1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. giudittan

    giudittan Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Sto per sottoscrivere la tipologia di contratto in oggetto e vorrei porvi alcuni quesiti:

    1. l'anno scorso avevo stipulato un contratto transitorio: ci sono problemi se alla scadenza sottoscrivo il 3+2 allo stesso soggetto o è preferibile intestarlo a moglie/marito ? Mi riferisco alla possibilità che in futuro un accertamento possa contestare la natura transitoria del primo contratto.
    2. è sufficiente includere la comunicazione circa la scelta di avvalermi dell'opzione cedolare secca come articolo del contratto o dev'esserci necessariamente la raccomandata all'affituario?
    3. devo pagare bollo e registro o la cedolare le sostituisce entrambe?
    4. posso depennare gli articoli relativi al bollo (qualora non si applichi) dal testo ministeriale della tipologia di contratto in essere?
    5. devo citare l'accordo territoriale di riferimento anche nel titolo del contratto o solo come articolo?
    6. se l'inquilino andasse via prima del previsto come comunico la cessazione del contratto ai fini della sospensione della cedolare?
    Grazie a tutti
    Saluti
     
  2. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Provo a partire io, magari qualcuno aggiungerà qualcosa:
    1. Io non vedo problemi. Nel transitorio avrete dovuto indicare dei motivi. Ora quei motivi possono non sussistere più. Es: transitorio per un medico per corso di specializzazione. Poi lo assumono: a quel punto gli serve un contratto lungo
    2. Basta mettere la clausola nel contratto . Io ho usato questa:

    " (Cedolare secca) Il locatore dichiara di optare, al momento della stipula del contratto, per il regime della cedolare secca ai sensi dell'art. 3, comma 11, D.Lgs. 14 marzo 2011, n. 23 rinunciando così per il periodo di durata dell'opzione a richiedere alla parte conduttrice l'aggiornamento del canone a qualsiasi titolo, compreso l'aggiornamento in base alla variazione, accertata dall'ISTAT, dell'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati verificatasi nell'anno precedente anche se prevista nel contratto sopra citato. Ai sensi della legge citata non sono dovute l’imposta di registro sul presente contratto di locazione e l’imposta di bollo all’atto della registrazione.
    In caso di revoca dell’opzione, il locatore ne darà comunicazione alla parte conduttrice tramite lettera raccomandata. In tal caso riacquisteranno validità le clausole del contratto relative alle spese per l’imposta di registro e per le imposte di bollo.
    Ai sensi della circ.26/E, 1 giugno 2011, art.8.3, del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, la presente clausola contrattuale sostituisce a tutti gli effetti la comunicazione tramite lettera raccomandata prevista dal D.Lgs. 14 marzo 2011."
    3. La risposta è nella clausola di cui sopra: non si paga nulla
    4. Per me è meglio lasciarla: se vedi nella clausola di cui sopra, se un giorno vuoi revocare l'opzione, te le trovi già scritte nel contratto
    5. Meglio citarlo nell'intestazione, così è bello evidente a tutti che si tratta di un contratto concordato
    6. Col mod.69. e senza pagare nulla

    Buon lavoro
     
    A giudittan piace questo elemento.
  3. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Credo opportuno che tu faccia un contratto assistito da un'agenzia immobiliare oppure da un'associazione di proprietari immobiliari. Tra l'altro, come fai a determinare l'affitto?
     
  4. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Non c'è problema: ci si scarica le tabelle dal sito del proprio Comune. In base alla zona in cui si trova l'edificio, ai mq, a quanti sono i parametri soddisfatti... si determina in quale fascia deve stare il canone. Poi sta alle parti definire il canone che ritengono giusto purchè stia in quella fascia
    Si fa bene anche senza assistenza
     
  5. giudittan

    giudittan Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    corretto!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina