1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    PROMEMORIA FISCALE: CONTRIBUTI SSN NON PIÙ DEDUCIBILI
    Quest’anno, nella tua dichiarazione dei redditi, l’importo pagato al Servizio Sanitario Nazionale applicata alle polizze non sarà più deducibile. Ecco i dettagli normativi
    La legge 124/2013 ha convertito un decreto dell’agosto di quell’anno “recante disposizioni urgenti in materia di IMU, di altra fiscalità immobiliare, di sostegno alle politiche abitative e di finanza locale, nonché di cassa integrazione guadagni e di trattamenti pensionistici” e che comprendeva una novità importante per le dichiarazioni dei redditi dei cittadini, i cui effetti si faranno sentire quest’anno.

    Come saprai, una quota del premio che hai pagato per la polizza è costituito da un contributo al Servizio Sanitario Nazionale: a partire da quest’anno, per effetto della legge ricordata qui sopra, tale quota non è più deducibile, come riportato dal comma 2bis dell’art. 12:

    2-bis. A decorrere dal periodo d'imposta in corso alla data del 31 dicembre 2014, il contributo previsto nell'articolo 334 del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, è indeducibile ai fini delle imposte sui redditi e dell'imposta regionale sulle attività produttive. A decorrere dal medesimo periodo d'imposta cessa l'applicazione delle disposizioni del comma 76 dell'articolo 4 della legge 28 giugno 2012, n. 92.
     
  2. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    invece che cercare di spendere meno, trovano tutti i sistemi perchè si paghi sempre di più, che bravi!
     
  3. GianfrancoElly

    GianfrancoElly Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La frase "A decorrere dal periodo d'imposta in corso alla data del 31 dicembre 2014, il contributo previsto nell'articolo 334 del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, è indeducibile ai fini delle imposte sui redditi " è sibillina: sembrerebbe che per i redditi del 2014 si possano dedurre i contributi SSN
     
  4. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Già nel periodo d'imposta 2013 si poteva detrarre solo la parte eccedente i 40€. Ora mi aspetto una franchigia più alta per le spese mediche.
     
  5. Plutonia

    Plutonia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Come dice Casanostra già per l'anno 2013 si poteva detrarre solo la quota eccedente ( a me pare i 30 euro). Quindi vista la media delle assicurazioni auto di cilindrata normale 1200-1400, la quota non era deducibile e si conseguenza nulla è cambiato.
    In compenso aumenta la deducibilità dei contributi alle Onlus al 24%. Ovviamente per chi ha pensato un po' anche agli altri:affermazione:
     
  6. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Confermo franchigia 40€, pag. 50 istruzioni unico 2014, la deducibilità al 24% per le somme versate a favore delle ONLUS è anch'essa operativa dal 2013.
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. Negli anni 2012 e 2013 la quota indeducibile (non "indetraibile") era di 40 euro (ex art. 4, comma 76 della legge n. 92/2012).
    Il comma 1.1 dell'art. 15 del TUIR, introdotto dall'art. 15, comma 3 della legge n. 96/2012, come modificato dall'art. 1, comma 137, lettera a) della legge n. 190/2014 prevede:
    "Dall'imposta lorda si detrae un importo pari al 24 per cento, per l'anno 2013, e al 26 per cento, a decorrere dall'anno 2014, per le erogazioni liberali in denaro, per importo non superiore a 30.000 euro annui (*), a favore delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), delle iniziative umanitarie, religiose o laiche, gestite da fondazioni, associazioni, comitati ed enti individuati con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, nei Paesi non appartenenti all'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). La detrazione è consentita a
    condizione che il versamento di tali erogazioni sia eseguito tramite banca o ufficio postale ovvero mediante gli altri sistemi di pagamento previsti dall'articolo 23 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e secondo ulteriori modalità idonee a consentire all'Amministrazione finanziaria lo svolgimento di efficaci controlli,
    che possono essere stabilite con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze da emanare ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400
    ."
    (*) a decorrere dal periodo di imposta 2015, ex comma 138 dell'art. 1 della citata legge n. 190/2014. Per il periodo d'imposta 2014 la detrazione spetta per importo fino a 2.065 euro annui.
    P.S.: le erogazioni liberali per i non imprenditori sono "detraibili" (non "deducibili").
    Sono invece oneri deducibili dal reddito d'impresa (quindi, per gli imprenditori individuali, società di persone, società di capitali, enti commerciali, ecc.), ex art. 100, comma 2, lett. h) del TUIR. Questi soggetti possono dedurre dal reddito di impresa del 2014 un importo non superiore a 2.065,83 euro o al 2% del reddito di impresa dichiarato. Per il 2015, l'importo è non superiore a 30.000 euro o al 2% del reddito di impresa dichiarato.
     
    Ultima modifica: 2 Marzo 2015
  8. Plutonia

    Plutonia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie nemesis per e delucidazioni e precisazioni anche dal punto di vista "linguistico", ma per i pensionati il significato non cambia molto " è sempre qualcosa in meno"
     
  9. caterina58

    caterina58 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    scusate l'intromissione, le spese per l'acquisto di una sola lente correttiva è detraibile? o è necessario che la spesa comprenda montatura e lenti?
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ma quel qualcosa in meno può essere ben diverso nei due casi. La detrazione si traduce in un risparmio dell'IRPEF del 19%. La deduzione (dal reddito complessivo, con l'aliquota IRPEF progressiva che parte dal 23%) si traduce in un risparmio d'imposta che può essere ben maggiore.
    Una spesa di 100 euro, nel caso di detrazione, consente un risparmio fisso dell'IRPEF di 19 euro.
    Se la spesa è invece deducibile, il risparmio sarebbe di 23 euro (se il reddito complessivo non supera 15.000 euro). Il risparmio d'imposta salirebbe ulteriormente, per i redditi che superano i 15.000 euro, fino a un massimo di 43 euro.
     
  11. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sì.
    Non è necessario.
     
  12. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Salve Nemesis, un chiarimento. Nelle istruzioni di unico 2015 viene riportato che il contribuente può scegliere, per le donazioni alle ONLUS, se portare in deduzione entro il limite del 10% del reddito imponibile (compreso il reddito degli immobili assoggettati alla cedolare secca) l'importo e comunque non oltre i 70000€ o detrarre dall'IRPEF il 26% di quanto donato nel limite di 2065,83€, non mi sembra di aver letto che la scelta sia condizionata dall'essere imprenditore o meno.
    Grazie.
     
  13. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sì, hai ragione. La detrazione è alternativa alla deduzione (e fa anche rima) :)
     
  14. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Occhio però che detrazione e deduzione non sono alternative in tutti i casi. La detrazione per esempio è possibile per tutte le Onlus, la deduzione solo per (cito dall'UNICO 2015, ma è così già da alcuni anni) le

    "- organizzazioni non lucrative di utilità sociale (di cui all’articolo 10, commi 1, 8 e 9 del D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460);"

    Sostanzialmente dipende dal tipo di contabilità della ONLUS. Di solito nei loro volantini, nei loro siti web, nelle ricevute che rilasciano c'è scritto se la donazione è solo detraibile o se può anche essere deducibile
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  15. caterina58

    caterina58 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    preciso che la lente è di un occhiale da vista, non è una lente a contatto.
     
  16. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Anche le lenti a contatto ( anche quelle usa e getta) ed il collirio sono detraibili.
     
  17. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Infatti la norma applicabile è l'art. 14 del D.L. n. 35/2005, il cui comma 2 prevede che:
    "Costituisce in ogni caso presupposto per l'applicazione delle disposizioni di cui al comma 1 la tenuta, da parte del soggetto che riceve le erogazioni, di scritture contabili atte a rappresentare con completezza e analiticità le operazioni poste in essere nel periodo di gestione, nonché la redazione, entro quattro mesi dalla chiusura dell'esercizio, di un apposito documento che rappresenti adeguatamente la situazione patrimoniale, economica e finanziaria."
    Quindi vi sono dei vincoli di dichiarazione e contabilizzazione da parte di chi riceve la donazione.
    Resta però ferma la facoltà di applicare le disposizioni di cui all'articolo 100, comma 2, del TUIR.
    Quindi, le imprese possono dedurre le erogazioni liberali in denaro a favore delle ONLUS nonché le iniziative umanitarie, religiose o laiche, gestite da fondazioni, associazioni, comitati ed enti individuati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri ai sensi dell'articolo 15, comma 1, lettera i-bis), nei Paesi non appartenenti all'OCSE per importo non superiore a 30.000 euro (2.065,83 euro fino al 31/12/2014) o al 2% del reddito d'impresa dichiarato, senza i vincoli di dichiarazione e contabilizzazione di cui sopra.
     
  18. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    In pratica si può optare per la deducibilità (per le persone fisiche) se la Onlus tiene la contabilità in partita doppia e se rendiconta tutto, ma proprio tutto, in modo dettagliato. Questo lo sa solo la Onlus, per questo prima di compilare l'Unico bisogna verificare a che tipo di Onlus si è fatta la donazione.
    Forse non tutti sanno che se la Onlus è inadempiente anche il donante rischia. Trascrivo dalla Guida dell'AdE:

    "L’inadempimento dei suddetti presupposti comporta la perdita del beneficio della deduzione fiscale per il donante.
    Pertanto, qualora nella dichiarazione dei redditi del soggetto erogatore delle liberalità siano esposte indebite deduzioni dall’imponibile, operate in violazione dei presupposti di deducibilità sopra evidenziati, si applica la sanzione dal 200% al 400% della maggiore imposta o della differenza del credito (corrispondente alla sanzione ordinaria maggiorata del 200%).
    La maggiorazione del 200% non si applica in caso di mancato rispetto degli obblighi contabili.
    Nel caso in cui la deduzione risulti indebita per l’insussistenza dei caratteri solidaristici e sociali dichiarati in comunicazioni rivolte al pubblico o rappresentati a chi effettua l’erogazione, l’ente beneficiario ed i suoi amministratori sono obbligati in solido con coloro che hanno donato per le maggiori imposte accertate e per le sanzioni applicate."
     
  19. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Infatti, come prevedono i commi 4 e 5 dell'art. 14 del D.L. n. 35/2005 che avevo citato.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina