1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gconti

    gconti Nuovo Iscritto

    Ciao a tutti,
    sono nuovo del forum ed ho letto qualche post di chi ha problematiche simili alla mia, ma ho un caso particolare e preferirei trattarlo separatamente, scusatemi se sarò un po lungo.
    Nel giugno 2009 ho rogitato un piccolo bilocale acquistato in edilizia convenzionata, usufruendo di tutte le agevolazioni per la prima casa, l'immobile ha un valore di 120000 euro ed ho stipulato un mutuo per 70000. L'appartamento è in provincia di Lecco.
    Essendo in edilizia convenzionata ho dovuto sottostare a determinate condizioni legate al reddito e all'impegno nel prendere la residenza.
    Nel 2008 però mi ero già trasferito per lavoro nelle Marche (firmai il contratto nel 2006 ed i lavori andarono un po a rilento), ma presi comunque la residenza, mantenedo uno status di "domicilio temporaneo" nell'appartamento in cui sono in affitto.
    Dal 2009 convivo e abbiamo avuto una bimba, che ormai ha quasi 2 anni, ho trasferito la residenza e nell'appartamento a Lecco ho un inquilino (con regolare contratto). Di fatto dal punto di vista fiscale viene considerata già una seconda casa: l'IMU è calcolato come seconda e non ho più le agevolazioni sulla detrazione degli interessi.
    Ora vorrei acquistare un appartamento per viverci con la mia famiglia, ma vorrei poter usufruire di nuovo delle agevolazioni sulla prima casa, come di fatto è.

    La normativa indica questo

    1) di non essere titolare esclusivo (proprietario al 100%) o in comunione con il coniuge (la comproprietà con un soggetto diverso dal coniuge non è ostativa) di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di un'altra casa di abitazione nel territorio del Comune dove sorge l'immobile oggetto dell'acquisto agevolato;
    2) di non essere titolare, neppure per quote o in comunione legale con il coniuge, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà o nuda proprietà, usufrutto, uso e abitazione su altra casa di abitazione acquistata, anche dal coniuge, usufruendo delle agevolazioni fiscali prima casa.
    3) di impegnarsi a stabilire la residenza, entro 18 mesi dall'acquisto, nel territorio del Comune dove è situato l'immobile da acquistare, qualora già non vi risieda.

    Per il punto 1 e il punto 3 non ho problemi.
    Il punto 2 non mi è chiaro se è riferito solo al coniuge. Voglio dire se cedo una quota ad un mio genitore e acquisto la casa entro un anno?
    Inoltre vorrei un parere sul discorso convenzione con il comune, visto che già sono caduti i presupposti. Il Comune è ovviamente a conoscenza della situazione visto che il contratto di affitto è stato regolarmente registrato e l'inquilina ha preso la residenza.

    Grazie e saluti

    Gabriele
     
  2. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Tu non soddisferai mai la condizione di cui sopra, fintantoché hai un miliardesimo di proprietà su una abitazione in qualunque punto del territorio NAZIONALE. Quindi avrai sempre la seconda casa.
    Per avere di nuovo le agevolazioni dovrai NON AVERE NEANCHE UNA CASA, fare il rogito, e poi ti riprendi le case.
    Si potrebbe ad esempio fare una donazione a tua moglie, tu resti senza immobili, e a quel punto tu solo puoi fruire dell'agevolazione prima casa. Non esistono scappatoie.
     
  3. celefini

    celefini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Avendo rogitato nel 2009, hai usufruito delle agevolazioni prima casa. Ti trovi ancora nei 5 anni previsti dalle normative, per mantenere tali benefici. Se invece vuoi trasformare la tua prima casa , in seconda, l'ho fatto pure io due anni fa, non devi far altro che andare all'Agenzia delle Entrate, e dichiarare che quell'immobile non è per te più prima casa. L'Agenzia ti farà pagare la differenza delle imposte, con relativi interessi e sanzioni ridotte, in questo modo non avrai più una prima casa, e sarai libero di acquistarne una nuova prima casa nel comune dove attualmente risiedi.
     
    A Jrogin piace questo elemento.
  4. erwan

    erwan Membro Attivo

    non è così!
    il requisito è di non avere altri immobili nel comune in cui si vuole acquistare: nel resto d'Italia è possibile restare proprietari anche di un miliardo di abitazioni, purche per nessuna di esse sia già stato chiesto lo sconto in questione;
    in tal caso per usufruirne ancora sarà obbligato a rivenderlo, riacquistando entro un anno con le agavolazioni.
     
    A Jrogin, possessore, celefini e 1 altro utente piace questo messaggio.
  5. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Concordo con il post n°4 di erwan :daccordo:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina