1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. frankdesanti

    frankdesanti Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Siamo proprietari di n:8 mini appartamenti non residenziali,facciamo a turni l'amministrazione condominiale, vi risulta che sia obbligatorio avere il conto corrente separato da quello dell'amministratore in carica?oppure e' lecito che l'amministratore di turno possa depositare le quote condominiali sul proprio conto corrente?Grazie Franco.
     
  2. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    l'obbligo è avere un amministratore, ed un codice fiscale del condominio, il conto corrente è necessario non obbligatorio ma serve per versare i contributi inerenti al condominio ed eventuale fatturazione per lavori resesi necessari:daccordo:
     
    A possessore piace questo elemento.
  3. Alfredo123456

    Alfredo123456 Ospite

    Qualcuno mi sà dire se un condominio può avere un qualunque conto, magari online a zero spese, come per i privati o serve un conto particolare tipo quelli business?
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    serve sopratutto un verbale di assemblea con delibera di accensione al conto corrente condominiale, un responsabile con delega a firma sul c.c. nr. del codice fiscale e sei a posto i costi devi sentire un istituto bancario, ci sono varie convenzioni con costi fissi per poche operazioni:
     
    A possessore piace questo elemento.
  5. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non e' assolutamente lecito, e ti spiego perché con un esempio limite: se l'amministratore "di turno" muore, tutte le somme depositate sul SUO conto corrente cadono in successione, e quindi finiscono dopo parecchio tempo agli eredi, e mai ai condomini.

    Il conto corrente deve essere intestato al CONDOMINIO e gestito da una o più persone autorizzate ad operarvi. In questo modo anche gli interessi sul conto corrente finiscono a beneficio di tutti, e non si genera il paradosso che da gennaio a marzo il conto ha 100.000 euro e gli interessi se li pappa tizio, mentre da aprile a giugno il conto a 100 euro e gli interessi notevolmente ridotti se li pappa caio.
     
    A Alessia Buschi piace questo elemento.
  6. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Avere un conto corrente intestato al condominio non è un obbligo previsto dalla legge.
    Vi sono numerose sentenze e diversi pareri autorevoli che consigliano di aprire un conto corrente intestato al condominio.
    Anch' io, nel mio piccolo, ti consiglio di aprire un conto corrente intestato al condominio, e di utilizzarlo per una gestione finanziaria più trasparente.
    Per i necessari approfondimenti su questo argomento, ti segnalo il link che segue:
    La Community AziendaCondominio • Leggi argomento - Conto corrente di condominio, conto corrente condominiale
     
    A possessore e frankdesanti piace questo messaggio.
  7. nicoz

    nicoz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    sentenza del 3/5/2000 in cui il Tribunale di Torino ha stabilito un principio molto spesso ignorato, vale a dire che ciascun condomino ha il diritto di pretendere che le somme versate vadano a finire su uno specifico conto intestato al condominio e non su quello personale dell’amministratore. Non è possibile nemmeno utilizzare un unico conto per tutti i condomini gestiti dal professionista, ogni condominio ha un proprio conto corrente. In caso contrario l’irregolarità della gestione è talmente grave da legittimare la richiesta all’Autorità giudiziaria di revoca dell’amministratore(Tribunale di Milano 29/09/1993). E’ possibile poi richiedere il rilascio della delega ad operare sul conto corrente a favore di almeno un condomino. Questo consente al condominio una maggiore tranquillità e trasparenza sull’operato dell’amministratore. La firma sul conto in questo caso è congiunta ossia a favore dell’amministratore e di un condomino.ciao ;)
     
    A frankdesanti piace questo elemento.
  8. pavlik02

    pavlik02 Nuovo Iscritto

    Salve, con le nuove regole per la tracciabilità dei pagamenti è necessario avere un conto corrente condominiale?
    Nel caso sia necessario, oltre che utile, quale è secondo voi quello più adatto?
    Meglio un c/c online o tradizionale oppure bisogna indirizzarsi verso quelli appositi per i condomini come per esempio delle poste?
    Grazie in anticipo.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina