1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Marco Catalano

    Marco Catalano Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    A seguito di un falso contratto di comodato d'uso gratuito con quote di affitto da me sempre regolarmente pagate, vado in causa con il locatore per morosità, premetto che le firme apposte sui contratti erano regolari ma apposte nel 2009, quindi da me disconosciute perchè il locatore aveva affermato in tribunale che la mia firma risaliva a pochi mesi addietro, data in cui aveva registrato il contratto, cosa del tutto falsa, la perizia grafologica da ragione al locatore solo per la veridicità della firma che è la mia ma la perizia non può stabilire quando è stata apposta, preciso che nel 2009 ho firmato due copie di contratto e il locatore mi consegnava solo una copia cioè il contratto di comodato d'uso dicendomi che aveva la stessa valenza di quello di locazione e che era solo per una questione burocratica. ora vorrei sapere se esiste un modo per stabilire quando viene messa una firma perchè da questo si può vedere tutto l'inganno, purtroppo non ho alcuna ricevuta delle quote di affitto da me sempre versate personalmente al locatore che in quanto persona anziana mi aveva sempre pregato di non pagarlo con assegni per non avere il disturbo di andare in banca.
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Chi è causa del suo mal ...pianga se stesso.

    Tralasciando i proverbi e senza voler sembrare prevenuto non posso non "tacciarti" di opportunismo.

    Aver accettato quello che anche tu sapevi essere un contratto "a nero" ti avrà dato i suoi vantaggi.

    Ora hai perso gli ingiusti "diritti" che ti dava Legge recente ma potresti comunque dimostrare il passato con testimonianza e/o altra prova documentale.
    Se ricordo giurisprudenza avvalorava anche i "costanti" prelievi dai propri conti.
     
  3. Marco Catalano

    Marco Catalano Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Scusa forse non sono stato chiaro a quel tempo non conoscevo la differenza dei 2 contratti non sono certo opportunista di sicuro io non ci guadagnavo nulla, ammetto la mia profonda ignoranza in merito i contratti di locazione mi puoi dare dell'ingenuo non certo opportunista dato che regolarmente pagavo l'affitto. Alla domanda del giudice fatta al locatore sul motivo di questo contratto dato che non esistono rapporti di parentela di nessun tipo, il locatore risponde che gli facevo comodo perchè gli pagavo anche il condominio. questo è stato orchestrato dal locatore per avere la possibilità di cacciarmi di casa alla scadenza del suddetto contratto. anche il mio avvocato fatica non poco in una cosa che sembra assurda che una persona non capisca la differenza tra un contratto di comodato ed uno di locazione ma ti assicuro che esiste sono qua.
     
  4. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    D'accordo sulla non conoscenza di allora. Ora lo sai. Non sai però ed io con te
    quanti contratti non in regola con il fisco ci siano in Italia...Tanti o pochi che
    siano tutti dovrebbero essere onorati dal conduttore. Non è lecito usufruire
    dell'immobile senza corrispondere il canone convenuto. Se inganno c'è...riguarda il fisco e non tocca a te punire il locatore evasore. Non è chiaro il motivo della
    morosità: sembra che tu ti arroga il diritto di non pagare per l'irregolarità fiscale
    del tuo locatore...Se è così non troverai adpeti su propit...Se proprio volevi "far"
    punire il Locatore l'hai già fatto e come contribuenti onesti (???) ne avremmo
    piacere (???)...Tu però il canone lo devi onorare, salvo incapenza sopraggiunta.
    Se invece tutto nasce dalla intenzione del locatore di non rinnovarti il contratto,
    magari senza motivo accettabile, questo esula dalla mia competenza e credo anche di altri compagni. Quiproquo.
     
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Passi per la non conoscenza del vero significato di certi termini (Comodato)...ma dubito che in altri casi tu ti conceda il lusso di "comprare" senza sapere se e cosa hai firmato.

    Se poi arrivi a "discononscere" la tua firma...non fai che aumentare i sospetti.
    Quale il senso di far esaminare da un grafologo ciò che tu già ben sapevi essere stato apposto dalla tua mano...non si comprende.

    Quanto scritto da @quiproquo
    è condivisibile in linea di principio per il 1° punto...ma va in contraddizione con il 2°.

    Se è registato un "contratto di comodato" (sempre e solo gtratuito)...newsun affitto và pagato (al limite di limiti alle spese extra)...ma inevitabilmente il tuo sedicente "benefattore" utilizzerà ciò che la Legge gli consente "la revoca" dell'uso gratuto.

    Pur con il beneficio d'ignoranza iniziale...tu sei poi stato poco avveduto, "mangiata la foglia" dovevi registrare i tuoi pagamenti si da aver prova che il "comodato" fosse in realtà fasullo.

    Anche fosse restata valida la Legge che concedava al locatario denunciante un notevole vantaggio sul locatore disonesto...avresti pur dovuto continuare a pagare.

    Anche il risparmio è un guadagno...magari hai sempre corrisposto un affitto inferiore a quanto avresti dovuto pagare se con locazione regolare.
     
  6. Marco Catalano

    Marco Catalano Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Allora in primo luogo non cerco adepti da nessuna parte, 2 punto pagavo quanto richiesto e non meno, tantè che il contratto era registrato ed io lo dichiaravo all'agenzia dell'entrate, 3 punto prima di dare sentenze magari chiedete io so che il locatore ha fatto lo stesso scherzo anche all'inquilino precedente che avendolo scoperto glia ha quasi distrutto la casa, 4 punto nessuno di voi ha risposto alla vera domanda cioè si può risalire al periodo in cui è stata apposta una firma grazie.
     
  7. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Tra il comodato d'uso gratuito e la locazione la differenza è evidente....non ci vuole una laurea per capirla. Forse sul contratto il proprietario ha volutamente omesso la parola "gratuito" per trarti d'inganno....
     
  8. fiorio

    fiorio Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Come da richiesta rispondiamo allora alla domanda secca, e forse, se volevi la risposta solo a questa, questa soltanto dovevi postare, senza altro aggiungere.
    Comunque altra stranezza: il documento che porta in calce la tua firma non è datato? Nessuna data è citata nel testo del documento? Se la risposta è no, certo il documento è carente. Dunque alla tua semplice domanda "si può risalire al periodo in cui è stata apposta una firma?" così formulata, la risposta non può essere che no, se mancano altri elementi fondamentali come date, registrazioni ecc. Una firma di per sé non può essere sottoposta ad autopsia per stabilire l'ora,... non del decesso , ma dell'apposizione. Non ci vuole la scienza per capirlo.
    Per il resto, hai posto il quesito in modo molto fumoso, e non solo limitatamente a quello che tu chiami "la vera domanda". Per questo chi ti ha risposto ha richiesto precisazioni, per cercare di risponderti in modo esauriente.
     
    Ultima modifica: 2 Maggio 2016
    A Luigi Criscuolo e quiproquo piace questo messaggio.
  9. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa

    Ovvero tu "dichiaravi" cosa e dove?

    Un contratto di comodato per quanto ne sò và registrato...e come "beneficiario" non è una cosa che tu devi "dichiarare".

    Presumo che se hai un avvocato che ti ha assistito ...abbia valutato quale "valenza" possa avere una tua "improbabile/indefinibile dichiarazione".

    La "domanda secca"...non devi nemmeno porla...altrimenti mi dai effettivamente a pensare.
    L'unico sistema per poter dimostrare in quale data effettivamente avresti messo "in calce" era una contemporanea registrazione "garantita" da un pubblico ufficiale (notaio, ufficiale anagrafe etc).
     
    Ultima modifica: 2 Maggio 2016
  10. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Mi sembra di capire che il contratto di (falso) comodato sia stato registrato.
    Quindi era un contratto datato e sottoscritto dalle parti.
    Di conseguenza l'unica data alla quale far risalire la firma è quella del contratto, che ovviamente è precedente o contestuale alla data di registrazione.
    Penso non sia possibile dimostrare che la firma era stata apposta in una data diversa da quella di stipula. Se non mediante eventuali testimonianze di persone che erano presenti nel momento in cui tu hai firmato.

    Non è chiaro cosa tu "dichiaravi" all'Agenzia delle entrate.
    Portavi in detrazione dalla tua dichiarazione dei redditi (in tutto o in parte) il canone pagato? Forse si tratta di un appartamento ad uso promiscuo abitativo/studio professionale?
     
  11. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    A me pare che un contratto senza alcuna data sia talmente carente ed irregolare che non è possibile registrarlo all'Agenzia delle entrate!
     
  12. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    verba volant scripti manent.
    Dovevi pretendere di avere le copie di entrambi i contratti che non erano uguali (che non lo fossero te lo aveva detto il locatore).
    Nei contratti si mette il luogo, la data e le firme dei contraenti. Ufficiosamente quella è la data in cui sono state apposte le firme. Ufficialmente la data di apposizione delle firme si fa davanti ad un notaio o ufficiale di stato civile o ufficio postale: in questo caso vale la data messa da loro che se coincide con quella già riportata sul documento non fa che rimarcare il giorno della apposizione delle firme. Se il documento non riporta alcuna data vale la data di registrazione del documento medesimo: tu hai firmato nel 2009 ed il locatore ha registrato nel 2015 il contratto parte dalla data di registrazione. Se tu non puoi dimostrare di aver pagato l'affitto dopo la registrazione sei moroso.
     
  13. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    L'ufficiale dello stato civile non ha nessuna competenza ad attribuire data certa a un contratto di diritto privato.
    Il contratto decorre dalla data indicata nel contratto (se vi è indicata).
     
  14. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Forse nella fretta non hai ben letto e hai scritto una contraddizione in termini.

    @Marco Catalano non ha ancora ben spiegato i motivi della contesa difronte al Giudice.:

    1-se aveva firmato un "contratto di comodato" e il proprietario lo registrra nel 2015 come tale...nessun affitto gli poteva e potrà essere richiesto...ma vieppiù di far sgombrare i locali su semplice richiesta.

    2-se aveva firmato un "foglio" in cui nulla fosse stato specificato... e il proprietario lo abbia presentato, sempre nel 2015, ma "trasformandolo" in contratto di locazione...allora @Marco Catalano deve pagare l'affitto incluso tutto il pregresso di cui non possa dimostrare ricevuta a partire dal 2015.
     
  15. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    volevo dire l'ufficio del comune dove si autenticano le firme
     
  16. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    il postante ha scritto:
    quindi io ho capito che il proprietario ha redatto due contratti uno di comodato d'uso che ha dato a @Marco Catalano ed uno di affitto che, debitamente firmato dal nostro postante, si è tenuto lui.
     
  17. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    V'è stato un uso disinvolto e "volgare" dei termini...ma un "ufficiale d'anagrafe" può ben dare "valore" ad una copia di un contratto fra privati.
    Inevitabilmnete il timbro dello stesso dimostrerà la quantomeno l'esistenza del documento dalla data della "replica".

    La questione è comunque capire i motivi per i quali l' OP è stato citato in Tribunale.

    Da un contratto di comodato non puoi pretendere il pagamemto di affitti.
     
  18. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Qualsiasi funzionario comunale non ha competenza ad autenticare le sottoscrizioni o ad apporre data certa a scritture private di contenuto negoziale. Salvo il segretario comunale, che può rogare, su richiesta dell’ente, i contratti nei quali l’ente è parte e autenticare scritture private e atti unilaterali nell’interesse dell’ente.
     
  19. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non ne ha nessuna competenza.
     
  20. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    La lingua non permete dubbi interpretativi:
    dire 2 copie di contratto significa 2 esemplari identici.
    Fosse stato 1 contratto di comodato conseganto a Marco) e un contratto di locazione sarebbero 2 contratti diversi e non 2 "copie".
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina