1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. aurosat

    aurosat Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Palazzo con dieci scale con ben 156 appartamenti al centro di Roma, zona Testaccio. Cortile condominiale ghiaiato e con palme, utilizzato ai lati per parcheggio motorini e moto (circa 60 mezzi). Dopo vari tentativi di non autorizzare detto spazio per il suddetto parcheggio (motivazione principale "la salvaguardia del decoro" dello stabile (...che ha quasi 90 anni, e che necessiterebbe davvero di una manutenzione delle facciate interne...), ed altrettanti tentativi andati anch'essi a vuoto per imporre un canone d'affitto degli spazi (comunque accessibili ai soli condomini), avendo il condominio oggettive necessità di avere fondi economici a disposizione per dar luogo ad una serie di spese per la messa in sicurezza dello stabile e per altre migliorie (necessarie per la succitata vetustà del caseggiato), tra le varie iniziative da attivare a breve (vedi aumento dei canoni di affitto di proprietà comuni, come la "casa del portiere", magazzini uso soffitta, vendita di spazi pubblicitari esterni), si è pensato di riportare in discussione il "canone parcheggio motorini". Poichè personalmente ritengo che questa ultima ipotesi sia ancora molto accidentata, mi sono permesso di mettere in discussione una nuova proposta, formalmente diversa dalle (sfortunate) precedenti: anzichè istituire "un canone di locazione", che ha troppo implicanze anche amministrative, ho ipotizzato un "contributo suppletivo" (non superiore ai 15 euro mensili) a carico dei proprietari delle moto e biciclette, per la migliore manutenzione del giardino, poichè in qualche modo la sosta dei mezzi altera il posizionamento della ghiaia, nonchè il drenaggio, nonchè impone diverse più complesse procedure per l'innaffiamento delle siepi, degli alberelli e delle palme. In altre parole, pur essendo parti comuni a disposizione di tutti, non è che chi non ha la moto alteri o movimenti la ghiaia, mentre chi ha le moto sì. Io credo che così impostata la norma non abbia particolari vincoli procedurali per la sua approvazione in assemblea, e non dovrebbero esserci ricorsi (come un tempo ci sono stati, peraltro vinti in sede giudiziale) da parte di chi si è rifiutato a priori di non parcheggiare la propria moto e di pagare eventuali "tasse di parcheggio". Ultimissima cosa: il regolamento condominiale, che, in ultima stesura risale al 1936, fa divieto d'accesso al giardino da parte di non meglio definiti mezzi di locomozione: viste le iniziative del Comune di Roma per favorire la realizzazione di parcheggi privati negli stabili, credo che tale disposizione (fatta eccezione per le macchine o veicoli a quattroruote) dovrebbe essere di fatto superata. Per concludere: è praticabile la mia ipotesi?
    Aurosat
     
  2. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Dal tuo lunghissimo post sono riuscito a capire che moltissimi condòmini parcheggiano le loro moto e biciclette nelle aree comuni da molto tempo, e non hanno mai accettato alcuna limitazione d' uso, nè contributi finanziari a loro carico.

    In queste condizioni, e tenuto conto che il vostro regolamento fa divieto d'accesso al giardino da parte di non meglio definiti mezzi di locomozione (e pertanto tutti i mezzi di locomozione, comprese le biciclette), ciò che è praticabile (in teoria) è applicare il regolamento e vietare il parcheggio a tutti.

    Se si riesce ad applicare questa disposizione, allora è possibile riuscire a fare un elenco di condòmini che chiedono di poter parcheggiare, e poi immaginare un regolamento, un' apposita tessera di autorizzazione per riconoscere gli aventi diritto, e un contributo (magari è possibile anche attrezzare un' area definita da destinare a parcheggio di moto e biciclette).

    Se non si riesce neanche ad applicare una disposizione del regolamento così chiara (divieto di parcheggio per tutti), magari richiamandola anche su una apposita delibera di assemblea, ritengo che sia molto difficile immaginare di organizzare il diritto di parcheggio, pretendendo perfino un contributo economico.
     
    A aurosat piace questo elemento.
  3. aurosat

    aurosat Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Il passaggio da Te proposto oltre che essere giusto è anche logico, ma stante la situazione economica del Condominio, che necessita di fondi "a tutto spiano", poichè sembra che possano andare in porto con molta probabilità due ipotesi d'entrate cospicue (dall'ottimizzazione affitto casa del portiere, trasformata in A10 per uso studio, e pubblicità su una parete esterna visibile in modo molto efficace), vorrei tentare di far "percorrere" sul tema motorini la strada del buon senso e della disponibilità collettiva, per cui far pagare una quota di contribuzione (minima, ma intanto si sancisce un principio) ai fruitori del parcheggio la leggerei come una "quadratura del cerchio" ottimale. Ma mi chiedo: è giuridicamente percorribile?
     
  4. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    In teoria è possibile.
    In pratica, tenendo conto di ciò che hai scritto, credo che sia molto difficile da realizzare.
     
    A aurosat piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina