1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. bobrock4

    bobrock4 Membro Ordinario

    Non ho capito se il contratto di affitto concordato deve essere presentato anche al Comune oltre che all'Agenzia delle Entrate.

    Il contratto modello scaricato dal sito del Comune prevede come allegato il Verbale di consegna dell'unità immobiliare dal quale io non ho ancora compreso se il contratto deve essere presentato anche al Comune.

    Un saluto e grazie sin d'ora a chi potrà rispondermi.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Quali elementi di quel verbale ti fanno ipotizzare/presumere che copia del contratto debba essere presentata al comune?

    N.B.: attenzione che quel modello contrattuale, molto probabilmente, non contiene la dichiarazione (obbligatoria) del conduttore ex art. 6, comma 3 del D. Lgs. n. 192/2005:
    "Il conduttore dichiara di aver ricevuto le informazioni e la documentazione, comprensiva dell'attestato, in ordine alla attestazione della prestazione energetica degli edifici."

    In caso di omessa dichiarazione, le parti sono soggette al pagamento, in solido e in parti uguali, della sanzione amministrativa pecuniaria da 1.000 euro a 4.000 euro (per i contratti di locazione di singole unità immobiliari). Se la durata della locazione non eccede i tre anni, essa è ridotta alla metà.
     
    Ultima modifica: 27 Agosto 2015
    A casanostra piace questo elemento.
  3. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Scusa, qual è la ratio (=logica) della distinzione tra contratti fino a tre anni e contratti oltre tre anni (questi ultimi poi sarebbero i contratti di quattro anni e basta, no?)? grazie.
     
  4. asana

    asana Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ciao, il contratto a canone concordato va presentato anche al comune entro i termini indicati, questo per tutelarti quando vorrai usufruire dell'agevolazione per l'IMU.
     
  5. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ma non è previsto! Non c'è bisogno di tutelarsi: se il Comune lo richiede, lo si presenta.
     
  6. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Secondo me la risposta dipende da cosa prevede il tuo Comune, perché Comuni diversi possono avere regole diverse.
    A Torino, per esempio, non occorre presentare copia del contratto concordato. Però bisogna inviare una specie di "dichiarazione IMU" con gli estremi dello stesso (data, n. registrazione all'AdE e decorrenza; oltre a dati del locatore, del conduttore, riferimenti catastali dell'immobile) per poter usufruire della riduzione IMU.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  7. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    A Roma non chiedono dichiarazioni ai fini IMU/TASI.
     
  8. bobrock4

    bobrock4 Membro Ordinario

    Ciao, grazie a tutti delle risposte ed informazioni utilissime che mi avete fornito.

    La rilettura del verbale di consegna di unità immobiliare mi fa pensare che abbia io interpretato male e cioè:

    "il presente verbale di consegna di unità immobiliare ad uso abitativo è parte integrante e sostaziale del contratto di locazione stipulato il_________, nel rispetto dell'Accordo territoriale del comune di Pisa depositato presso la casa comunale il_____al n._______di protocollo dell'archivio generale".

    Rileggendolo adesso ci vedo quindi la citazione dell'accordo territoriale e non la presentazione al comune.

    Che ne dite?
     
  9. bobrock4

    bobrock4 Membro Ordinario

    Nel caso del mio comune è previsto il 5% in più da applicare al canone concordato per ogni anno aggiuntivo di durata rispetto al 3+2. Quindi 4+2, 5+2, 6+2,.....
     
  10. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Dipende da cosa dice l'accordo locale definito in comune tra le parti sindacali maggiormente rappresentative intervenute. Nel mio comune, Velletri, se vuoi uno sconto IMU il contratto deve essere vistato da almeno una parte sindacale e va presentata in comune, all'ufficio tributi, una autocertificazione contenente gli estremi del contratto.
    Se non interessa lo sconto IMU non c'è neanche bisogno che intervengano i sindacati, l'importante è stipulare il contratto come locazione abitativa agevolata ai sensi dell'art. 2 comma 3 della legge n. 431 del 9/12/1988. In questo caso, in presenza di contratto in cedolare secca, l'aliquota applicabile all'imponibile della locazione è del 10% a tutto il 2017, per i successivi anni sarà del 15%.
    Attenzione che i contratti allegati a questi accordi sono talmente vecchi come forma da non prevedere alcunché riguardo la consegna della certificazione energetica ancor prima della stipula ed eventualmente l'opzione per la cedolare secca.
     
  11. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    L'IMU, per Roma, non dipende dal tipo di contratto di locazione. A Roma l'agevolazione ci fu invece per l'ICI quando per l'u.i. (che doveva essere a destinazione abitativa) si stipulava un contratto a canone agevolato (n+2).
     
  12. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ciò conferma che ogni comune è una storia a se.
     
  13. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Sì, è la storia delle autonomie comunali.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina