1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. antonella de paolis

    antonella de paolis Nuovo Iscritto

    Locatore e conduttore si accordano per la diminuzione del canone di locazione poichè l'alloggio necessita di rilevanti lavori interni di aggiornamento che il conduttore si accolla in cambio di una riduzione del canone. E' necessario stipulare un nuovo contratto da registrare? Bisogna fare la cessazione di quello precedente? Spero che qualcuno mi possa illuminare. Vi ringrazio
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Agenzia delle Entrate - Risoluzione del 28 Giugno 2010 n. 60 - Non vi è l'obbligo di comunicazione all'Amministrazione finanziaria dell'accordo tra il locatore e il conduttore per la riduzione del canone di locazione di un contratto in corso.
    L'Agenzia delle Entrate chiarisce che l'accordo intervenuto tra conduttore e locatore, di riduzione del canone di affitto, non comporta il versamento di ulteriore imposta o la fine del vecchio patto, di conseguenza il nuovo accordo non deve essere registrato in termine fisso perché non rientra nelle fattispecie contemplate dall’articolo 17 del TUR in quanto non concretizza una ipotesi di cessione, risoluzione o proroga dell’originario contratto di locazione, né nella previsione dettata dall’articolo 19 che impone di assoggettare a registrazione qualsiasi evento successivo alla registrazione che dia luogo ad una ulteriore liquidazione dell’imposta.

    Deve, quindi, ritenersi che, fatta salva l’ipotesi in cui il predetto accordo di riduzione del canone venga formalizzato nella forma dell’atto pubblico o della scrittura privata autenticata, non sussista in capo ai contraenti l’obbligo di comunicare all’Amministrazione finanziaria la modifica contrattuale intervenuta.

    Tuttavia, il perfezionamento dell’accordo di riduzione del canone può determinare, di fatto, la diminuzione della base imponibile ai fini dell’imposta di registro (come pure ai fini delle imposte dirette), e conseguentemente, la corresponsione di una minore imposta. Pertanto, può rispondere ad esigenze probatorie la necessità di attribuire all’atto di modifica contrattuale la data certa di fronte ai terzi.

    Tra i mezzi che il nostro ordinamento riconosce come idonei a conferire la certezza della data ad un atto vi è la registrazione, che, ai sensi dell’articolo 18 del TUR, attesta l’esistenza degli atti ed attribuisce agli stessi data certa di fronte ai terzi a norma dell’articolo 2704 del codice civile.
    In occasione della registrazione, occorrerà naturalmente fare riferimento al contratto originario e ai relativi estremi di registrazione.
    In questo caso, l’imposta di registro da pagare è pari a 67 euro in misura fissa.
    1 FILE ALLEGATO
    · Risoluzione del 28/06/2010 n. 60
    · Da : La riduzione del canone di affitto non comporta una nuova registrazione - FISCOeTASSE.com
    :daccordo:
    +
    http://www.agenziaentrate.gov.it/wp...&CACHEID=9497c280430a0f6f92de9eacd195d741
     
    A Marco Costa piace questo elemento.
  3. antonella de paolis

    antonella de paolis Nuovo Iscritto

    Grazie per la risposta che soddisfa in pieno la mia richiesta, un ulteriore tassello al dovere di essere sempre informati.
     
  4. Marco Costa

    Marco Costa Membro dello Staff

    ciao,
    maidealista e' stato come sempre molto preciso e tecnico ... io vorrei aggiungere
    generalmente e' buona norma avere della corrispondenza con data certa che in qualche modo giusifichi/certifichi questi accordi
    Ho avuto problemi con l'AdE per un contrato nuovo con dichiarazione di riduzione canone per i primi mesi in cambio dei lavori che il Conduttore avrebbe eseguito. L'AdE asseri' che i lavori davano un incremento di valore al locale e che quindi dovevo pagarci sopra cmq l'1% di tasse e non calcolarle sul canone scontato.

    Non so se tu hai lo stesso problema di calcolo , se cosi' fosse ... nelle corrispondenze che ti consigliavo non citare mai che lo sconto e' in contropartita lavori , ma piu' semplicemente/vagamente per contingenti motivi di crisi economica

    cordiali saluti Marco ;)
     
  5. antonella de paolis

    antonella de paolis Nuovo Iscritto

    Infatti farò così. Grazie
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina