1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Buongiorno a tutti,
    Nell'appartamento dove sono in affitto è apparsa la muffa da diversi mesi, ho già mandato disdetta anticipata ma ho subito dei danni per via della muffa. Danni ai mobili comprati su misura per questa casa, vestiti rovinati e danni alla mia salute (sono rimasta al letto con la schiena bloccata per una settimana) visto che devo continuamente spostare mobili pesanti per pulire la muffa oltre al fatto di aver respirato, insieme a mio figlio, spore di muffa per mesi e al danno economico del dover sostenere un altro trasloco dopo pochi mesi. Il proprietario di casa non ha mai dimostrato volontà di risolvere il problema. Posso in qualche modo essere risarcito? Grazie.
     
  2. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Bisognerebbe prima capire se la muffa è dovuta a infiltrazioni o a condensa.
     
  3. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Io prendo tutti gli accorgimenti necessari per evitarne la comparsa ma la casa è vecchia, i muri esterni sgretolati e la zona umida.
     
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Quindi già sapevi quali potevano essere le problematiche...in tal senso suona un po' a pretesto sia l'ipotesi di "malattie" per aver respirato "spore"(???) sia i dolori di schiena per aver spostato i mobili (in tal senso la responsabilità resta solo tua).

    Iniziare una causa significa anticipare spese...con poca sicurezza (per quanto spieghi) tu ottenga ragione.
     
  5. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Che siano scuse è un tuo pensiero personale. Solo io so cosa sto passando!
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ti è stato chiesto e non hai risposto se sei in presenza di infiltrazioni d'acqua provenienti da acque meteoriche dalla copertura o dalle murature prive d'intonaco e con lo stesso lesionato e deteriorato o se è riconducibile a condensa che si forma nei ponti termici perimetrali, travi, cordoli o pilastri in cemento armato o, ancora a murature delimitanti di spessore e consistenza inadeguate.
    La muffa si combatte arieggiando i locali in modo da eliminare l'umidità prodotta prevalentemente nella cucina e nel bagno dove il vapore acqueo viene prodotto regolarmente. Può capitare che l'umidità nelle camere sia dovuto alla mancanza di aerazione per non disperdere il calore accumulato, ignorando che l'ambiente scarica l'umidità attratta dalle zone più fredde delle pareti.
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  7. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Io non sono un tecnico per poter determinare le cause della muffa. So soltanto che l'edificio è vecchio con intonaco staccato sui muri esterni e si trova in una zona estremamente umida, la muffa è insorta sui muri perimetrali e non ce n'è traccia in cucina. Quanto all'arieggiare sto morendo di freddo a forza di tenere le finestre aperte ma vedo che i pregiudizi contro i conduttori e la leggenda metropolitana dell'arieggiare poco non hanno fine.
     
  8. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Il mio intervento da tecnico competente, si avvale dei risultati della mia esperienza. Si può certamente evincere che non ti ho incolpata, ho semplicemente esaminato le motivazioni che possono aver provocato il fenomeno lamentato.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  9. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Stesso appartamento, nessun intervento interno o esterno alle murature o agli infissi. Inquilino 1 lamenta muffa e umidità persistente. Si trasferisce.
    I muri interni vengono puliti dalla muffa e imbiancati con normale pittura da interni.
    Inquilino 2 Abita lì da due anni e non c'è traccia di muffa.
    E con questo non voglio assolutamente dire che nel tuo caso si tratti di condensa perchè non ci sono gli elementi per dare un giudizio. Certo è che dimostrare che la muffa e l'umidità sono causati dalla cattiva manutenzione dell'edificio non è nè semplice nè economico.
     
  10. pippopeppe

    pippopeppe Membro Attivo

    Impresa
    il buonsenso mi dice che devi dimostrare quanto asserisci, questo significa che devi chiamare un tuo tecnico di fiducia che dopo un sopralluogo dettagliato, preparerà una relazione tecnica da presentare tramite legale e cercare di far valere le tue ragioni.
    solo tu puoi valutare appieno la convenienza di eventuali azioni giudiziarie.
     
  11. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non metto in dubbio che tu possa avere problemi...solo che se chiedi un consiglio sull'opportunità di aprire una causa legale...io posso solo esprimere un parere su come reagirebbe un Giudice.

    Da "coinvolto" nel settore posso dirti che quanto spiegato da @meri56 capita spesso.

    Se fossi un Giudice non darei valore alla tua lamentela salvo che il problema si sia determinato da cause indipendenti dalla tua volontà e che il "difetto" non fosse già palese fin dal momento che tu hai scelto l'immobile.

    Quanto ai danni "fisici" da spostamento di mobili ti informo che per smuovere oggetti pesanti si seguono determinate regole...quindi mai potresti chiedere i "danni" per i dolori consegunti a lavori che tu hai eseguito personalmente senza rispettare le stesse regole che valgono come norme di prevenzione per gli infortuni sul lavoro.

    Questione diversa i danni a mobili ...ma devi dimostrare il nesso e sopratutto tenere a mente che (metaforicamente) non puoi affittare casa vicino ad una palude e pretendere che non ci siano zanzare.
     
  12. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Siccome la capacità di immagazzinare l'acqua sotto forma di vapore di una massa d'aria è proporzionale alla sua temperatura, succede che se l'aria di una stanza (che si muove con movimenti convettivi alla ricerca di un equilibrio termico) arriva a contato con un muro che ha una sua temperatura più bassa della massa d'aria medesima si provoca un abbassamento della temperatura della massa d'aria che cede il vapore in eccesso rispetto alla nuova temperatura raggiunta. La cessione del vapore si materializza con la formazione di piccole goccioline d'acqua: si dice che è stata raggiunta la temperatura di rugiada. Il fenomeno si osserva sui vetri delle finestre ma anche sui muri. Quindi il problema si risolve tenendo i muri che impediscano all'aria il raggiungimento della temperatura di rugiada. E' inutile aprire le finestre soffrendo di freddo per abbassare la temperatura dell'aria, comprare il deumidificatore, o azionare il condizionatore,o usare altri sitemi di ventilazione forzata, per togliere l'umidità che diventeranno un costo perenne.
     
  13. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Prendo già gli accorgimenti necessari per evitare di "provocare" il fenomeno, anche perché in questa casa ci vivo e tengo a viverci in modo "pulito" anche se non di mia proprietà.
     
  14. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Invece lo pretendo perché nella stessa "palude" dove vivo ci sono case dove il problema è stato risolto con un cappotto esterno. E scommetto che se il proprietario vivesse in questa casa avrebbe già risolto il problema da anni.
     
  15. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Hai perfettamente ragione, è inutile soffrire il freddo perché il problema continua a presentarsi ma io lo faccio anche per cercare di respirare, almeno per qualche ora al giorno un aria più "pulita".
     
  16. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    E intanto molti proprietari continueranno ad affittare catapecchie spacciandole per regge e non curandosi dei diritti dei locatari. Non basta imbiancare per rendere un posto vivibile e tanti difetti purtroppo diventano ovvi quando è troppo tardi per poter scappare.
     
  17. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Chi "pretende" è meglio si compri casa propria...o stia attento a cosa prende in locazione.

    La soluzione te l'hanno già data:
     
  18. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    Quanto scrive Diramaz non ha senso, chi affitta ha necessità che l'unità immobiliare sia igienicamente abitabile, non può certo l'inquilino verificare all'atto del contratto possono in un secondo momento verificarsi problematiche che rendonol'alloggio inabitabile.
    Consiglio a Newbie2015 di rivolgersi all'ASL per far accertare quanto sostiene.
     
    A Newbie2015 piace questo elemento.
  19. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Avevo pensato di rivolgermi all'ASL solo che per farlo dovrei smettere di pulire la muffa per permettergli di vedere la casa come era la prima volta che ho scoperto la muffa e lasciarla affiorare "selvaggiamente" e avendo un infante in casa non me la sento di farlo.
     
  20. Newbie2015

    Newbie2015 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    Non penso che bastino le foto che ho fatto prima di cominciare a pulire.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina