1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. carla50

    carla50 Membro Junior

    Buongiorno,
    vorrei affittare per due anni il mio appartamento a un cittadino straniero (comunitario) che vorrebbe stabilirvi la residenza. Esiste una formula che mi consenta di fare questo o il contratto deve essere necessariamente di quattro anni? In questo caso esiste la possibilità di annullarlo prima? E per chiedere la residenza l'inquilino deve presentare un contratto necessariamente registrato?
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Esistono i contratti transitori i quali possono essere stipulati da un minimo di un mese ad un massimo di 18 mesi e possono essere rinnovati purché permangano le esigenze transitorie;
    Vedi --> Contratto d'affitto di natura transitoria
    Per quanto riguarda la residenza per l'inqulino, non sono in grado di aiutarti
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. A meno che esista un documentato motivo che renda possibile stipulare un contratto transitorio, per la cui durata in ogni caso non si possono eccedere i 18 mesi.
    No. La residenza è una situazione di fatto. L'ufficiale di anagrafe iscrive nell'anagrafe della popolazione residente la persona che dichiara di essere residente in una determinata abitazione, dopo aver accertato che la dimora abituale corrisponde a quanto dichiarato, e indipendentemente dal titolo con cui quella persona occupa quella abitazione.
     
  4. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    In molti comuni (tra cui il mio) pretendono che il richiedente la residenza produca non solo il titolo di occupazione dell'immobile (contratto di locazione registrato ovvero dichiarazione di ospitalità del proprietario ecc..) ma anche una planimetria dell'immobile in cui vuole stabilire la residenza e la copia della denucia o della bolletta TARSU relativa all'immobile, se pagata da altri.
    Il cittadino straniero comunitario, anche se non dovesse stabilire la residenza, è comunque tenuto ad iscriversi all'anagrafe del comune dove stabilisce la sua dimora se si trattiene per un periodo superiore ai 90 giorni.
    L'eventuale contratto di locazione va assolutamente registrato, non solo ai fini fiscali ma anche per ottemperare così facendo all'obbligo di dichiarare la sua presenza all'autorità di P.S.
     
  5. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Aggiungo che per la sola iscrizione anagrafica al comune di un coittadino comunitario è utilissima questa guida:
     

    Files Allegati:

  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Un conto è l'iscrizione anagrafica. Un altro conto è la denuncia di occupazione locali ai fini della TARSU. Ai fini anagrafici il titolo con cui si occupa un'abitazione è totalmente ininfluente e la prassi di alcuni comuni di acquisire documentazione a tal fine è illegittima.
    L'iscrizione anagrafica discende (obbligatoriamente) dall'aver stabilito la residenza (dimora abituale) in una determinata abitazione. Ciò vale indipendentemente dalla cittadinanza. I cittadini di Stati appartenenti all’U.E. hanno il diritto di soggiornare nel territorio nazionale per un periodo non superiore ai tre mesi senza alcuna condizione o formalità, salvo il possesso di un documento d’identità valido per l’espatrio secondo la legislazione dello Stato di cui hanno la cittadinanza.
    Al cittadino dell'Unione che intende soggiornare in Italia per un periodo superiore a tre mesi (e solo in questo caso), si applicano la legge e il regolamento anagrafico
    Quindi l'iscrizione anagrafica è comunque richiesta trascorsi tre mesi dall'ingresso nel territorio nazionale.
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La comunicazione all'autorità di P.S. ex art. 7 del D. Lgs. n. 286/1998 è dovuta solamente nel caso di cittadini stranieri. E per effetto dell'art. 1, secondo comma di quel decreto legislativo, i cittadini degli Stati membri dell'Unione europea non sono considerati "stranieri".
    La registrazione del contratto di locazione assorbirebbe l'altro obbligo di comunicazione (valevole per tutti, cittadini italiani o no). Quello stabilito dall'art. 12 del D.L. 21 marzo 1978 n. 59.
     
  8. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Nemesis ... ti ringrazio di aver puntualizzato ma io non parlavo ovviamente della "Dichiarazione di Ospitalità" per cittadini extracomunitari, bensì della "Dichiarazione di Cessione di Fabbricato", obbligo che viene assolto con la registrazione del contratto a seguito delle modifiche introdotte con il Dlgs 23 del 14-03-2011.
     
  9. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma io non parlavo di iscrizione anagrafica, bensì di richiesta di stabilire al propria residenza in un determinato locale.
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La residenza è il luogo di dimora abituale. Dal semplice "fatto" di dimorare abitualmente in una data abitazione (cioè avervi la residenza), discende l'obbligo giuridico di dichiarare tale situazione all'Ufficiale di anagrafe del comune interessato. Ciò al fine di ottenervi l'iscrizione anagrafica. Non si presenta una richiesta per stabilire la residenza. La residenza è già stabilita dal mero fatto di dimorare abitualmente in quel luogo.
    L'Ufficiale di anagrafe deve solo accertare la verità della dichiarazione (se cioè il dichiarante effettivamente dimora abitualmente nell'abitazione). A prescindere dal titolo con cui il dichiarante occupa l'abitazione. Il dichiarante potrebbe essere anche un occupante abusivo. Ai (soli) fini anagrafici ciò è totalmente ininfluente.
     
  11. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Io ti credo e sono d'accordo con te però ti riporto quanto evidenziato sul sito del mio Comune:

    L'istanza di cambio indirizzo implica che contestualmente si svolgano le seguenti dichiarazioni:
    1.dichiarazione per l'applicazione della tassa raccolta rifiuti
    2.aggiornamento dell'indirizzo su patenti e libretti di circolazione di autoveicoli, rimorchi, motoveicoli e ciclomotori.
     
  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Infatti non v'è contraddizione con quanto avevo precedentemente affermato.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina