1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. sisinnio

    sisinnio Membro Junior

    Proprietario di Casa
    ciao, vorrei capire se in un condominio per LEGGE e' regolare far istallare un conta scatti e far pagare la corrente della cantina privata defalcandolo dal contatore del condominio? consideriamo se la regola vale anche per il condominio che l'energia elettrica la puo' vendere solo l'enel e non certo il condominio, o la regola cambia???? grazie
     
  2. sisinnio

    sisinnio Membro Junior

    Proprietario di Casa
    ciao maidealista ho ricevuto il messaggio, il quesito che pongo e quello in evidenza sopra. ma preciso il condominio non puo' vedere corrente ad un condomino che possiede un garage??? perche'?? l'unica che puo' farlo e' l'enel. nel forun ho notato che consigliano di istallare un conta scatti, questo eventualmente quando c'e' accordo tra i condomini, ma per legge questo non si puo' fare, vale per quantificare i kwh privati o aziende quando e' unica la proprieta', ma nel nostro caso una e' il condominio l'altra e' il garage privato preciso che il signore ha utilizzato l'energia condominiale senza pagare e senza autorizzazione. noi vogliamo che lui si istalli un contatore con enel e non contascatti e' possibile per legge vietarglielo????? grazie
     
  3. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se io ho due contratti per l'en. elettrica pago più che con un contratto solo, perché le spese fisse le pago due volte. D'altra parte mettere un contatore a diffalco a valle del contatore implica dover calcolare l'importo a colui che se ne serve, e questo calcolo non è semplice. Ad ogni modo se quest'ultima è la strada scelta io farei pagare la corrente, per tener conto dei costi fissi, 0,4 euro per ogni chilowattora. Se l'utente dice che per lui è troppo, gli si consiglia l'allaccio diretto alla rete (ENEL o quello che è).
     
    A sisinnio piace questo elemento.
  4. sisinnio

    sisinnio Membro Junior

    Proprietario di Casa
    ciao, ma il caso vuole che lui deve pagare quello che ha consumato sino ad oggi,un consumo presunto di vari anni circa 35, e si faccia l'allaccio enel indipendente dal condominio, visto che noi non ci fidiamo del soggetto e sezioniamo la linea condominiale. la domanda era si puo' fare per legge?? perche' e' l'enel l'unica a vendere energia e non il condominio??? questo e' anni che preleva gratis tu le daresti fiducia???? o andiamo a far rispettare la legge??? eventualmente anche con i carabinieri????
     
  5. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il condominio può pretendere che da subito si distacchi dalla linea condominiale. Quello che vedo difficile è il pagamento dei chilowattore già consumati, dal momento che per questi c'è stata (se non erro) acquiescenza da parte del condominio.
     
  6. paolo ferraris

    paolo ferraris Nuovo Iscritto

    ...al massimo dovrà rimborsare i consumi degli ultimi 2 anni...cmq non cè vendita della corrente ad un "terzo" estraneo...al condominio...il contatore condominiale serve le parti comuni e le cantine...se ci si limita alla lampadina della luce tutto è nella norma...se uno fa' "lavoretti" o mette un congelatore in cantina per la carne incominciano a sorgere i problemi...a quel punto si mettono i conta scatti..a parte il lavoro della "lettura"...alla fine dal consumo principale si tolgono i consumi particolari e di fatto non si "vende" energia ma si ripartisce equamente quella consumata...stà di fatto che sarebbe molto meglio se tecnicamente possibile senza troppa spesa che ognuno creasse una linea elettrica a servizio del suo box piuttosto che della sua cantina direttamente collegato al suo contatore di casa...fermo restando le disposizioni in materia di sicurezza...saluti!
     
  7. sisinnio

    sisinnio Membro Junior

    Proprietario di Casa
    ciao, va bene il distacco, noi pensiamo di darli tempo sino all'istallazione da parte dell'enel del nuovo contatore. ma la domanda e' se esiste qualche delibera precedente di anni possiamo annullarla e porre le nuove regole. chi vuole la luce si allaccia con enel. grazie
     
  8. paolo ferraris

    paolo ferraris Nuovo Iscritto

    si...le leggi possono sempre essere cambiate con le relative maggioranze...non sono mica le Tavole del Signore!...ehehe
     
  9. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Regola: o tutti, nessuno escluso, attaccati al contatore condominiale, e allora la ripartizione va fatta in base ai millesimi di proprietà, oppure tutti attaccati all'ENEL.
     
  10. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se avete autorizzato il conto scatti, ad eccezione del primo anno che potrebbe variare il giorno delle letture, x gli anni seguenti si contano gli scatti segnati e si moltiplica al costo di ogni scatto segnato nel consumo del'Enel del condominio, questo io faccio nel condominio che amministro, di una scala non utilizzata da tutti, dividendo il costo x i mm. della scala:daccordo:
     
  11. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non ho fatto attenzione ai post precedenti: il condomino è anche proprietario di un appartamento nel fabbricato? In questo caso, se è tecnicamente possibile, può allacciarsi la corrente direttamente dal suo contatore domestico. Se non ha l'appartamento, può fare richiesta all'Enel per una sua fornitura (della quale, peraltro è in attesa).
    Il discorso contatore a diffalco o conta-scatti (due cose diverse ma con la stessa funzione) è valido se non fa aumentare la tariffa originaria. Mi spiego. Se il contatore condominiale ha una potenza installata di, poniamo, 3KWh ed i consumi del "diffalco" non fanno superare le quote "a disposizione" -nulla quaestio. Se invece a causa di tale ulteriore prelievo, l'Enel addebita le maggiorazioni previste per lo "sforo", almeno questo, insieme ai Kw consumati andranno a carico del "diffalco". Ed a questo punto occorre qualcuno capace di fare le debite divisioni-sottrazioni e ripartizioni. Il che, con le attuali forniture composte di scaglioni di consumi, tariffe biorarie, corrispettivi energetici e quant'altro, diventa piuttosto problematico a meno di stabilire un ulteriore "forfait" per il consumo segnato, ossia del tipo proposto da Jac0, (0,4Euro/Kwh). Per il resto, la vedo dura recuperare i consumi di 30 anni ed oltre. Al massimo gli potete addebitare gli ultimi due anni.
     
    A sisinnio piace questo elemento.
  12. sisinnio

    sisinnio Membro Junior

    Proprietario di Casa
    ciao a tutti grazie delle risposte. ma il punto come si fa ad avere fiducia in questo soggetto? per questo vogliamo il distacco totale e si paga un contatore con enel, penso propio che se le' cercata, e visto che l'abbiamo scoperto adesso basta oppure questo continua a inchiappertaci e poi se la ride, la domada se l'assemblea e' sovrana questo vale.

    Aggiunto dopo 7 minuti :

    questo non lo sappiamo se esiste autorizzazione perche' anni fa' era lui il capo condomino. il caso del conta scatti va bene per uno che fa richiesta e solo per una lampada ma questo ha anche autoclave e aspirapolvere. percio' niente a nessuno e contatore enel a loro spese per allacciare la loro propieta'.
     
  13. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Certo, l'Assemblea è sovrana e ad ognuno il proprio contatore (e relativa bolletta..)
     
    A sisinnio piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina