1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. torosan

    torosan Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti, sono alle prese con il consuntivo economico dei lavori di ristrutturazione eseguiti nel mio appartamento a Roma che non mi convince per niente e mi sembra concepito per spennarmi come un pollo. Per esempio:
    Nel preventivo allegato al contratto le tracce nella muratura sono prezzate un tot/m per un indicativo tot m. La somma risultante nel consuntivo è conteggiata a debito, ma subito dopo ci sono due voci (assistenza muraria impianto elettrico e idraulico...quindi sempre di tracce si parla, credo) calcolate a corpo (tra l'altro equivarrebbero a ben 630 m di tracce in un appartamento di 140 mq) conteggiate in aggiunta.
    Una voce ( prezzo a corpo) è disinvoltamente raddoppiata dal preventivo al consuntivo.
    Alcuni lavori aggiuntivi extra-preventivo sono addebitati a prezzi superesosi (mai a noi comunicati) e senza rapporto logico con i prezzi unitari offerti nel preventivo (es. parallellepipedo copriserranda in cartongesso, 2 mq di superficie 490 Euro contro prezzo controsoffitto in cartongesso nel preventivo 28 Euro/mq o 450 Euro per montare un mobile nel bagno).
    Addebito di lavori non eseguiti o che io fortemente dubito siano stati eseguiti (tipo rasature dei vecchi intonaci).
    Richiesta di inaspettate e mai finora richieste maggiorazioni (tipo raddoppio o quintuplicazione dei prezzi) per la posa dei pavimenti e dei rivestimenti dei bagni.
    Addebito del costo ( e a che prezzo, calcolato a corpo e non a metraggio come da corrispondente voce nel preventivo originale) per il montaggio e successiva demolizione di due telai porta a scomparsa forniti sbagliati dall'impresa stessa(modello non compatibile con le porte da me scelte, quando io avevo puntualmente comunicato qual'era il modello giusto da acquistare) .
    Aggiungo inoltre che i lavori sono stati terminati con due mesi di ritardo rispetto a quanto previsto dal contratto costringendomi a traslocare tutti i miei averi in un cantiere pieno di calcinacci e chiedere ospitalità ai parenti.
    Come posso difendermi da quello che mi pare un vero abuso? Potrebbe essere utile chiedere una perizie di congruità delle somme richiesta da parte di un esperto (e a chi rivolgersi?) e che efficacia potrebbe avere per far valere le mie ragioni?. Mi devo rivolgere ad un avvocato? Pensate che potrebbe essere una soluzione valida? Ho fatto le mie ragionate e motivate rimostranze al titolare dell'impresa, ma senza gran risultato. E se proprio non pago quello che mi è richiesto ma solo quello che ritengo giusto, che può succedere?
    Un'ultima domanda: come si calcolano i mq tinteggiati? Vuoto per pieno OK, ma vanno conteggiate anche grandi superfici vetrate? Ho due portefinestre lunghe quasi 5 m e la loro "tinteggiatura" mi costa un occhio. Grazie a chiunque mi vorrà dare suggerimenti..o anche solo conforto morale.
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Ciao torosan
    Il tecnico direttore dei lavori c'è?
    Se c'è cosa dice?
    Avevate stipulato un contratto con la descrizione dei singoli lavori e dei prezzi unitari (elenco prezzi)?
    Oppure avevate stipulato un contratto con preventivo a corpo di tutti i lavori (computo metrico estimativo)?
    La misurazione della tinteggiatura si fa al netto di qualsiasi apertura, ed aggiungendo eventuali sguinci delle finestre se esistono muri abbastanza spessi.
    Aspetto risposte ciao salves
     
  3. galimba44

    galimba44 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
     
  4. galimba44

    galimba44 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Penso che la discussione con l'Impresa debba essere fatta da chi ha redatto il capitolato se è un tecnico o direttore lavori.
    Se invece hai fatto tutto tu e il capitolato non chiaro ha dato possibilità all'Impresa di richiedere compensi extra, penso che ti resti solo la possibilità di trovare un accordo o di fare causa con nomina di ctu e periti vari e, oltre ai tempi biblici, pagare avvocati ecc. ,di rimetterci tutto.
    Non voglio insegnare niente a nessuno, ma bisogna sempre tenere presente che le imprese sanno il fatto loro e che prima di fare richieste non contemplate nel capitolato, è necessario sempre farsi fare il prezzo scritto.
     
  5. galimba44

    galimba44 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Si detraggono i vuoti se maggiori di 2 mq e si computano le spallette se superiori a 20 cm.
     
  6. mirkomanowar

    mirkomanowar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    non pagare un c...! prendi un geometra che ti calcoli i lavori effettivamente svolti...ciao
     
  7. avettor

    avettor Nuovo Iscritto

    Non pagare nulla che non sia dovuto e aderente al preventivo.
    E' loro onere (non tuo) dimostrare e dettagliare puntualmente gli eventuali lavori extra-capitolato che sono stati eseguiti.
    L'Italia è piena di furbetti, il documento che ti hanno dato non ha alcun valore.
    Dal punto di vista pratico: si potrebbe fare un sopralluogo e collaudo di fine lavori congiunto (tu + impresa).
    Valuta tu se farti assistere da un tuo geometra o perito.
    In occasione di questo sopralluogo puoi contestare tutto quello che vuoi e che abbia senso, anche eventuali lavori non eseguiti a regola d'arte, da scalare dal preventivo.
    Infine, digli che sono fortunati per il fatto che non gli hai chiesto i danni per la ritardata consegna delle opere.
     
  8. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    sono d'accordo con chi mi ha preceduto devi farti aiutare da un tecnico di tua fiducia che non abbia a che fare con l'impresa...
    poi bisogna vedere se l'intervento è un ex novo o su esistente etc
    comunque, questo capita quando non c'è un computo metrico estimativo sottoscritto da entrambi i contraenti prima dell'inizio dei lavori, quindi purtroppo lo devi far fare a lavori finiti e chiedere all'impresa con istanza formale che per il pagamento si adegui ai prezzi che emergono dalla perizia redatta dal tecnico abilitato
     
  9. uragano

    uragano Membro Attivo

    Professionista
    il fai da te a volte non conviene.per quanto riguarda i ritardi dei lavori :e' scritto in casa di ritardi e' dovuta la cifra di euri... giornalieri con addebito di spese estra sostenute.altrimenti non ti spetta nulla.
     
  10. ergobbo

    ergobbo Membro Attivo

    Difficile essere precisi senza avere sotto mano il preventivo e il conto finale, ma andando a braccio...

    Se il preventivo non parla espressamente della sola apertura delle tracce, la chiusura è compresa, ergo nulla gli devi. Se per fare il lavoro hanno avuto bisogno di assistenza è solo un problema loro.
    Idem per il mezzo chilometro abbondante. Se hanno sottostimato i metri di traccia da scavare (e richiudere) in fase di sopralluogo, stilando un preventivo troppo basso (rimane il sospetto che lo abbiano fatto apposta per prendere il lavoro e "mazzolare" in seguito) avrebbero dovuto avvertirti in fase d'opera che la metratura reale esorbitava quella prevista, fornire una nuova stima e il nuovo prezzo.


    Questa si commenta da sola...:risata:


    Si dovrebbe sempre chiedere quanto ci costerà un'aggiunta... prova a offrire per il parallelepipedo 150 euro e guarda che faccia fa! Altrimenti temo che dovrai pagare quanto ti viene richiesto.


    Questa è più facile da contestare. Basta guardare il muro controluce e se presenta bozzetti o rigature (che non mancano mai), dire che il lavoro non è stato fatto, o quantomeno non è stato fatto a regola d'arte.
    Stuccare quattro buchi dei vecchi chiodi è una cosa, rasare gli intonaci è un'altra. Dopo la rasatura si suppone di avere una parete perfettamente liscia.


    A meno che tu non abbia richiesto l'intervento di un maestro mosaicista, il prezzo deve essere quello del preventivo.


    Non esiste. Se l'errore è loro, pagano loro.


    Beh, se montano le porte sbagliate ti è andata anche bene... se nel contratto non avete previsto penali per il ritardo, però, dubito tu possa ottenere qualcosa.


    In definitiva: chiama un tecnico di tua fiducia e fagli vedere preventivo, contratto e consuntivo, poi portalo a vedere l'appartamento per rilevare pecche nel lavoro. A quel punto dovrebbe essere più facile valutare il da farsi.

    In bocca al lupo!


    P.S.
    Ma che ditta è?
     
  11. MilenaT

    MilenaT Nuovo Iscritto

    La ditta "Quando mi conosci mi eviti"?
     
  12. bianca luce

    bianca luce Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ciao Torosan,
    anch'io mi sono imbattuta in una situazione simile alla tua e dopo essermi rivolta ad un avvocato, su consiglio di Torvn e Mtr membri del forum, ho anche richiesto ad un perito che lavora con tribunale una perizia "asseverata" dei lavori fatti. Questo è servito per saldare architetto e impresa con un prezzo equo. Ora spero solo che sia finita....Auguri
    bianca luce
     
  13. fausto c

    fausto c Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non ho una risposta da dare, quanto un problema, per certi versi, analogo. Sto facendo eseguire dei lavori di ristrutturazione in un appartamento in un'altra provincia, quindi, data la distanza, ho preferito rivolgermi ad un geometra perchè seguisse gli interventi. Lo stesso mi ha procurato l'impresa. Finora, a parte i diversi imprevisti ed i tempi biblici (lavorano su molti cantieri in contemporanea, quindi...), non mi sembra che abbiano lavorato male. Per quanto riguarda la tinteggiatura, invece, sono assolutamente indignato. Presumibilmente per fare presto all'imbianchino è stato detto di pitturare senza preparare in alcun modo i muri (neanche lì dove c'erano pezzi d'intonaco mancante) con la scusa che la finitura è rustica (Biocalce Kerakoll). A parte che ora si vedono le giunture del cartongesso, che tutto sembra pitturato con una scopa, che l'effetto è generalmente nauseante, non mi era stato spiegato che questo materiale consigliatomi dal geometra non risulta mai uniforme sulla parete, ma a pennellate evidentissime. Amici e parenti sono d'accordo con me: l'impresa ed il geometra minimizzano, quasi volendo farmi passare per pazzo o per esagerato. Domani andrò con un ingegnere a fare delle foto, dopo aver scritto una raccomandata con cui chiedo di interrompere questo scempio (che non intendo pagare). Nè il geometra, nè l'impresa mi hanno risposto, neanche alla mia richiesta di un preventivo sottoscritto per gli altri lavori a farsi, visto che per quelli già eseguiti il preventivo mi è arrivato a consuntivo. Finora mi ero fidato di questo geometra. Adesso che posso fare? A naso, come per l'amico che ha iniziato la discussione, ritengo che ci vorrà un perito. Grazie per l'attenzione.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina