• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

nelly70

Membro Attivo
Buongiorno a tutti. Ho un quesito da sottoporre alla vostra attenzione nella speranza di avere dei chiarimenti.
Io e i miei due figli (di cui uno ad oggi ancora minorenne di 14 anni con disabilità al 100%) siamo comproprietari di un appartamento ereditato alla morte di mio marito, avvenuta due anni fa.
Questo appartamento era stato affittato da mio marito con regolare contratto di cedolare secca 3+2 (era stato affittato a novembre di 3 anni fa e 7 mesi dopo mio marito è venuto a mancare.
Subito dopo la sua morte, a giugno 2017 (a quella data entrambi i miei figli erano minorenni, anche la maggiore dei due che oggi ha 18 anni e mezzo) il commercialista mi ha detto che andava fatto il "subentro mortis causa" e così ho fatto; mi sono recata all'Agenzia delle Entrate e ho proceduto al subentro nel contratto di affitto. Ora pero sul modulo del subentro che mi ha rilasciato L'Agenzia delle entrate, (dalla data di morte di mio marito) risulta il subentro di tutti noi tre (io e i miei due figli che a suo tempo, due anni fa erano entrambi minorenni). La rendita dell'affitto l'ho sempre dichiarata tutta io e caricata sul mio 730 e pertanto, le tasse dovute (tutte, su tutto l'affitto) l'ho pagato io.
Ora però la mia primogenita è maggiorenne. Ho letto che i genitori hanno l'usufrutto legale dei figli minorenni e possono intestarsi l'affitto di beni cointestati a figli minori, (però vorrei essere certa di questo) e devono pagare anche le tasse sulla loro quota

Poichè a novembre scadrà il primo triennio della cedolare secca, come devo comportarmi? Posso rifare il contratto di affitto intestandolo a me sola (eventualmente anche a mia figlia maggiorenne) escludendo il figlio minore? Posso continuare a caricare sui miei redditi anche tutto il canone dell'affitto percepito (perlomeno quello del figlio minore) e pagare io tutte le tasse?

Sono molto confusa. Ho interpellato due commercialisti. Uno mi ha detto che almeno per quanto riguarda il figlio minore, io gestisco tutti i suoi beni fino alla maggiore età pagando anche le tasse per lui e caricandomi la sua quota di affitto. Il secondo ha detto che tecnicamente non sarebbe possibile. Cosa devo fare?
Certo è che mi pare assurdo che un minore possa risultare proprietario di un contratto di affitto...
Vi chiedo cortesemente di aiutarmi a capire se a novembre, alla scadenza del triennio della cedolare secca io posso compilare un RLI attribuendo a me sola il contratto di affitto oppure se devo fare altro
NB: La proprietà dell'appartamento ereditato è al 33% per ciascuno di noi.
Grazie a tutti
 

nelly70

Membro Attivo
Grazie mille. Prima della scadenza del contratto farò preparare dal commercialista un RLI e mi caricherò la quota di canone di mio figlio minorenne.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto