1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Salve a tutti,
    espongo il mio problema:
    il mio vicino sta costruendo nel suo cortile una veranda con due pilastri in cemento aderenti al muro di mia proprietà della mia casa
    1) può farlo?
    2) se sì, il vicino come deve procedere nel rispetto della mia proprietà?
    3) cosa posso fare io per verificare se tutto procede anche nel rispetto della
    legalità? poichè con queste storie delle varie sanatorie, mi sa che ognuno fà
    ciò che vuole, perchè tanto ci sono tante scappatoie per farla franca:disappunto:

    grazie anticipatamente a chi mi vuole illuminare:idea:
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Qualunque sanatoria o condono, non potrà mai ledere i diritti "terzi".
    Il tuo vicino non può costruire pilastri in aderenza al tuo muro della casa, di principio.
    Attento, però, se ricostruisce dopo una demolizione di un manufatto preesistente che si trovava in aderenza, se ha qualche diritto datogli da te o chi per te, insomma, sembra essere un abuso e come tale, lo vai a verificare in Comune, chiarisci se ha una licenza edilizia concessa e regolare e ti consigli con il Geometra Comunale. Se acquisisci la convinzione che sia abusivo, devi diffidarlo, in primis, e quindi se non demolisce lo devi denunciare.
     
    A gcava, salva tore e geomarchini piace questo elemento.
  3. gcava

    gcava Membro Attivo

    Professionista
    Da buon vicino...ipotizzando comunque una situazione perfettamente in regola...doveva perlomeno premurarsi di avvisarti. Immagino però che la situazione non sia trasparente pertanto un salto presso l'ufficio tecnico comunale è consigliabile.
     
    A Adriano Giacomelli e geomarchini piace questo messaggio.
  4. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Non ha demolito nessun manufatto preesistente e non ha nessun diritto dato da me o da nessun'altro.
    Ma se è un abuso come faccio a farlo emergere? Al Comune possono anche rispondermi che per ora è tutto in regola essendo stata data la concessione. Poi magari fanno la sanatoria dopo eseguiti i lavori e il Comune se ne lava le mani rispondendomi pure: ora è una questione tra voi vicini, adite alle vie legali!!!
    Ma perchè tutto ciò. Perchè dopo il danno anche la beffa? E perchè sempre buttare soldi per gli avvocati ? :disappunto::disappunto::

    Aggiunto dopo 11 minuti :

    Il detto:..... parenti serpenti..... molte volte è appropriato.
    I vicini poi:....serpenti biforcuti. Spero non sia il mio caso.
    Comunque cosa devo chiedere al geometra comunale? Com'è la prassi da seguire?
    Grazie per la tua risposta.
     
  5. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    Adriano mi spieghi perchè non può costruire in aderenza?????????????????????:idea:
     
  6. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    X SALVO Dunque, se tu hai un'abitazione, un cubo, per intendersi che ha un lato su un confine, si ritiene un diritto acquisito della casa, avuto per svariati motivi. Arriva il vicino e deve rispettare le distanze da codice Civile per edificare, distanza minima 3 m dal confine, se costruisce da un semplice confine, le sue finestre devono aprire ad almeno 1,5 m dalla linea di confine.

    X Salvatore
    Chiedi al tuo vicino, come mai edifica, gli fai osservare che tu non ritieni corretta la sua opera, senti cosa ti dice ed una idea in più te la sei fatta. Ti ripeto, anche dovesse sanare, i tuoi diritti non decadono. Ti scoccia spendere in Avvocati?
    Scrivi subito la tua raccomandata di diffida da solo, intanto metti un termine ai tempi e al reato.
     
    A lucia piacente piace questo elemento.
  7. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    Adriano ti ringrazio per la risposta, ma io sapevo che si può, per quanto ed in quanto il prg lo consente e la situazione, costruire in aderenza alla costruzione del vicino o ritirarsi per la distanza prevista mi pare 10 ml. Fammi capire ciao grazie a tutti!
     
  8. gcava

    gcava Membro Attivo

    Professionista
    Dipende dal regolamento edilizio del comune. Se questo contempla, così come recita l'art. 877 del Codice Civile "Il vicino, senza chiedere la comunione del muro posto sul confine, puo' costruire sul confine stesso in aderenza, ma senza appoggiare la sua fabbrica a quella preesistente." il vicino lo può fare. Bisogna però fare attenzione, a tal proposito allego un'immagine, il vicino non dovrebbe lasciare intercapedini, per cui tra un pilastro e l'altro dovrebbe perlomeno inserire una fila di mattoni. Poi ovviamente c'è da considerare anche altezze, finestre ecc ecc.
     

    Files Allegati:

    • 1.jpg
      1.jpg
      Dimensione del file:
      13,4 KB
      Visite:
      17
    A salvo cervino e capolindo piace questo messaggio.
  9. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    La mia domanda è rivolta a a gcava, a cui ho dato un mi piace, ma estesa anche ad adriano ma le distanze da confine eventualmente non sono quelle previste dal DM 1444 dalle quali non può derogare neanche il prg locale??:shock:
     
  10. gcava

    gcava Membro Attivo

    Professionista
    beh Salvo...intanto grazie :daccordo:...il DM 1444 non parla di distanze dai "confini", ma tra "fabbricati", siano essi esistenti o di nuova costruzione. Per le distanze dai confini si parte dal Codice Civile se il comune non regolamenta diversamente...e poi sentenze su sentenze....come ogni cosa in Italia ;)
     
  11. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    Ti ringrazio ma dico e sopratutto chiedo si può costruire in aderenza o no??
     
  12. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Scusa gcava, mi spieghi bene:
    " senza chiedere la comunione del muro posto sul confine " ; se io ho costruito sul mio terreno rispettando i confini, come può il vicino chiedermi la comunione del muro della mia casa?. Poi per quanto riguarda il costruendo, ieri sera mi sono affacciato al cortile del vicino e ho visto i 4 pilastri di circa 2,5 mt. già eretti e i due adiacenti al mio muro a distanza di circa 60/70 cm.; è tutto in regola? comunque ho tirato un sospiro di sollievo e mi sono rasserenato :p. Quindi, se non ho capito male, devo stare attento ora a che costruiscano un muro di mattoni aderente al mio. E' così?
    Ti ringrazio per le illuminazioni:idea:
     
  13. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    Perché il discorso così come posto da Adriano, che stimo molto, non mi ha convinto!
     
  14. gcava

    gcava Membro Attivo

    Professionista
    per Salva tore il Codice Civile prevede "il proprietario di un fondo contiguo al muro altrui può chiederne la comunione per tutta l'altezza o per parte di essa , puché lo faccia per tutta l'estensione della sua proprietà. Per ottenere la comunione deve pagare la metà del valore del muro, o parte di muro resa comune, e la metà del valore del suolo su cui il muro è costruito. Deve inoltre eseguire le opere che occorrono per non danneggiare il vicino"
    . Quando intendi che i pilastri sono a una distanza di 60-70 cm intendi tale distanza dal tuo muro? Se fossero attaccati al tuo muro sarebbero in regola (però ripeto che poteva almeno avvisarti), però sarebbe necessario tra un pilastro e l'altro edificare un muro per non creare "vuoti", in modo che tutto sia aderente al tuo...non so se mi sono spiegato bene (rappresentato perfettamente nel disegno di prima). Se però i pilastri sono a 60-70 cm dal tuo muro NON sono per nulla in regola, pertanto sintetizzando la correttezza sta nel mantenere le distanze legali oppure la possibilità di costruire in aderenza, e per entrambi le possibilità sarebbe il caso di consultare il regolamento edilizio del tuo comune.
     
    A salva tore piace questo elemento.
  15. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    gcava, per quanto riguarda la richiesta della comunione del muro della mia casa, quindi sono io che ho "il diritto" di non accettare la richiesta del proprietario del fondo contiguo, è così no?
    Per quanto riguarda i pilastri, ho visto il tuo allegato e tutto mi è chiaro; preciso ulteriormente che dei quattro pilastri eretti due sono a a 60-70 cm dal mio muro e gli altri due a circa 5 mt, quindi la mia convinzione è che la distanza dei due vicini al mio muro sarà coperta dal tetto in aderenza alla mia casa e sorretto dai quattro pilastri. Quindi non in regola e illegale, ma se erigessero un muro di mattoni in aderenza al mio tutto cambierebbe e sarebbe in regola e legale anche se esistono sempre i due pilastri a 60-70 cm dal mio muro? E' un altro quesito, purtroppo.
    Comunque la prima cosa che farò è andare al Comune e interpellare il tecnico.
     
  16. gcava

    gcava Membro Attivo

    Professionista
    esattamente, tu devi autorizzarlo alla eventuale comunione, lui dovrebbe avvisarti erigendo un muro in aderenza al tuo. Se poi i primi due pilastri sono come dici a 60-70 cm non sono in ogni caso in regola. Faccio presente che il tetto come dici tu sarà in aderenza alla tua casa...ma nulla impediva di farlo nello stesso modo ma con i pilastri aderenti al tuo, anche perché se realizzasse un muro in mattoni per risolvere il problema....occorrerebbe un minimo di appoggio (fondazioni)...per cui bastava far fin dal principio una cosa ben fatta. Messa in questo modo mi sentirei quasi di garantire che nessuna richiesta comunale è stata presentata dal tuo vicino...ma questo sarà il tuo tecnico a dirtelo.
     
    A salva tore piace questo elemento.
  17. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Grazie gcava, mi sei stato veramente d' aiuto e mi illustrato esurientemente tutte le componenti inerenti:daccordo:
    alla prossima
     
  18. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    Credo che sia in poche parole la verità e la realtà della tua situazione. Se c'è qualcuno che vuole aggiungere e commentare siamo qui.
     
  19. monolis

    monolis Membro Junior

    A prescindere se gli sia consentito o meno costruire in aderenza, devi verificare la legittimità del cantiere in atto. Vai al Comune e portati una buona documentazione fotografica di cui una foto con data certa (prima pagina di giornale) che dimostri che i lavori sono in corso e la documentazione relativa alla tua proprietà (atto di compravendita, planimetria e visura catastale, ecc.). Fai vedere tutto al tecnico e chidigli di verificare con quale titolo il tuo vicino sta edificando il manufatto.
     
  20. gcava

    gcava Membro Attivo

    Professionista
    Speriamo che il nostro contributo ti aiuti a risolvere la situazione. :ok:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina