• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Betelge

Membro Junior
Professionista
Premetto che ci son già state altre discussioni nel forum in merito all'argomento.
Da quello che capisco, con la attuale normativa non è possibile introdurre tale divieto in un regolamento di condominio e neppure in un atto di vendita.
Ho dubbi però che il divieto di animali sia clausola vessatoria o meno in un contratto di locazione abitativa.
 

Betelge

Membro Junior
Professionista
trovato... mi rospondo da solo :sorrisone:

"Domanda: "Nel contratto di locazione è possibile vietare l'introduzione di animali in appartamento?"


Risposta: "L'ordinamento italiano, all'articolo 1138 del codice civile, si occupa esclusivamente della presenza di animali domestici in condominio, sancendo che "le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici". In merito alla possibilità di impedire l'accesso degli animali in un appartamento concesso in locazione, invece, non si dice nulla.


Sul punto ci sono due orientamenti che si scontrano.


Da un lato c'è chi ritiene che l'impossibilità di vietare la detenzione di animali domestici valga anche per il contratto di locazione, in virtù dell'ottica costituzionalmente rilevante che la ispira, che è quella solidaristica di offrire protezione all'animale, alla quale si affianca l'essenzialità del diritto all'animale d'affezione. Da un simile ragionamento discende la nullità dell'eventuale clausola proibitiva."


Dall'altro lato c'è l'orientamento prevalente e da ritenersi maggiormente condivisibile, che nega che il divieto fissato dal codice civile per i regolamenti di condominio valga in qualche modo anche per i contratti di locazione.

Questi ultimi, infatti, sono manifestazione della libera determinazione delle parti che li stipulano (con le uniche limitazioni espressamente enunciate dalla legge), con la conseguenza che se il locatore subordina la concessione in locazione
Da un lato c'è chi ritiene che l'impossibilità di vietare la detenzione di animali domestici valga anche per il contratto di locazione, in virtù dell'ottica costituzionalmente rilevante che la ispira, che è quella solidaristica di offrire protezione all'animale, alla quale si affianca l'essenzialità del diritto all'animale d'affezione. Da un simile ragionamento discende la nullità dell'eventuale clausola proibitiva."


Dall'altro lato c'è l'orientamento prevalente e da ritenersi maggiormente condivisibile, che nega che il divieto fissato dal codice civile per i regolamenti di condominio valga in qualche modo anche per i contratti di locazione.


Questi ultimi, infatti, sono manifestazione della libera determinazione delle parti che li stipulano (con le uniche limitazioni espressamente enunciate dalla legge), con la conseguenza che se il locatore subordina la concessione in locazione del proprio appartamento all'assenza di animali da compagnia e il conduttore accetta tale condizione, la formalizzazione in contratto di questo incontro di volontà deve ritenersi perfettamente valida e produttiva di effetti".

del proprio appartamento all'assenza di animali da compagnia e il conduttore accetta tale condizione, la formalizzazione in contratto di questo incontro di volontà deve ritenersi perfettamente valida e produttiva di effetti".
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Nessuno può farti sentire inferiore senza il tuo consenso.
rpi
Buonasera, un fondo parte magazzino e parte garage è stato adibito ad abitazione, tramite CILA, avendo denunciato l'abuso al comune, questo ci ha dato ragione mantenendo le originarie categorie C/6 e C/2. Nonostante ciò il proprietario lo ha affittato ad una famiglia. A chi dobbiamo rivolgerci, Vigili urbani o denunciare il proprietario alla Magistratura?. Grazie, cordiali saluti.
Alto