• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Bangia

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Il giudice ha convalidato lo sfratto per morosità: il termine per rilascio dell'immobile è previsto il 20 febbraio. Conduttore dovrebbe finalmente andarsene in quella data.
Il contratto è 4+4 a canone libero e l'imposta di registro va pagata il 15 gennaio di ogni anno.
In questo caso la tassa va versata comunque? Oppure si aspetta di riprendere possesso dell'appartamento e si paga la tassa di risoluzione di 67€? Sento pareri contrastanti in proposito.
 

Excalibur

Membro Attivo
Proprietario Casa
Per chiudere il contratto dovrebbe bastarti la convalida dello sfratto. Almeno così dicono. L'agenzia delle entrate di Roma da noi ha voluto il verbale dell'ufficiale giudiziario. E non ci sono stati santi.
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
Il giudice ha convalidato lo sfratto per morosità
La data di risoluzione del contratto di locazione coincide con quella in cui il Giudice ha convalidato lo sfratto.
Non rileva il termine fissato per il rilascio, e neppure la data effettiva in cui esso avverrà (che può essere successiva, nel caso l'ex conduttore non adempia spontaneamente e lo sfratto venga eseguito nei mesi seguenti dall'ufficiale giudiziario).

Entro 30 giorni dalla data di risoluzione (che appunto coincide con la convalida del Giudice) occorre comunicarla all'Agenzia delle Entrate col mod. RLI e versare l'imposta di 67 euro.
L'imposta non è dovuta se è stata esercitata l'opzione per la cedolare secca.
 

Excalibur

Membro Attivo
Proprietario Casa
Mi pare strano che a voi l'abbiano chiesto!
Anche a me è parso strano: ma tant'è. Ci sono andata di persona quindi non posso pensare a un'incomprensione di un delegato. La mia modesta impressione è che facciano quel che vogliono. Tanto se incontri qualcuno non versato allo sportello, le chiavi del cancello le ha lui/lei e non tu.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

Paolo Maria Capasso

Membro Junior
Professionista
Per chiudere il contratto dovrebbe bastarti la convalida dello sfratto. Almeno così dicono. L'agenzia delle entrate di Roma da noi ha voluto il verbale dell'ufficiale giudiziario. E non ci sono stati santi.
È corretto, l’ordinanza di convalida di sfratto vale come provvedimento giudiziale dichiarativo della risoluzione del contratto. E l’agenzia entrate dovrebbe starsene di questo. Tuttavia, è vero, non c’è uniformità di trattamento sul territorio italiano. Roma chiede il verbale di rilascio dell’ufficiale giudiziario ma anche in altre agenzie locali (Ad esempio, Cremona) si comportano allo stesso modo. Il che è evidentemente illlogico, se solo si pensa che alla convalida dello sfratto potrebbe non seguire l’esecuzione forzosa per il rilascio.
 

Elisabetta48

Membro Senior
è sufficiente la convalida dello sfratto.
Non capisco: il contratto può anche essere chiuso online senza dover giustificare niente, perchè si deve portare le convalida dello sfratto o il verbale dell'ufficiale giudiziario? Io avevo portato la documentazione solo al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi per dimostrare il diritto a non pagare tasse sul reddito non percepito.
L'unica cosa cui, certo, si deve fare attenzione sono i 30 giorni utili per fare la chiusura del contratto. A parer mio, così mi ero regolata, i 30 giorni vanno contati dalla data della sentenza.
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
il contratto può anche essere chiuso online senza dover giustificare niente,
Sì, è corretto.
Anch'io opero tramite Fisconline e non allego niente al mod. RLI telematico.
Ma in caso di controllo da parte dell'Agenzia delle Entrate è necessario esibire, se si tratta di risoluzione a seguito sfratto per morosità, la convalida del Giudice.

@Excalibur è andata di persona l''Agenzia delle Entrate di Roma (post n. #6) e le hanno chiesto il verbale dell'Ufficiale Giudiziario.

A Torino avrebbero chiesto solo la convalida dello sfratto.
Questo mi pare logico: se l'inquilino rilascia l'appartamento spontaneamente, l'u.g. non interviene e il verbale di rilascio viene redatto dal proprietario e firmato dalle parti.
A volte non si può sottoscrivere nessun verbale: l'inquilino se ne va senza avvisare, abbandonando le chiavi sotto lo zerbino o nella cassetta della posta aperta!

I 30 giorni si contano a partire dalla data di convalida, che corrisponde alla data di risoluzione.
Se ricordo bene, il mio avvocato mi aveva spiegato che non si tratta di una sentenza, ma di un'ordinanza. Comunque dal punto di vista pratico non cambia: la data di risoluzione è quella.
 

Excalibur

Membro Attivo
Proprietario Casa
Tuttavia, è vero, non c’è uniformità di trattamento sul territorio italiano. Roma chiede il verbale di rilascio dell’ufficiale giudiziario ma anche in altre agenzie locali (Ad esempio, Cremona) si comportano allo stesso modo. Il che è evidentemente illlogico, se solo si pensa che alla convalida dello sfratto potrebbe non seguire l’esecuzione forzosa per il rilascio.
C'è una qualche spiegazione a questa difformità di comportamenti?
 

RickRB

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Nello sfratto che ho fatto nel 2017, l'avvocato (UPPI) per chiudere tutto ha aspettato l'uscita definitiva dell'inquilino e conseguente riconsegna chiavi a Novembre dopo che lo sfratto era stato convalidato a Luglio.
 

Bangia

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Grazie delle risposte. In ogni caso, da quello che ho capito, l'imposta annuale di rinnovo del contratto non va pagata, è corretto? Il punto è capire quando pagare l'imposta di risoluzione del contratto: questa settimana o alla data di rilascio dell'immobile. Ho frainteso? Preciso che in questo caso l'ufficio competente è La Spezia, devo chiedere al commercialista le "usanze locali".
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
quando pagare l'imposta di risoluzione del contratto:
Confermo la risposta di cui al mio post n. # 4, ossia:

1) L'imposta di registro annuale non va pagata.

2) L'imposta di risoluzione deve essere pagata (nel caso tu non abbia optato per la cedolare secca) entro 30 giorni dalla data di risoluzione del contratto.
La data di risoluzione del contratto è quella in cui il Giudice ha convalidato lo sfratto.

Nei post precedenti non hai scritto se il tuo avvocato ti ha già dato copia della convalida e quale sia la data di questa convalida.
 

Bangia

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Lo sfratto è stato convalidato il 13/12, ho la copia della sentenza. Dato che la scadenza di 30 giorni è imminente, devo sbrigarmi a pagare per evitare sanzioni. Il contratto è, anzi era, a canone libero.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Disapprovo ciò che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo.
Buonasera. Avrei una domanda. Sono nuda proprietaria di una casa di cui mia madre detiene l'usufrutto ma che mia madre non utilizza in quanto é in campagna. É rimasta vuota x dieci anni ed ora che mi sono separata ho portato la residenza. É ugualmente dovuto l'IMU che in questi anni ha pagato mia madre visto che non ha ricevuto bollettino come gli altri anni?
Alto