1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Mi risulta che l'inquilino titolare di un contratto concordato debba dichiarare di usare l'appartamento come " dimora abituale". Cosa significa? E' necessaria la residenza o basta il domicilio?
     
  2. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il locatario nel contratto dichiara che si impegna a portare la residenza nell'u.i. che prende in locazione.
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non esiste quell'obbligo. Ma per poter usufruire delle detrazioni fiscali spettanti all'inquilino per i canoni di locazione, occorre che lo stesso lo adibisca a sua abitazione principale, cioè deve essere quella in cui il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente.

    A parte le agevolazioni fiscali di cui sopra, non è necessaria la residenza. Tanto meno il domicilio.
    La "residenza" è il luogo di dimora abituale. Il "domicilio" è la sede principale dei propri affari e interessi.
     
  4. fiorello64

    fiorello64 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve,
    a me risulta che per godere delle agevolazioni fiscali non bisogna dimostrare nessuna residenza del conduttore ma solo il contratto concordato registrato. Invece, per poter godere delle aliquote agevolate IMU su seconda casa affittata con contratto concordato, il comune di Pisa (unico esempio che conosco) richiede che il nucleo familiare/conduttore sia RESIDENTE nell'appartamento.
     
  5. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    A Jac0: Basta questo per aver diritto alle agevolazioni varie e I.M.U.? E se poi l'inquilino non ottempera a quanto dichiarato chi è il proprietario è passibile di pena?
    A Nemesis: Inquilini che lavorano sul posto con contratti a termine rinnovabili possono essere considerati come persone che " dimorano abitualmente" ai fini del godimento della tassazione agevolata I.M.U.?
    A Fiorello64: Secondo te questa norma è nazionale oppure ogni comune dispone diversamente?
     
  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se dimorano abitualmente, hanno l'obbligo giuridico di dichiarare quella situazione all'Ufficiale di anagrafe, per ottenere l'iscrizione nell'anagrafe della popolazione residente di quel comune. La situazione di fatto (avervi l'effettiva dimora abituale) deve corrispondere alle registrazioni anagrafiche.
     
  7. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Insomma la mia situazione è questa: gli inquilini sono due studenti e due lavoratori saltuari. Posso fare un "contratto per studenti" ed inserire anche i due lavoratori saltuari? Temo che non sia possibile perchè i due lavoratori non possono dichiarare di "essere iscritti ad una facoltà universitaria". Posso fare un 3+2 concordato? Temo di no perchè nessuno è residente. Se così fosse, rinunciando con dispiacere alle agevolazioni I.M.U., mi restano il "contratto transitorio" per il quale sono richieste le motivazioni del locatore e dei locatari ( io non ho motivazioni) oppure, un 4+4 che nessuno delle locatarie vuole fare perchè tutte in condizioni precarie. In questo caso cosa posso fare? Se qualcuno mi può dare una mano lo ringrazio tantissimo in anteprima.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina