1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. silvia pd

    silvia pd Nuovo Iscritto

    Buongiorno a tutti! Vorrei sapere se per presentare un progetto per la realizzazione di parcheggi in un cortile, NON condominiale ma in COMPROPRIETA', che prevede inoltre l'eliminazione di aree verdi, servono le firme di tutti i comproprietari o sono sufficienti le firme di chi detiene la maggioranza della comproprietà.

    Grazie

    Silvia
     
    A Nuccio piace questo elemento.
  2. nuoviorizzonti

    nuoviorizzonti Membro Attivo

    Professionista
    si... tutti i proprietari
     
  3. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    penso che servano quelle di tutti. sia perchè togliereste le aree verdi deprezzando la proprietà degli altri, sia perchè un parcheggio creerebbe problemi per tutti.
     
  4. silvia pd

    silvia pd Nuovo Iscritto

  5. cautandero

    cautandero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    La comproprietà di un bene, da parte di tre o quattro proprietari è già un condominio e quindi si seguono le regole fissate per la gestione di un condominio.
     
  6. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Non è esattamente così, occorrerà fare qualche distinguo:
    Quote di partecipazione

    Nella comunione le quote di partecipazione si presumono uguali, salva diversa disposizione del titolo.

    Ciò vuol dire che se ci sono due proprietari ognuno sarà titolare di una quota che rappresenta il 50% della proprietà, se sono quattro il 25% e così via.

    Nel condominio, invece, il diritto di ogni comproprietario sulle cose comuni è il frutto un rapporto di proporzione tra l’unità immobiliare di proprietà esclusiva e le cose comuni.

    Tale rapporto di vale viene espresso in millesimi contenuti nelle così dette tabelle millesimali.

    Solamente un diverso accordo può portare ad una diversa valutazione del valore delle proprietà esclusive rispetto alle parti condominiali.

    Sostanzialmente, quindi, l’esatto contrario rispetto alla comunione.

    Ripartizione delle spese

    Nella comunione, salvo patto contrario, i comunisti saranno tenuti a partecipare in modo uguale alle spese necessarie alla conservazione della cosa comune, laddove, invece, è risaputo, nel condominio la suddivisione in parti uguali è prevista solo in caso d’accordo tra tutte le parti cosicché in assenza di esso i costi dovranno essere ripartiti sulla base dei millesimi di proprietà.

    Obbligazioni condominiali e per la comunione

    Nel caso di comunione vige il principio di solidarietà (ognuno può pagare per tutti salvo rivalsa) mentre nel caso del condominio, le Sezioni Unite della Cassazione (n. 9148/08) hanno escluso la solidarietà delle obbligazioni in favore della parziarietà delle stesse (cioè ognuno paga per sé).

    Amministratore

    Nella comunione la nomina dell’amministratore è sempre facoltativa, nel caso del condominio, invece, è obbligatoria se i proprietari delle unità immobiliari sono più di quattro (art. 1129 c.c.)
     
    A bartolini3 piace questo elemento.
  7. Zio Felix

    Zio Felix Nuovo Iscritto

    Cortile in comunione


    Molto chiara la differenza tra comunione e condominio, adesso però mi sorge un dubbio, in un cortile con aia, forno, cisterna ed altre zone in comune all'inizio essendoci 2 comunisti, la comunione era a metà, 50% e 50%, successivamente uno dei 2 è deceduto e sono subentrati 4 eredi, variano le percentuali? Cioè la comunione è rimasta al 50% per l'altro comunista e 12,5% gli eredi del deceduto o diventa 100% diviso 5, quindi 20% per tutti?

    Grazie per l'eventuale risposta
     
    A bartolini3 piace questo elemento.
  8. bartolini3

    bartolini3 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    si dice che il terreno è in comproprietà e non in condominio, io credo che tale affermazione deve essere verificata nel rogito che ha dato origine al condominio. Secondo cosa dice il rogito la situazione può essere diversa.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina