviare apposita richiesta all'Autorità garante): Può essere imposta al consumatore la lettura del contatore o è un compito precipuò del gestore?
     
  12. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ho seguito una discussione simile alla televisione 15/20 giorni fa, alla quale partecipavano rappresentanti dei consumatori. La conclusione fu che i consumi presunti addebitati dal gestore, a causa della mancata autolettura dell'utente, sono illegittimi in quanto in fattura esiste uno specifico addebito denominato "costi di distribuzione" che includono anche l'attività di lettura dei contatori. Ergo: si deve rigettare tale sopruso. Il caso riguardava l'addebito dell'energia elettrica effettuato da Eni ( ma non esiste alcuna differenza tra gestori, sono tutti uguali). Occorre verificare se anche nella fattura dell'acqua esiste la voce "distribuzione". Io non mi sono mai preoccupato in quanto da noi, oltre ad avere costi "umani" dell'acqua, le letture vengono effettuate regolarmente dal gestore. In 25 anno, con lo stesso gestore, non ho mai avuto problemi.
     
  13. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Pensandoci bene, per me che pago l'acqua tramite il condominio una direttiva come quella di Palombara va più che bene. Infatti dò la lettura ad una società pagata dal condominio che raccoglie le letture e poi addebita i costi tramite il condominio. Purtroppo l'ACEA (l'azienda di Roma) fissa invece un minimo addebitabile contrattuale di 184 mc (metri cubi) per l'acqua che entra, lasciando il consumo vero (che potrebbe essere anche zero) solo nel calcolo dell'acqua che va in fognatura.
     
  14. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    Mi risulta che il minimo è stato eliminato specialmente nei condomini, dove il consumo viene calcolato e pagato su un unico contatore, che a sua volta l'amministratore lo divide per i consumi dei sotto contatore facendo sparire il cosiddetto minimo
     
  15. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Trovo illecita tale "norma"...il Comune ben può imporre l'autolettura ma non una sanzione per il mancato adempimento.
     
  16. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Purtroppo non dappertutto. Ogni gestore fa Repubblica a sé. Ad esempio, nel destinate io sono in contestazione con Acea Ato5 in quanto continua ad applicare il minimo, che poi tanto minimo non è trattandosi di 108 mc annuì a famiglia, sia residente che non. E nella zona ci sono ormai solo anziani, per lo più soli e 108 mc significano 9 mc al mese che, in soldoni fanno 300 litri al giorno!
    Non è una rapina?
     
  17. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Dannato smartphone! Scrive quello che gli pare!
    Leggasi: "frusinate" e non "destinate" !!!
    E, per concordare con Dimaraz, il comportamento del comune lo trovo proprio dell' arroganza potere, dell' insipienza giuridica degli estensori di certe delibere e, purtroppo, dell' impotenza da parte nostra di far rispettare le norme se non a costo di salati esborsi a legali vari. ...
     
  18. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    E' pazzesco. Anche per l'importo della fognatura considerano quel parametro? Oppure usano il consumo reale (come con l'ACEA, a Roma?
     
  19. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Niente fognatura. La zona non ne è servita.
    Almeno questa spesa non c'è. Ogni 4 o 5 anni fa vuotare i pozzi di raccolta e spenda di meno che se avesse anche i canoni di fognatura e depurazione.
     
  20. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ossia?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina