1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. valepiry

    valepiry Membro Attivo

    Buongiorno a tutti

    ho un problema: il mio inquilino non paga l'affitto da oramai 4 mesi, praticamente da quanto è iniziato il contratto.
    Dopo 3 mesi che non pagava ho iniziato azione legale e il mese prossimo ci sarà l'udienza.
    L'avvocato mi ha detto che un paio di settimane fa c'è stata la notifica all'inquilino.
    L'inquilino, dall'inizio del contratto, mi chiama ogni 2 giorni per dirmi che il giorno dopo mi porta i soldi, ma non viene mai e continua ad inventarsi 1000 scuse.

    Ora, il mio dubbio è questo: l'inquilino, pur chiamandoci sempre , fa finta di nulla riguardo allo sfratto e non ci ha mai detto di aver ricevuto la notifica.

    L'avvocato sostiene che sicuramente, essendo la notifica in busta " anonima" lui ha firmato e ha buttato via senza nemmeno aprirla ( è un personaggio che a quanto pare ha vari guai e debiti da cui fugge ).

    La mia domanda è : che succede se lui non si presenta all'udienza e se dopo la convalida lui nega di aver ricevuto comunicazione? So che la notifica avviene a mezzo di una firma (o almeno..cosi mi è stato detto ) ma posso davvero star tranquilla che lui non possa più " appellarsi ? "

    Dopo la convalida del giudiche che succede? Mi raccontate le vostre esperienze se vi va?
    Grazie mille
     
  2. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Dal mio punto di vista, mi considero fortunata quando il mio inquilino non si presenta alla prima udienza!
    In questo caso il giudice convalida lo sfratto per morosità e fissa la data di rilascio spontaneo dell'unità immobiliare da parte del moroso (in genere dopo circa 30 giorni).
    Se invece l'inquilino si presenta e dichiara le sue difficoltà a pagare (perdita del lavoro, ecc) quasi sicuramente il giudice gli concede il termine di grazia di max 90 giorni.
    Ciò significa una seconda udienza, maggiori spese che il proprietario si vede addebitate dal proprio avvocato, perdite di tempo se malgrado questa "proroga" l'inquilino non può o non vuole pagare.
    Per quanto riguarda la notifica, come ti avrà detto il tuo avvocato è comunque valida anche se l'inquilino non la ritira oppure la ritira ma non la legge.
    Ovviamente se l'inquilino non adempie al rilascio spontaneo intimato dal giudice la pratica legale procede e deve intervenire l'ufficiale giudiziario per l'esecuzione dello sfratto. I tempi purtroppo possono essere lunghi (qui a Torino circa 6 mesi).
    Se veramente il tuo inquilino non è a conoscenza della pratica di sfratto in corso e ti paga parte dell'affitto, tu incassa i soldi e riferisci al tuo avvocato. Il quale alla prima udienza dovrà dichiarare al giudice se il debito sussiste (anche solo parzialmente rispetto alla somma intimata) o se è stato estinto totalmente.
     
    A Faustino e valepiry piace questo messaggio.
  3. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Si e'cosi,meglio che non si presenti
     
    A valepiry piace questo elemento.
  4. tuonoblu

    tuonoblu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    se non si dovesse presentare all'udienza di convalida , è un problema che riguardua esclusivamente l'inquilino, io al tuo posto sarei molto contento poiché accellera la procedura di sfratto ossia il giudice non perde tempo con proroghe e convalida subito lo sfratto fissandone la data di rilascio.
     
    A valepiry piace questo elemento.
  5. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    E se salta fuori "l'ultimissima": morosità incolpevole?
    Perdita di lavoro e quant'altro: bimbi piccoli, vecchi invalidi.
    Brutte rogne si prospettano.
     
  6. tuonoblu

    tuonoblu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    il giudice allunga i tempi concedendo ulteriore proroga o "termine di grazia".
     
  7. valepiry

    valepiry Membro Attivo

    nel mio caso non ci sono ne minori ne anziani in casa...e per quanto ne so io l'inquilino lavora.... mahhhh....che strano personaggio
     
  8. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Se ne trovano a iosa di personaggi...strani.
    Uno di questi, malauguratamente, è capitato a te.
     
  9. tuonoblu

    tuonoblu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    beh allora la situazione è più rosea, non dovrebbe aver diritto ad alcuna concessione o proroga
     
  10. Gian78

    Gian78 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    volevo porvi una domanda se l'inquilino trova una motivazione valida per non presentarsi alla prima udienza?che succede?
     
  11. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    L'inquilino può farsi rappresentare dal suo avvocato.
    Se però non ha un avvocato, credo che l'unica motivazione valida per non partecipare all'udienza sia inviare un certificato medico che attesti la sua reale impossibilità. Penso che il giudice ne prenda atto e fissi una seconda udienza dopo un certo lasso di tempo.
    Non so se altre motivazioni, tipo una dichiarazione del datore di lavoro dell'inquilino dalla quale risulti che non gli si concede un giorno di ferie/permesso per andare in tribunale, siano ritenute valide.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina