1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. marefix

    marefix Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buonasera,mio fratello sta acquistando la nuda proprietà della casa dei nostri genitori.
    Io, dai miei genitori avro in dono parte del denaro ricavato da tale vendita.
    Quindi fra circa 15gg ci sarà l' atto notarilci, però non so se anche io ho delle spese da pagare e quanto (notaio? Tasse?).
    Un grazie anticipato a chi mi risponde.....
     
  2. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per le tasse, catastali e ipotecarie, l' importo è del 3 per cento. Aggiungi spese di trascrizione, visite ecc. (200-500) e parcella notaio (1000-2500) ed hai un totale "a spanne ". Ma, nulla ti vieta, prima dell' atto, di farti fare dei preventivi da più notai. Il prezzo che ho indicato tra parentesi è il risultato dei preventivi che, poco tempo fa, mi sono fatto fare. Noti delle differenze di prezzo?
     
  3. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Quanto detto prima è valido se la donazione verrà formalizzata da atto notarile. Se invece ti riferivi all' atto di acquisto di tuo fratello, tu non c' entri nulla con le relative spese e non sei neanche tenuto ad essere presente al rogito.
     
  4. marefix

    marefix Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    No certo,io intendo solo le spese per la donazione.
     
  5. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ne abbiamo parlato diverse volte, ma non siamo mai riusciti ad avere certezza sul come e sul quanto. Se la tua parte ti viene data
    in contanti vi sarà il problema dei prelievi multipli da parte del donante e del successivo deposito (salvo il ricorso al mattone mobile casalingo) del donatario, il fisco potrebbe eccepire qualcosa. Se la tua parte ti viene trasferita
    con assegno o bonifico, quindi tracciabile, il fisco sembra poco interessato ad approfondire. Alla fine sarebbe solo un'anomalia
    puramente familiare, che potrebbe essere sanata con una scrittura
    privata rafforzata dalla causale sul bonifico. Comunque senza certezze...Il groviglio giuridico sulla Donazione-Collazione si presta ad acrobatiche giravolte impossibili da elencare in poche
    righe. Siamo di fronte alla famosa culla del diritto che invece di
    certezze ci ha infoderati nella più bieca incertezza divisoria...
    Boccaccia mia statti zitta...!!! Altrimenti qualcuno dalla Sardegna
    ti potrà mettere in fila per due e...camminare all'indietro.
    Cappitto??? Quiproquo.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ohibò! Nel caso di donazione di denaro, che è la fattispecie in discussione, non esistono "tasse, catastali e ipotecarie". Caso mai, esiste l'imposta sulle donazioni (se l'importo del denaro donato supera la franchigia prevista). Nessuna "tassa", tanto meno "catastale" e/o "ipotecaria". Almeno fino a quando il denaro non sarà un bene "immobile". :maligno:
     
    A rita dedè e quiproquo piace questo messaggio.
  7. marefix

    marefix Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Donazione al coniuge e parenti in linea retta (figli, padri, madri) Per la donazione si applicherà una aliquota del 4% sul valore complessivo della donazione con una franchigia di 1.000.000 milione di euro. Al superamento del limite le imposte saranno pagate solo sull’ecesso.

    Quindi, dovendo prendere una cifra molto inferiore alla franchigia, non dovrei avere nessuna spesa?
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Nessuna imposta di donazione.
    Ma, salvo che la donazione possa essere considerata di "modico valore" (importo donato in relazione alla situazione economica del donante), è richiesto l'atto pubblico, pena la nullità. Dunque vi saranno le spese per il notaio che redigerà tale atto.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  9. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Vi sarà solo un "problema" di collazione.
    Quindi alla morte del donante:
    - riunione "fittizzia" della donazione col patrimonio lasciato dal defunto (donatum + relictum)
    - calcolo delle quote spettanti per legge ai successori.
    - valutazione del diritto dei legittimari alla luce degli atti di disposizione fatti in vita dal de cuius
    - eventuale riduzione della donazione in caso di lesione di legittima.
    Quindi se quel denaro supererà la "quota disponibile" del genitore, lei dovrà restituirne al fratello sino a concorrenza del suo diritto di legittimario.

    Esempio: Caio ha due figli, Sempronia e Tizio.
    Alla sua morte lascia i figli + il coniuge superstite
    Non esiste testamento ed il patrimonio lasciato è pari a 70.000,00 Euro.
    In vita Caio donò a Sempronia 30.000,00 Euro.
    Partimonio ereditario = 100.000,00 Euro (70.000,00 + 30.000,00)
    Quota disponibile di Caio: 25.000,00
    Quote spettanti agli eredi: 25.000,00 ciascuno (e diritto di uso/abitazione coniuge)
    Tuttavia Sempronia ha ricevuto in vita 5.000,00 in più di quanto previsto dalla legge (25.000,00); dovrà dare 2.500,00 a Tizio e 2.500,00 al coniuge superstite, ossia vedrà ridotta la donazione da 30.000,00 a 25.000,00 euro
    Riepilogando, queste le somme di cui ciascuno beneficerà:
    - Sempronia Euro 50.000,00
    - Tizio Euro 25.000,00
    - Coniuge superstite Euro 25.000,00 + diritto uso e abitazione.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  10. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    C'è una tabella che stabilisca con buona certezza quali siano gli importi di modico valore rapportati al patrimonio del Donante,
    magari in percentuale???
    Esempio: da l'un per cento al 5%???...6...7... e via dicendo...
    Dove sarà il limite...???
    E chi chiede o decreta la nullità...???
    L'eventuale coerede sedicente leso???
    E/O il fisco???
    Oppure è solo una nullità virtuale per il rientro nella massa ereditaria finalizzata all'equo conteggio ripartitore???
    Avendo per esempio il donatario speso tale importo,
    risultando poi anche incapiente???
    E se la "dazione" non di modico valore viene versata a rate in contanti e in silenzio, come si farà a decretarne la nullità???
    Ecco, oltre Nemesis se crede, intervenite numerosi a cominciare
    dall'amico Sardu...Sardu...
    Potremo verificare quanti e quali pareri e di che fattezza...!!! quiproquo.
     
  11. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Nessuna Tabella, nessuna %
    Ciò stante la definizione data dal legislatore in capitolo; infatti l'art. 783 Cc espone si limita ad esporre due presupposti:
    - valore di quanto donato
    - consistenza patrimoniale del donante
    Spetterà solo al Giudice definire se, alla luce di tali presupposti, si configuri o meno il "modico valore"; il suo giudizio di merito sarà insindacabile in sede di legittimità.
    L'illeggittimità è sancita dal Giudice e lo stesso potrà accertarne anche la "simulazione" atta ad eludere il limite di legge
    Quando un atto è nullo non produce i suoi effetti; il donatario diverrà debitore del donante e dei suoi aventi causa; verso lo stesso si potrà agire per la restituzione ex art. 2033 (salvo che, con il decorso del tempo, non si siano realizzati anche tutti gli elementi per l'usucapibilità)
     
    Ultima modifica: 14 Maggio 2015
    A rita dedè e quiproquo piace questo messaggio.
  12. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Letto, riletto e piaciuto. Resto perplesso. e mi spiego. Non si tratta di un immobile che passa da padre a figlio...inevitabile scivolare
    nell'istituto giuridico denominato "DONAZIONE" e l'eventuale futura azione di Collazione...e qui si adatta a pennello la tua, la sua dotta puntualizzazione...niente da eccepire...compreso la usucabilità. Io sto pensando alle elargizioni o dazione(alla Di Pietro) in denaro contante, proprio con l'intenzione di sfuggire alle regole di tale istituto come avviene da quando esiste la moneta in tutte le famiglie del mondo dentro e fuori di esse. Si potrebbe aprire un ventaglio di ipotesi che lascio alla fantasia dei propisti interessati. Mi limito al caso di due fratelli coeredi di cui uno abbia beneficiato in assoluto silenzio di notevoli somme di denaro in contante che il padre abbia volutamente elargire (donare) in esclusiva per finanziare un corso di specializzazione... un'Attività...DEBITI leciti o illeciti...Orbene il fratello leso che ne abbia un "fondato" sospetto come potrà adire al giudice senza un minimo di prove e ammesso pure che ci si arrivi per deduzione come potrà il magistrato fissare il Quantum elargito??? Ero, resto e sarò sempre perplesso oltre alla mia nota indignazione su tutto
    l'apparato del diritto di famiglia in tema di successioni. Quiproquo.
    P.S. Domanda: Il denaro (quel denaro) è.... usucapibile???
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  13. marefix

    marefix Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ho l'impressione che stiamo uscendo dal tema.
    Allora, mio fratello ritira la nuda proprietà dai miei genitori acquistandola.
    Esempio:
    Valore tramite perizia della nuda proprietà euro 240.000.
    Dopo colloquio con avvocato per "mediazione ",abbiamo deciso che io avro' la quota di euro 120.000 meno 12.000 euro che, con accordo con mio fratello, decidiamo di lasciare ai nostri genitori (12.000 io e 12.000 mio fratello).
    Quindi se non erro, mio fratello farà un assegno ai mie genitori di euro132.000 e i miei suoneranno a me la cifra di euro108.000.
    Richiedo....... Quale sarà la mia spesa per la donazione?
     
  14. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Credo la risposta di Nemesis quella giusta.
    Noto una discrepanza che mi auguro errata.
    Mi risulta ( e spero di sbagliarmi) che, in assenza di testamento,
    la disponibile non sia riconosciuta, salvo il consenso di tutti gli eredi. Ripeto, mi auguro di sbagliare, e ne sarei felice. Tanto da fare un notevole sconto alla mia indignazione
    sull'argomento...Qpq.
     
  15. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    La disponibile esiste anche in assenza di testamento, soprattutto laddove il de cuius abbia in vita disposto con donazione circa il proprio patrimonio. Non fosse cosi', sarebbe semplice eludere la legge ed i diritti dei legittimari (sempre riconosciuti anche nell'ipotesi di successione legittima)
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  16. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sbagli. La collazione esiste anche nella successione legittima. È solo necessario che i discendenti o il coniuge siano chiamati per quota.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  17. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La mia domanda non si riferiva alla collazione che esiste comunque...bensì alla disponibile che Ollj asserisce di sì anche in assenza di testamento...senza però indicarmi dove si possa andare a leggere con codice alla mano. Per ora resto perplesso. E ripeto:
    spero di sbagliarmi. E quindi azzardo una riflessione: se nessuno degli avvocati Propisti interviene su questo quesito è segno che
    la mia (che poi non è la mia) versione è giusta, Il perchè lo lascio alla vostra immaginazione...forse solo @JERRY48 potrà spiegarlo
    a modo suo. A @Ollj vorrei segnalare che su tale argomento abbiamo disputato a lungo e sarebbe opportuno che lui ne faccia
    ricerca per un migliore approfondimento sulle rispettive posizioni.
    Per ora grazie ad entrambi e a chi altro vorrà intervenire. qpq.
     
  18. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se ammetti che la collazione esiste comunque (sia nella successione testamentaria sia in quella legittima), come penseresti di applicarla nel caso della successione legittima?
     
  19. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Puo andar bene?

    Repubblica Italiana, Codice Civile, Libro II°
    Delle Successioni

    Cito un articolo a caso: art. 737 Cc:
    "I figli e i loro discendenti ed il coniuge che concorrono alla successione devono conferire ai coeredi tutto ciò che hanno ricevuto dal defunto per donazione direttamente o indirettamente, salvo che il defunto non li abbia da ciò dispensati. La dispensa da collazione non produce effetto se non nei limiti della quota disponibile"

    Cosa insegna tutto ciò?
    Che quanto spetta ai legittimari mai potrà essere oggetto di scelta del de cuius; egli potrà agire solo nel limite della propria quota disponibile (che esiste ed è determinabile a prescindere dal tipo di successione futura, legittima o testamentaria che sia).

    Esempio Scolastico:
    Sempronio ha due figli (Caio e Tizia) e dona a Tizia € 1000,00 dispensando la stessa dalla collazione.
    Muore Sempronio e, in assenza di testamento, si apre la sua successione legittima, con relictum di € 2.000,00 depositati su di un C.C. Bancario.
    A Caio e Tizia, eredi legittimi, andranno € 1.000,00 ciascuno (relictum/2); Tizia avrà anche ricevuto, de cuius in vita, la donazione di € 1.000,00
    Ove la donazione dispensata superasse la quota disponibile di Sempronio, Caio potrà agire contro Tizia.

    Compito per casa: a quanto ammonta la disponibile di Sempronio? (gestibile ex art. 737 Cc. senza così ledere il diritto di Caio).
     
  20. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Nel diritto non lascio mai spazio all'immaginazione: di cortesia vuol enunciare tal sua versione?
    Grazie.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina